x

x

Esofagite e lansoprazolo

Gonfiore addominale, difficoltà a digerire, reflusso gastrico? 👉Scopri i benefici dei fermenti lattici

Gentili Dottori,
sono un ragazzo di 25 anni, normopeso, fumatore.

Circa un anno fa, in seguito a una gastroscopia, mi è stata diagnosticata una esofagite da reflusso a causa di un "cardias leggermente incontinente". Mi è stato detto di assumere 30 mg di Lansoprazolo (Pergastid) la mattina per i primi 6 mesi per poi scendere a 15 mg i sei mesi successivi.

Ad oggi mi ritrovo a soffrire di bruciori retrosternali e reflussi acidi notturni abbastanza fastidiosi. Il gastroenterologo mi ha detto di tornare a 30mg di Lansoprazolo, ma dopo 2 mesi non noto miglioramenti.

Assumo Riopan 80 ml al bisogno ma comunque il disturbo non accenna a sparire.

E' possibile che il Lansoprazolo abbia perso efficacia?
Esiste un altro inibitore di pompa più efficace? Qualche accorgimento alimentare?

Grazie mille e buon lavoro!
[#1]
Dr. Roberto Rossi Gastroenterologo, Chirurgo generale, Chirurgo apparato digerente, Colonproctologo, Chirurgo d'urgenza 7.6k 207 8
La terapia in assenza della COMPLETA abolizione del fumo è destinata a non avere successo rilevante

Dr. Roberto Rossi