Utente

Buongiorno :-)

la candidosi a livello intestinale può venire a chiunque o solo a persone con sistema immunitario compromesso?

vi descrivo la mia situazione:
ho lingua bianca, alito pesante, bocca amara e la mattina sopratutto mi trovo una patina bianca (appiccicaticcia e un pò difficoltosa a togliersi) sulle labbra.

inoltre ho problemi di concentrazione a attenzione.

una gastroscopia (che ho già prenotato) consente di fare luce con certezza assoluta a riguardo?
eventualmente che altre visite dovrei ulteriormente fare?

[#1]  
Dr. Francesco Quatraro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
16% attualità
20% socialità
ACQUAVIVA DELLE FONTI (BA)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2012
Gentile utente,
la lingua patinosa non è specifica espressione di candidosi che comnque andrebbe dimostrata con tampona colturale..

La gastroscopia è utile per la diagnosi di esofagite da candida.

Affornti il tutto con uno specialista gastroenterologo.

Cordialità
Responsabile U.O. di Endoscopia Digestiva Osp. MIULLI
www.enterologia.it
www.transnasale.it

[#2] dopo  
Utente
ok grazie.

la terrò informata sugli sviluppi della visita.

nel frattempo la ringrazio e gentilmente la saluto.

[#3]  
Dr. Francesco Quatraro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
16% attualità
20% socialità
ACQUAVIVA DELLE FONTI (BA)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2012
Un caro saluto a lei.
Responsabile U.O. di Endoscopia Digestiva Osp. MIULLI
www.enterologia.it
www.transnasale.it

[#4] dopo  
Utente
buongiorno :-)

ho eseguito la gastroscopia e l'esito è stato ernia iatale da scivolamento.
vorrei chiederle alcune cose in merito:

il fatto che ho la lingua bianca, alitosi e la mattino mi sveglio con bocca impastata e patina spessa sulle labbra è riconducibile all'ernia i.? o dovrei fare altri accertamenti?
in caso positivo come posso fronteggiare questi sintomi?

il gastroenterologo mi ha prescritto poi il levobren (25mg 1 capsula due volte al giorno prima dei pasti); potrebbe spiegarmi in che modo potrei trarre beneficio da questo farmaco.

ha qualche consiglio, alimentare, fisico e/o altro, da darmi su come affrontare la mia situazione?





[#5]  
Dr. Francesco Quatraro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
16% attualità
20% socialità
ACQUAVIVA DELLE FONTI (BA)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2012
L'ernia iatale genera reflusso gastroesofageo e disturbi conseguenti (bruciori, etc.).

La terapia si avvale di procinetici ed antiacidi (questi ultimi da lei non citati).

credo poi che, come prassi, il gastroenterologo le avrà anche consegnato un vademecum sui consigli igienico-alimentari.


Saluti
Responsabile U.O. di Endoscopia Digestiva Osp. MIULLI
www.enterologia.it
www.transnasale.it

[#6] dopo  
Utente
le sono grato per la risposta :-)

ho citato solo il levobren perchè solo questo mi è stato prescritto (inoltre nessun supporto cartaceo di buona condotta alimentare mi è stato prestato);
a tal proposito nel post precedente non ho riportato che il gastroenterologo che mi ha visitato mi ha specificato che l' e.i. è piccola;
è rilevante questo fatto?
ci sono differenze a riguardo delle dimensioni?
può essere per questo che non mi ha "dato" altri farmaci?

[#7]  
Dr. Francesco Quatraro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
16% attualità
20% socialità
ACQUAVIVA DELLE FONTI (BA)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2012
Cerco di rispondere nei limiti
imposti dall'etica,
dalla deontologia
e dal consulto on-line!

Per quanto concerne il reflusso non sempre c'è diretta proporzionalità fra riscontro anatomico e sintomi.

A seconda dei soggetti (ad es. la risposta dell'esofago all'insulto acido è variabile da persona a persona) una piccola ernia iatale può dare sintomi importanti ed una grossa ernia può essere un riscontro accolto con sorpresa!

Sul perchè di questa singola prescrizione non posso opinare
per quanto detto nel cappello di questa mia replica.

Saluti.
Responsabile U.O. di Endoscopia Digestiva Osp. MIULLI
www.enterologia.it
www.transnasale.it