Novita notturna

Egregi dottori ho gia' scritto negli ultimi mesi di ricorrenti dolori al basso intestino e diarrea ormai da maggio; i primi due mesi diarrea 1-2 volte al giorno con giorni di assenza di scariche; agosto e' passato quasi normalmente con feci molto dure e ameta' settembre e' in pratica tornata la seguente sintomatologia; al mattino vado in bagno con feci normali,il giorno successivo a volte non vado per nulla il mattino dopo di nuovo feci normali e lo stesso giorno poi, ad intestino vuoto, dopo pranzo dopo un ora spasmo alla pancia forte di qualche secondo e dopo 15 minuti diarrea o feci molli; e cosi' da due mesi;il gastroenterologo mi parla di colon irritabile ma a me risulta che questo non crea risvegli notturni e poi diarrea come e' successo 20 giorni fa'. Aggiungo che ho 47 anni e non ho avuto significative perdite di peso; ho fatto calprotectina fecale e rettoscopia 2 mesi fa'. Grazie.
[#1]
Dr. Felice Cosentino Gastroenterologo, Chirurgo apparato digerente, Chirurgo generale, Colonproctologo 70.3k 2.2k 88
Troverei utile l'esecuzione della colonscopia. Credo possa essere l'unico esame in grado di dirci la stato di salute del suo colon e instaurare successivamente la corretta terapia.

Un cordiale saluto

Dr Felice CosentinoGastroenterologo/Endoscopista - Milano (Clinica La
Madonnina), Reggio Calabria
(Clinica Villa Sant’Anna)

[#2]
dopo
Utente
Utente
Grazie per la risposta, Le ricordo che che e' stata fatta 5 anni or sono e 15 anni fa' senza adenomi o altre formazioni tranne una infiammazione aspecifica; grazie.
[#3]
Dr. Felice Cosentino Gastroenterologo, Chirurgo apparato digerente, Chirurgo generale, Colonproctologo 70.3k 2.2k 88
L'unico dato contrastante con il colon irritabile (anche se la sintomatologia ci può stare) è che tale sindrome non crea risvegli notturni. Per tale motivo propenderei per una valutazione endoscopica.


Saluti

[#4]
dopo
Utente
Utente
Mi scusi ma aggiungo un particolare che forse potrebbe servire ad evitare l'ennesima colon: al risveglio alle tre di notte il dolore era in basso a sinistra ed e' durato al massimo 10 secondi, subito dopo temendo un addome acuto ho appoggiato la mano sulla parte ed era dura solo li' a sx molto dura. grazie.
[#5]
dopo
Utente
Utente
Mi scusi ma aggiungo un particolare che forse potrebbe servire ad evitare l'ennesima colon: al risveglio alle tre di notte il dolore era in basso a sinistra ed e' durato al massimo 10 secondi, subito dopo temendo un addome acuto ho appoggiato la mano sulla parte ed era dura solo li' a sx molto dura. grazie.
[#6]
Dr. Felice Cosentino Gastroenterologo, Chirurgo apparato digerente, Chirurgo generale, Colonproctologo 70.3k 2.2k 88
Bisogna valutare se tale segno della palpazione è da riferirsi ad una semplice distensione del sigma (ed è tale se si risolve con l'emissione di aria).

[#7]
Dr. Alessandro Scuotto Gastroenterologo, Perfezionato in medicine non convenzionali, Dietologo 4.6k 139 98
Gentile signore,
alla luce delle notizie sulla sua storia clinica, se l'episodio notturno di dolore addominale, regredito dopo poco, è rimasto isolato, cioè si è presentato una sola volta, l'esame endoscopico può essere superfluo; ma se questi episodi si sono ripetuti più volte, ribadisco l'opinione esposta dal collega che mi ha preceduto: c'è indicazione per la colonscopia. Anche se questa indagine è stata già praticata cinque anni prima.
Cordiali saluti.

Alessandro Scuotto, MD, PhD.

[#8]
dopo
Utente
Utente
grazie per i chiarimenti, e' accaduto solo una volta 2 settimane fa' e spero rimanga un caso isolato; per precisione ricordo che e' gia' successo un altra volta 1-2 anni fa' dopo aver mangiato pizze e dolci e dopo 10 minuti l'evacuazione ha risolto il fastidio. Certo se si pensa che la sequenza adenoma -neoplasia ha bisogno di almeno tre anni e che io 5 anni fa' non avevo adenomi se non sbaglio occorrerebbero almeno 8 anni per una eventuale neoplasia sarei certo tra i piu' sfortunati .... grazie.
[#9]
Dr. Felice Cosentino Gastroenterologo, Chirurgo apparato digerente, Chirurgo generale, Colonproctologo 70.3k 2.2k 88
Se si tratta di un caso isolato allora la situazione è più tranquilla e non c'è indicazione assoluta alla colonscopia. Poichè noto un suo interessamento (che trovo corretto) nei confronti della prevenzione, le invio un mio articolo di riferimento:


https://www.medicitalia.it/minforma/gastroenterologia-e-endoscopia-digestiva/1008-il-polipo-maligno-cancerizzato-del-colon.html



Cordiali saluti




[#10]
dopo
Utente
Utente
Molto interessante, grazie ma a questo punto, visto che adenomi non ne ho (avevo) quali sono i tempi di creazione di un eventuale polipo dal nulla e soprattutto quanti sono (deduco circa il 10%) i cancri "de novo" che tutto sommato sono quelli che tempo di piu'. grazie.