Utente 122XXX
Buongiorno,

nel 2010 ho effettuato una gastroscopia che ha rilevato una gastrite cronica e un reflusso gastroesofageo.
La terapia che mi è stata data è
pariet da 20 mg al mattino
gaviscon dopo i pasti per 30 gg

Ho rifatto questa terapia altre volte dal 2010 ad oggi quando sentivo il reflusso.
Devo dire che il mio principale problema è sempre stato il reflusso dolori di stomaco non ne avevo.
Da alcuni giorni invece ho dolori di stomaco.
Ieri sera ho avuto un dolore molto forte come se una lama mi trafigesse nell'ipocondrio destro vicino allo stomaco.
Sono andato in ospedale, mi hanno visitato e mi hanno detto che c'era una riacutizzazione della gastrite cronica.
Ho visto il referto e avevo l'ematocrito a 38.9 [v.n.= 41.0 -53].
Io avevo fatto venerdi le analisi del sangue per un problema di lieve steatosi epatica e l'ematocrito era a 40.4 [v.n.=42.0 -52].
La prima domanda è siamo sicuri che non sia un'ulcera? perchè l'ematocrito già basso venerdi è ancora sceso di più martedì?
La seconda domanda è:
al PS mi hanno dato come terapia:
esomeoprazolo 20g al mattino e alla sera per 14 gg e dopo solo al mattino per altri 14 gg
e riopan gel al bisogno dopo i pasti.

il mio medico curante ha detto che posso usare anche il
pariet da 20 mg solo al mattino che già ho usato altre volte per 14 gg e dopo i 14 gg fare pariet da 10 mg.
E al posto del riopan gel prendere il gaviscon.
Volevo sapere quale delle due terapie è la migliore?
In particolare mentre su internet ho letto che non c'è nessuna evidenza scientifica che l'esomeoprazolo sia migliore del pariet o viceversa, per quanto riguarda il riopan gel ho letto che serve per curare anche l'ulcera.

Grazie

[#1]  
Dr. Felice Cosentino

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
ROMA (RM)
CINQUEFRONDI (RC)
CROTONE (KR)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2008
Prenota una visita specialistica
Gentilissima,

ovviamente non c'è differenza fra i due farmaci antisecretivi. Per quanto concerne l'antiacido è preferibile l'alginato di sodio se i sintomi sono da reflusso gastroesofageo altrimenti può optare per il secondo prodotto. I farmaci per la cura, ovviamente, sono gli IPP e non gli antiacidi che hanno un effetto temporaneo di tamponamento dell'acidità.
L'emocromo ovviamente andrà ripetuto a breve e controlli le feci se sono di colorito nero (ciò potrebbe indicare un sanguinamento digestivo superiore).

Considerando la sintomatologia farei anche un'ecografia addome superiore per escludere una patologia biliare.

Cordialmente

Dr Felice Cosentino, Clinica La Madonnina - Milano
Gastroenterologia/Endoscopia, Centro per la Disbiosi intestinale.
www.endoscopiadigestiva.it

[#2] dopo  
Utente 122XXX

Gentile dottore,

la ringrazio per il consulto.
Le volevo chiedere a breve cosa significa?
Un paio di giorni, una settimana?
Per quanto riguarda le feci dalla comparsa della sintomatologia ancora non sono andato di corpo.
Per quanto riguarda la patologia biliare io ho 3 adoniomi alla colicisti che ovviamente ho fatto presente al PS, ma mi hanno detto che le analisi del sangue del fegato erano ottime quindi escludevano qualcosa derivante dal fegato.
L'ecografia ce l'ho fissata a metà maggio per il controllo della lieve steatosi. Secondo lei è da anticipare?

[#3]  
Dr. Felice Cosentino

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
ROMA (RM)
CINQUEFRONDI (RC)
CROTONE (KR)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2008
Fra una settimana farei l'emocromo. OK per l'ecografia a maggio se non dovesse riprendere la sintomatologia dolorosa.

Dr Felice Cosentino, Clinica La Madonnina - Milano
Gastroenterologia/Endoscopia, Centro per la Disbiosi intestinale.
www.endoscopiadigestiva.it

[#4] dopo  
Utente 122XXX

I sintomi oggi sono come ieri, cioè stamattina mi sono svegliato sempre con il dolore nell'ipocondrio destro meno trafittivo di ieri sera ma comunque puntuale diciamo, che aumentava se mi piegavo, se respiravo a fondo, se salivo le scale.

Stamattina ho preso il pariet.

A colazione ho mangiato solo del pane, in modo da far assorbire eventuali succhi gastrici. Ma il dolore non è passato.
Ora ho mangiato un altro pezzo di pane e il dolore è diminuito nel punto di stamattina e di ieri ed è comparso più in basso a destra sopra le costole all'altezza delle ultime costole ed è simile al dolore che avevo quando ho avuto le coliche biliari.

Per fargliela breve i sintomi sia ieri che oggi sono a stomaco vuoto dolore trafittivo all'altezza dello stomaco ma verso destra vicino alle costole ma cmq sull'addome diciamo non sulle costole, mentre dopo mangiato (e questa cosa in una certa misura mi è successa anche ieri e l'ho fatta presente in PS) il dolore appena descritto può diminuire e ad esso si associa un dolore in basso a destra più o meno all'altezza della penultima costola.

PS: l'ematocrito basso a quel livello fa escludere una perdita di sangue dovuta allo stomaco o ad altro? le dico questo perchè mia madre ha avuto un'emorragia interna in seguito a una biopsia epatica ed è stata salvata giusto in tempo, anche se mi ricordo che il dottore dell'ospedale che glielo diagnostico in quel caso parlava di emocromo che diminuiva e non di ematocrito.
Il mio emocromo martedi al ps era 14.1 mentre venerdi con le analisi del sangue era 14.2.

[#5] dopo  
Utente 122XXX

Gentile dottore, la volevo informare che nei giorni successivi ho sempre avuto dolore a destra sopra le costole all'altezza delle ultime costole, devo dedurre che al contrario di quanto mi avevano detto in ospedale e anche se le analisi del fegato erano buone, in realtà è una colica biliare, anche se io non ho i calcoli ma ho solo 3 polipi il più grande di 0,7 cm e il più piccolo di 0,3 cm.
Ha qualche consiglio da darmi?

[#6]  
Dr. Felice Cosentino

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
ROMA (RM)
CINQUEFRONDI (RC)
CROTONE (KR)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2008


<< anche se io non ho i calcoli ma ho solo 3 polipi il più grande di 0,7 cm e il più piccolo di 0,3 cm. <<


Questo è un dato nuovo che sta riferendo per cui è da rivalutare il suo quadro clinico.E' bene una rivalutazione gastroenterologica-chirurgica, alla luce dei disturbi che sanno molto di colica biliare, della patologia a carico della colecisti.


Dr Felice Cosentino, Clinica La Madonnina - Milano
Gastroenterologia/Endoscopia, Centro per la Disbiosi intestinale.
www.endoscopiadigestiva.it