Utente 227XXX
Salve sono un ragazzo di 21 anni che soffre spesso di acidità di stomaco e mal di gola. Ho da poco fatto un esame endoscopico dal quale è emerso che "l'esofago presenta, a livello del terzo inferiore, due piccole erosioni lineari a fondo fibrinoso. Cardias incontinente...... esofagite di grado A secondo Los Angeles" . Ora vorrei chiederle delle informazioni:
- Che cosa significa erosioni lineari a fondo FIBRINOSO? E' grave? si può risolvere?In particolare il termine fibrinoso cosa sta a significare?
- Che cosa significa esofagite di grado A secondo Los Angeles? E' ad uno stadio molto avanzato? Su che si basa tale scala?
- si può fare qualche cosa per rimediare; cosa mi consiglia di fare (non sò proprio cosa fare o da chi rivolgermi)?

Le faccio presente che sto aspettando il risultato della biopsia che ho fatto durante la gastroscopia che arriverà fra 15 giorni.

Vorrei inoltre chiedere delle informazioni sulla dieta:
Sono ormai 6 mesi che seguo la giusta dieta, ma di mattina,con qualsiasi cosa assuma,ho sempre acidità di stomaco.
Cos'è più opportuno mangiare per colazione?

La ringrazio in anticipo per la sua risposta.
Cordiali saluti.

[#1] dopo  
Dr. Felice Cosentino

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
VIBO VALENTIA (VV)
CINQUEFRONDI (RC)
REGGIO DI CALABRIA (RC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2008
Prenota una visita specialistica
Gentilissimo,

si tranquillizzi prima di tutto, non c'è nulla di preoccupante.

L'esofagite è una complicanza del reflusso gastroesofageo ed il grado A (il più basso di una classificazione da A a D) indica la presenza di erosioni (piccoli taglietti della mucosa) di livello minimo. Il fondo fibrinoso è un aspetto normale di tale lesioni.
Ne parli con un gastroenterologo che le darà la terapia opportuna che porterà a guarigione delle lesioni.

Le inserisco il link per comprendere la sua patologia e per una corretta alimentazione:

http://www.endoscopiadigestiva.it/spaw2/uploads/files/Ernia%20iatale%20e%20malattia%20da%20reflusso%20gastroesofageo.pdf


https://www.medicitalia.it/minforma/scienza-dell-alimentazione/787-reflusso-gastro-esofageo-tavola.html


Cordialmente




Primario di Gastroenterologia ed Endoscopia, Osp. San Giuseppe - Milano
Centro di COLONSCOPIA ROBOTICA
www.endoscopiadigestiva.it

[#2] dopo  
Utente 227XXX

La ringrazio per aver risposto alle mie domande.
Ho letto il contenuto dei link che lei mi ha postato. Tuttavia delle cose non mi sono chiare:
Lei scrive che "non esagerare con il latte in quanto dopo un immediato beneficio si ha una veloce ricomparsa dei sintomi" e "è ricco di grassi, proteine e calcio che aumentano l'acidità gastrica e rallentano lo svuotamento dello stomaco". Con ciò voglio dire che non mi è chiaro se posso usare il latte a colazione o no (è da dire che ogni volta che lo bevo, dopo pochi minuti sento acidità di stomaco). In alternativa posso prendere della camomilla o una qualsiasi altra bevanda (se si può suggerirmene qualcuna)?

Mi può dire inoltre gli elementi che consentono gli specialisti di dire che il reflusso è di grado A,B,C,D?

La ringrazio in anticipo per la risposta.
Distinti saluti

[#3] dopo  
Dr. Felice Cosentino

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
VIBO VALENTIA (VV)
CINQUEFRONDI (RC)
REGGIO DI CALABRIA (RC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2008

>> non mi è chiaro se posso usare il latte a colazione o no <<

Non bisogna "esagerare", ma ovviamemnte lo può prendere in dose normale (se non le provoca disturbi).


>> Mi può dire inoltre gli elementi che consentono gli specialisti di dire che il reflusso è di grado A,B,C,D? <<

E' una classificazione endoscopica basata sul danno esofago determinato dal reflusso: da piccole erosioni (A) ad erosioni che interessano tutta la circonferenza dell'esofago cardiale (D).

Saluti

Primario di Gastroenterologia ed Endoscopia, Osp. San Giuseppe - Milano
Centro di COLONSCOPIA ROBOTICA
www.endoscopiadigestiva.it

[#4] dopo  
Utente 227XXX

La ringrazio per le indicazioni che puntualmente mi dà.

Dopo la visita endoscopica, ho iniziato a seguire una terapia di omeprazen da 20 1 pillola la mattina e 1 il pomeriggio, e gaviscon advance prima di coricarmi. Con questa terapia non ho più bisogno di prendere antiacidi (maalox e vari)... tuttavia persiste sempre un leggero mal di gola che peggiora qualora mangi più di quanto non dovrei.
Per Questo le chiedo, visto che è opportuno ridurre o evitare il consumo di cibi acidi come i pomodori, e visto che a me piace mangiare molta pasta, qual'è il condimento più giusto che possa utilizzare ( io la condisco sempre con sugo di pomodoro, e da un pò mi sono accorto che subito dopo aver mangiato, inizia il mio solito mal di gola).
Inoltre le chiedo, visto che ho letto che è possibile intervenire chirurgicamente per risolvere il mio problema e che però ciò non sempre comporta scomparsa dei sintomi, sa sà indicarmi qualche dato relativo a questo tipo di interventi ( es.percentuale pazienti guariti, complicanze, in che cosa consiste l'intervento ecc...).

La ringrazio in anticipo per le sue risposte (sò di essere un pò ossessivo su certe cose, ma i suoi consigli sono preziosi).

Cordialmente

[#5] dopo  
Dr. Felice Cosentino

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
VIBO VALENTIA (VV)
CINQUEFRONDI (RC)
REGGIO DI CALABRIA (RC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2008
Gentilissimo,

il pomodoro è fra gli alimenti a rischio per il reflusso. Legga comunque l'articolo che le ho indicato sopra per l'alimentazione.

Per quanto concerne la chirurgia le invio un aticolo di riferimento. Se ha qualche dubbio possiamo risentirci.

https://www.medicitalia.it/minforma/chirurgia-dell-apparato-digerente/954-reflusso-gastroesofageo-terapia-medica-chirurgica.html


Cordialmente

Primario di Gastroenterologia ed Endoscopia, Osp. San Giuseppe - Milano
Centro di COLONSCOPIA ROBOTICA
www.endoscopiadigestiva.it

[#6] dopo  
Utente 227XXX

Buongiorno

Vorrei avere delle informazioni riguardanti la concomitanza di influenza e reflusso. Mi spiego meglio: ormai è da quasi un mese che ho l'influenza (con catarro, mal di gola e naso perennemente chiuso). So che questo peggiorerà il reflusso. Ultimamente l'influenza sta passando ma il mal di gola rimane. Specialmente la sera: aumenta notevolmente (senza dubbio questo è legato anche al reflusso). Ora mi chiedo, c'è qualcosa che posso fare per migliorare la mia situazione? Le faccio presente che seguo la giusta dieta da 1 anno ormai.
Le chiedo inoltre se è legato al reflusso il fatto che l'influenza o comunque il mal di gola persista per tutto questo tempo (quando non avevo l'influenza avevo si mal di gola ma non come ora)?

La ringrazio per la sua disponibilità, i suoi consigli sono sempre importanti.

Buon proseguimento e buon lavoro.

[#7] dopo  
Utente 227XXX

Mi sono dimenticato di chiederle se prendendo degli antinfiammatori o simili, peggioro la mia situazione o no.
La ringrazio per le sue risposte.

[#8] dopo  
Dr. Felice Cosentino

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
VIBO VALENTIA (VV)
CINQUEFRONDI (RC)
REGGIO DI CALABRIA (RC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2008
Credo che il mal di gola possa essere legato più ad una faringite che ad una conseguenza del reflusso. Continui con la terapia antisecretiva aggiungendo eventualmente degli antiacidi. Una assunzione oculata di antiinfiammatori non dovrebbe peggiorare il reflusso.

Saluti



Primario di Gastroenterologia ed Endoscopia, Osp. San Giuseppe - Milano
Centro di COLONSCOPIA ROBOTICA
www.endoscopiadigestiva.it