x

x

Lo stomaco mi rovina la vita

Soffri di stitichezza o diarrea? 👉Scopri i benefici dei fermenti lattici

Ho 29 anni da un anno e mezzo soffro quotidianamente di problemi di stomaco. più o meno si tratta di questo:
mi sveglio al mattino e ho la nausea.
Pranzo: dopo 4-5 ore non ho ancora digerito e in queste lunghe ore lo stomaco fa rumori di continuo e mi sembra sempre di essere sul punto di vomitare, anche se poi non succede.
Ho eseguito una gastroscopia e questo è l'esito:
esofago normale, cardias incontinente con lieve risalita della linea z, mucosa gastrica di aspetto normale, piloro pervio; nulla a carico del bulbo ed in DII.
Inoltre non ho l'elico bacter pilori, il gastroenterologo mi ha detto che non ho nulla di grave e mi ha dato per due mesi il nexium.
il risultato è che non è cambiato nulla e che lo stomaco è rimasto un grande problema.
inoltre a febbraio sono stata operata di appendicite senza conseguenza, il dolore allo stomaco è comunque rimasto sia prima che dopo l'intervento con i relativi fastidi.
cosa posso fare?
che analisi mi consigliate?
che terapie?
che consigli mi date per l'alimentazione?
grazie mille, io davvero non ce la faccio più.
[#1]
Dr. Francesco Quatraro Gastroenterologo, Colonproctologo 28.8k 519 63
Gentile utente,
l'incontinenza cardiale credo sia responsabile dei suoi problemi.
Ha usato dei procinetici?

Infatti alla terapia le consiglierei di associare procinetici
oltre a seguire norme igienico-alimentari antireflusso:
- alzare il materasso o la testa de l letto di circa 10 cm, dimagrire se in sovrappeso, fare footing o sport leggeri, mangiare poco e spesso, non mangiare almeno 2 ore prima di andare a letto
-ridurre la pressione addominale (evitare cinte e abiti stretti), non fumare.
- riduzione/eliminazione di alcuni cibi che aumentano l’acidità gastrica o che rilassano le muscolatura liscia ( cioccolato, agrumi, pomodoro, latte, caffè [la caffeina (trimetilxantina) è un irritante gastrico ed un potente stimolante della secrezione gastrica],
ed altri: menta, prezzemolo, basilico, origano, cipolla, aglio e in generale i cibi grassi, alcune bevande (alcool, caffè, tè, bibite gasate).

Saluti

Responsabile U.O. di Endoscopia Digestiva Osp. MIULLI
www.enterologia.it
www.transnasale.it

[#2]
Dr. Roberto Rossi Gastroenterologo, Chirurgo generale, Chirurgo apparato digerente, Colonproctologo, Chirurgo d'urgenza 7.6k 207 8
I disturbi potrebbero essere causati da reflusso esofageo e probabilmente da una irritazione colica concomitante. È pero il caso che ritorni dal gastroenterologo per rivedere la terapia.

Dr. Roberto Rossi