Utente
Buonasera.Al mio babbo è stato tolto lo stomaco x intero xchè purtroppo invaso da neoplasie... Siamo in attesa del "verdetto"...ma vorrei sapere se tutto andasse bene qual'è la dieta che dovrà rispettare??! E come avviene la digestione??!

[#1]  
Dr. Francesco Quatraro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
16% attualità
20% socialità
ACQUAVIVA DELLE FONTI (BA)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2012
Gentile utente,

per il momento le suggerisco pasti piccoli e frequenti.

Sarà opportuno nel prosieguo sottoporsi ad un consulto di uno specialista nutrizionista e comunque prendere in esame l'idea di assumere prodotti nutrienti specifici a seconda delle carenze dimostrate dagli accertamenti (iperproteici, ipercalorici, iperglicidici, iperlipidici).

Saluti
Responsabile U.O. di Endoscopia Digestiva Osp. MIULLI
www.enterologia.it
www.transnasale.it

[#2] dopo  
Utente
Ma piccoli e frequenti e di qualsiasi"consistenza"?perchè mi sorge ovvio il ddubbio :ma la digestione non esiste più?!

[#3]  
Dr. Francesco Quatraro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
16% attualità
20% socialità
ACQUAVIVA DELLE FONTI (BA)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2012
L’intervento di gastrectomia crea problemi relativi all’alimentazione in circa il 30% delle persone, ma sintomi importanti sono presenti solo nell’1-5%.
Questi sintomi dipendono dal fatto che, dopo la gastrectomia, il cibo viene decomposto nell’intestino tenue anziché nello stomaco, come
conseguenza delle modifiche radicali apportate all’apparato digerente.

Problemi:
- la cosiddetta Sindrome da svuotamento o sindrome da transito
accelerato (“Dumping Syndrome”, in inglese): una sensazione di pienezza, anche dopo aver mangiato piccole quantità di cibo. Ciò può
indurre il paziente ad alimentarsi meno con conseguente
alterazione del Suo stato nutrizionale.
- i pasti abbondanti risulteranno difficilmente digeribili e sarà necessario che il paziente si abitui a consumare piccoli pasti e spuntini più volte nell’arco della giornata.

Sarà necessario aiutare il suo organismo a trovare un nuovo ritmo alimentare e ciò richiederà tempo e pazienza.

Saluti
Responsabile U.O. di Endoscopia Digestiva Osp. MIULLI
www.enterologia.it
www.transnasale.it

[#4] dopo  
Utente
Risposta piú che soddisfacente!!!La ringrazio molto e buonaserata!!

[#5]  
Dr. Francesco Quatraro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
16% attualità
20% socialità
ACQUAVIVA DELLE FONTI (BA)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2012
Grazie per l'apprezzamento.

Buona serata a lei.
Responsabile U.O. di Endoscopia Digestiva Osp. MIULLI
www.enterologia.it
www.transnasale.it

[#6] dopo  
Utente
Buonasera...tornando alla gastrectomia del mio babbo, gli è stato detto che adesso,iniziando la chemio per "prevenzione" ,non avendo cellule "brutte",dovrà eliminare il contatto con oggetti freddi e alimenti presi dal frigo,piú nello specifico gelati e ghiaccioli.Perché??!!!Faccio premessa che gli danno molto sollievo e ne mangia parecchi...mentre mangia molto poco il resto,purtroppo...

[#7]  
Dr. Francesco Quatraro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
16% attualità
20% socialità
ACQUAVIVA DELLE FONTI (BA)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2012
Gentile utente,
il motivo ed i perchè sono sempre gli stessi,
probabilmente lei deve ancora comprendere che essere privati dello stomaco non consente un'alimentazione libera così come prima, come le avevo già accennato in replica #3.

In seguito ad interventi di chirurgia gastrica il soggetto può incorrere nel rischio di un senso di sazietà precoce, crampi addominali, nausea o diarrea ed avere altri sintomi associati quali tachicardia, sudorazione ed astenia.
Per ridurre al minimo tale sintomatologia è importante seguire una dieta adeguata.

Pertanto le riassumo, con alcune giustificazioni, delle indicazioni dietetiche comunemente diffuse:

Si raccomandano pasti piccoli e frequenti per rallentare lo svuotamento gastrico e ridurre la distensione intestinale
Masticare bene e lentamente per favorire la digestione degli alimenti che diventano più facilmente attaccabili dagli enzimi digestivi.
Si consiglia di bere 45-60 minuti prima o dopo di ogni pasto.
Inizialmente lo zucchero, il miele, la marmellata, gli sciroppi, i gelati, la frutta sciroppata e tutti gli alimenti e le bevande zuccherate andrebbero evitati, poiché sono nutrienti iperosmolari in grado di indurre un transito troppo rapido nell’intestino con conseguente diarrea.
E’ consigliabile il consumo di cibi né eccessivamente caldi, ne eccessivamente freddi.
La ridotta e/o assente secrezione gastrica acida, necessaria a ridurre il rischio di contaminazione batterica da parte degli alimenti, richiede il consumo di cibi ben cotti o comunque non sottoposti ad eccessiva manipolazione al fine di evitare possibili infezioni intestinali.

Cordialmente
Responsabile U.O. di Endoscopia Digestiva Osp. MIULLI
www.enterologia.it
www.transnasale.it

[#8] dopo  
Utente
Ma io faccio riferimento al fatto che gli hanno detto che iniziando la chemioterapia non potrà piú mangiare ghiaccioli- gelati e bere bevande tenute in frigo...cosa che fa tranquillamente adesso..

[#9]  
Dr. Francesco Quatraro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
16% attualità
20% socialità
ACQUAVIVA DELLE FONTI (BA)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2012
I chemioterapici rendono "più debole" e "più sensibile" la mucosa intestinale agli insulti termici,
Infatti il divieto vale anche per i cibi molto caldi.
Responsabile U.O. di Endoscopia Digestiva Osp. MIULLI
www.enterologia.it
www.transnasale.it