Utente
Gentili dottori, vorrei avere un parere in merito ad un problema di stitichezza che perdura da circa un anno, in particolare non avendo mai sofferto prima di stitichezza. Il fatto è che oltre alla stitichezza ho notato una disidratazione generale, la pelle del corpo è molto più secca del solito e ho un senso di malessere diffuso. La mia domanda è: la stitichezza può essere correlata alla disidratazione e quali potrebbero essere le cause?
Bevo normalmente circa 2 litri di acqua, mangio frutta e verdura ma la stitichezza è persistente, le feci dure e sempre più piccole. Inoltre ho spesso dolori al fianco sinistro e tutta la zona del colon dolorante al tatto. Ho effettuato ecografia del collo che ha rilevato linfonodi reattivi anche questi perdurano da molto tempo nonostante abbia anche fatto una cura antibiotica.
Ho effettuato visita gastroenterologica circa 6mesi fa e mi è stata diagnosticata stitichezza da curare con inulina e consigliati esami che riporto
e del sangue: risultano invertiti i valori di neutrofili(38) con linfociti (49) e monociti (9);
e urine: proteine 10, emoglobina tracce,esterasi leucocitarie tracce.
In questi ultimi mesi si sono inoltre presentati dei disturbi ripetuti, in particolare vari problemi di irritazione al cavo orale, gengive doloranti e facilmente sa nguinanti, labbra con segni di irritazione, occhi secchi e arrossati, linfonodi del collo e retronucali spesso doloranti.
Questo malessere generale mi crea non poco disagio, e il colon spesso mi fa male oltre ad avere quasi sempre lingua bianca e stanchezza.
Chiedo un parere a voi gentili dottori

[#1]  
Dr. Francesco Quatraro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
16% attualità
20% socialità
ACQUAVIVA DELLE FONTI (BA)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2012
Gentile utente,
credo possa trattarsi del frequente quadro di colon irritabile.
Gli esami ematologici hanno relativa importanza nella sua diagnosi.
L'Inulina è un pre-biotico che può far parte di una composita terapia.
La stitichezza è solo un sintomo: che diagnosi le è stata fatta?

Ci faccia sapere.

Cordialità.
Responsabile U.O. di Endoscopia Digestiva Osp. MIULLI
www.enterologia.it
www.transnasale.it

[#2] dopo  
Utente
Gentile dottore, grazie per la risposta,
la diagnosi fatta a agosto dal gastroenterologo era di sospetto colon irritabile che sarebbe passato cambiando stile di vita,
purtroppo la situazione non cambia, mi chiedo per quale motivo all'improvviso ho questa persistente stitichezza, che in un anno non è mai cambiata nemmeno in un episodio, le evaquazioni sono sempre con feci dure e piccole, circa ogni 4giorni,
inoltre ho questi problemi al cavo orale infiammato e spesso segni di rossore sulle labbra mai avuti prima, pelle molto secca, oltre ai linfonodi del collo spesso gonfi.
Per questo vista quella che mi sembra una generale infiammazione e secchezza mi chiedevo se ci sono patologie per cui la stitichezza può essere causa secondaria.
Grazie cordiali saluti

[#3]  
Dr. Francesco Quatraro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
16% attualità
20% socialità
ACQUAVIVA DELLE FONTI (BA)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2012
Gentile utente,
gradirei sapere se la diagnosi è solo un sospetto diagnostico , con i soli esami ematologici che ha fatto oppure ha eseguito esami di diagnostica per immagini.

Tenga conto, comunque, che anche modificando il proprio stile di vita spesso non è sufficiente a correggere il quadro.

Per la cosiddetta Sindrome del Colon Irritabile non è ancora stato possibile trovare una causa specifica e si tende perciò a chiamare in causa lo stress (ma senza che ne ve sia alcuna prova).

Certo è che i fattori psicologici (vedi i test psicologici) sono molto importanti, sia per aggravare e a volte scatenare i sintomi, che per alleviarli.

Molti ricercatori ritengono che la chiave per un migliore trattamento IBS consisterà nel mettere a punto farmaci che agiscano sulla neurotrasmissione intestinale e/o sugli ormoni legati alla motilità gastrointestinale.

Resto a sua disposizione per ulteriori chiatrimenti.
Responsabile U.O. di Endoscopia Digestiva Osp. MIULLI
www.enterologia.it
www.transnasale.it

[#4] dopo  
Utente
Grazie per la solerte risposta,
si a settembre ho effettuato ecografia dell'addome che ha rilevato solo due piccoli polipi alla cistifellea (di cui uno era già noto), non ho effettuato altri esami nel frattempo se non recentemente visita otorinolaringoiatrica per i linfonodi persistenti del collo e senso di instabilità, si è rilevato un problema al vestibolo che devo accertare con esami. L'otorino mi parlava della alterazione del liquido interno all'orecchio, anche per questo mi sono domandata se fosse collegato con il quadro generale.
Dottore cos'è il trattamento IBS? Il suo accenno alla motilità intestinale è stato anche quello un mio dubbio ossia se il problema potesse essere un deficit in questo senso, leggendo internet, ovviamente cosa da non fare...,si parla di patologie tipo sclerosi multipla... In che senso i neurotrasmettitori e gli ormoni influenzano la motilità?
A questo proposito preciso che l'otorino mi ha fatto fare RM encefalo e rocche petrose e l'esito è nella norma.
Per l'aspetto psicologico purtroppo lo stress oggi fa parte della nostra quotidianità ma non ritengo ci siano fattori diversi nella mia vita rispetto all'ultimo anno. Non conosco i test di cui mi scrive, in cosa consistono?
La ringrazio e le invio un cordiale saluto

[#5]  
Dr. Francesco Quatraro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
16% attualità
20% socialità
ACQUAVIVA DELLE FONTI (BA)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2012
Per quanto riguarda i tests psicologici sono quelli utili ad identificare l'habitus psicologico.
Infatti la sindrome del Colon Irritabile prevede forme con manifestazioni cliniche diverse a seconda del carattere dei soggetti coinvolti.

Non vada oltre col pensiero (es. "sclerosi multipla").

Per quanto riguarda la sua domanda ("In che senso neurotrasmettitori e gli ormoni influenzano la motilità?"), per ormoni intendo entero-ormoni e, come discorso generale, alludevo a campi di ricerca che devono ancora trovare piena applicazione sul piano clinico.

Concludendo in tre parole: stia pure tranquillo!

Auguroni
Responsabile U.O. di Endoscopia Digestiva Osp. MIULLI
www.enterologia.it
www.transnasale.it

[#6] dopo  
Utente
Gentile dottore, in merito al mio problema di stitichezza sono a aggiornarvi,
in seguito all'ennesimo stato influenzale, mal di gola febbricola e tosse, sto assumendo Velamox, la cosa che mi ha stupito è che in questo periodo di stitichezza persistente ho avuto sempre la lingua con una patina bianca, in questi giorni ho la lingua rosa e senza nessuna patina, cosa che in un anno non è mai successa.
Mi chiedo come mai, e soppratutto vedo che i sintomi di malessere e nausea sono diminuiti, oltre che le gengive infiammmate che sono tornate rosa. La stitichezza è evidentemente fonte di malessere per il mio corpo.
Chiedo un parere, cordiali saluti

[#7]  
Dr. Francesco Quatraro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
16% attualità
20% socialità
ACQUAVIVA DELLE FONTI (BA)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2012
La lingua bianca è quella condizione abbastanza diffusa in cui si trova la lingua quando è totalmente o parzialmente ricoperta, appunto, da una patina bianca (muco).
Le cause possono essere molteplici, gliene cito alcune:
- Alimentazione: un’alimentazione ricca di grassi e colesterolo (farinacei, latticini, formaggi) o di zuccheri favorisce la creazione di squilibri della flora batterica e, di conseguenza, la proliferazione di muco, che si deposita sulla lingua. Al contrario, anche una dieta restrittiva può essere causa di lingua bianca perché congestiona la digestione, con conseguente ristagno di muco nell’apparato digerente (e quindi anche sulla lingua).
- Stress: in condizioni di stress le ghiandole surrenali producono livelli più alti di adrenalina. L’aumento dell’adrenalina produce modifiche nella composizione del sudore e della saliva, favorendo la produzione della patina bianca.
La cura varia in relazione al tipo di causa che ha scatenato il fenomeno della lingua bianca.

La stitichezza, ha ragione lei, è fonte di malessere.

Saluti.
Responsabile U.O. di Endoscopia Digestiva Osp. MIULLI
www.enterologia.it
www.transnasale.it