x

x

Fastidi allo stomaco

👉Quando prendere i fermenti lattici e perché

Salve,sono un giovane ragazzo di 18 anni.Sono alto 1.75,peso 72 Kg e faccio palestra da un anno e mezzo,seguendo un'alimentazione leggermente proteica(senza integratori).Da fine Aprile ho iniziato ad accusare fastidi allo stomaco come gonfiore,reflusso e digestione lunga e laboriosa.Sono sempre stato un tipo vorace,dato che ho l'abitudine di mangiare ogni 3 ore.Così ho deciso di fare delle visite,sono stato sottoposto ad analisi del sangue ed ecografia all'addome.Non è stato ritrovato niente di anomalo.Sto facendo una cura di riopan dopo i pasti + lucen prima di andare a dormire.Sinceramente sto meglio,ma i fastidi non sono scomparsi del tutto,in particolare soffro di eruttazione e flatulenza con una forte perdita di appetito che mi preoccupa,infatti tendo a mangiare per abitudine non per il bisogno,anche se spesso mi capita che lo stomaco brontoli,con un senso di vuoto,ma senza avere fame.Chiedo il vostro parere,grazie!
[#1]
Dr. Felice Cosentino Gastroenterologo, Chirurgo apparato digerente, Chirurgo generale, Colonproctologo 68,9k 2,2k 88
Trattasi di reflusso gastroesofageo con disturbo dispeptico (cattiva digestione). La terapia in atto va bene. Deve solo migliorare la sua alimentazione. O lo ha ha già fatto ? Le allego comunque alcune norme da osservare ed un articolo di riferimento:


https://www.medicitalia.it/minforma/scienza-dell-alimentazione/787-il-reflusso-gastro-esofageo-a-tavola.html

Norme igienico-dietetiche ed osservazioni:


1. Dimagrire se si è in sovrappeso e mantenere il peso forma, privilegiando la dieta mediterranea.
2. Fare attività fisica regolarmente
3. Evitare di indossare cinture o abiti troppo attillati.
4. Non fare pasti abbondanti, ridurre i cibi grassi, spezie ed bevande gasate.
5. Smettere di fumare.
6. Abolire i superalcolici e ridurre il vino ( bianco soprattutto ).
7. Evitare il cioccolato
8. Non coricarsi o sdraiarsi dopo mangiato: attendere almeno due ore.
9. Dormire con il capo ed il busto un po’ elevati inserendo uno spessore ( 10 cm ) sotto le gambe del letto (solo se in presenza di rigurgiti). Inoltre, cercare di addormentarsi sul fianco sinistro che protegge dal reflusso (rispetto al fianco destro che lo favorisce);
10. Consultare il medico in presenza di sintomi d’allarme (anemia, emorragia digestiva, dolore toracico o disfagia, disturbi notturni, calo di peso) .



Cordialmente

Dr Felice Cosentino, Gastroenterologo/Endoscopista - Milano (Clinica La Madonnina), Roma, Calabria (Crotone,Reggio)
www.endoscopiadigestiva.it

Soffri di allergia? Partecipa al nostro sondaggio