Utente
Gentilissimi dottori confidando nell'umanità insita in voi vi chiedo umilmente aiuto. Da tempo soffro di problemi intestinali vari. Questi problemi tendono a mutare con il passare del tempo. Ho fatto gastroscopia nel 2013 negativa, colonscopia il 28-11-12 con asportazione di un polipetto nel sigma( adenoma tubulare con displasia lieve) e biopsie varie( quadro istomorfologico compatibile con colite microscopica). Ho fatto anche enterisonanza con contrasto del tenue e con particolare riferimento al pancreas( negative). Ho fatto varie visite specialistiche ed ho fatto varie terapie ( dalla mesalazina alla budesonide, per finire a fermenti lattici ed integratori vari. In ultima istanza ho fatto il test del lattosio risultando intollerante sicchè il Gastroenterologo mi ha prescritto no lact plus da prendere tutti i giorni prima dei pasti. Detto questo vi esprimo il mio quadro sintomatologico. Mi sveglio la mattina e vado in bagno( sino al 2009 quando fumavo esisteva un perfetto sincronismo tra caffè sigaretta e bagno. La mia scarica tendenzialmente molliccia finiva li e raramente avevo episodi che durante il giorno mi rispedivano in bagno... Più in dettaglio ogni tanto mi accadeva lo stimolo impellente di dover andare con urgenza). La prima scarica in genere va dal semi formato al molliccio. Poco dopo( a volte in mattinata a volte prima di pranzo o dopo pranzo) devo riandare in bagno e le feci si fanno ancora più molli. Nel pomeriggio quasi sempre la terza scarica( a volte diarroica a volte non proprio)e raramente mi succede( ma succede) di proseguire con la 4/5 scarica giornaliera. Queste feci dal semi formate a diarroiche sono spesso accompagnate da muco( a volte copioso), trovo delle striature di sangue sulla carta igienica ogni tanto, ho bruciori anali( ogni tanto) bruciori urinari( ogni tanto)ed ho dolori a volte più blandi a volte intensi prima durante e dopo la defecazione( ci sono momenti in cui mi sembra di non essermi mai svuotato del tutto. Sino all'anno scorso avevo scariche impellenti a volte acquose( adesso da un annetto non avverto più lo stimolo urgente). Ho preso per quasi un anno spasmomen somatico da 40 due compresse prima di pranzo e cena cercando di sospenderlo ogni 3/4 mesi.( ora non lo prendo da 20 gg. Da una settimana ho bruciori intestinali( non di stomaco) flatulenza, diarrea con muco, dolori prima e dopo la scarica( vado in bagno sempre 3-4 volte) faccio borborigmi e non so più cosa fare ne cosa pensare. Vorrei un parere da parte vostra, se è il caso di cambiare specialista, se è il caso di cambiare regione. Ho speso fiumi di soldi. Mi piacerebbe alzarmi la mattina prendere il caffè e andare il bagno per poi vivere la giornata, non continuare a passare il mio tempo sulla tazza del water ed imprecare. Chiedo troppo? Grazie

[#1]  
Dr. Francesco Quatraro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
16% attualità
20% socialità
ACQUAVIVA DELLE FONTI (BA)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2012
Ragadi anali e colon irritabile
sono le ipotesi diagnostiche
correlate al suo racconto.
Si tratta di problemi rimediabili
sotto la guida di un bravo specialista.
Responsabile U.O. di Endoscopia Digestiva Osp. MIULLI
www.enterologia.it
www.transnasale.it

[#2] dopo  
Utente
Gentile dottore la ringrazio per la risposta, ma mi chiedo quale sia a questo punto una terapia( se mai esista)per questo ipotetico colon irritabile. Le ho provate tutte( penso) con tantissimi soldi spesi e scarsissimi risultati ottenuti. Tra l'altro l'emissione di muco abbondante è riconducibile solo ad un colon irritabile?

[#3]  
Dr. Francesco Quatraro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
16% attualità
20% socialità
ACQUAVIVA DELLE FONTI (BA)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2012
La terapia del colon irritabile è assai complessa e non esente da insuccessi.

Può documentarsi leggendo il seguente articolo

https://www.medicitalia.it/minforma/gastroenterologia-e-endoscopia-digestiva/1848-colon-irritabile-o-sindrome-dell-intestino-irritabile-ibs-quale-terapia-e-quale-dieta-seguire.html
Responsabile U.O. di Endoscopia Digestiva Osp. MIULLI
www.enterologia.it
www.transnasale.it

[#4] dopo  
Utente
Buongiorno gentilissimi dottori, vorrei aggiornarvi sul mio stato: da qualche giorno sto assumendo due compresse al di di normix associato a due compresse di fermenti lattici ENH più due compresse di integratore IBIDI e due compresse di tiorfix. Ora, detto questo, sta accadendo quanto segue: le mie scariche non sono diminuite ma continuo ad andare circa tre volte al di in bagno. Ciò che è cambiato e non so se sia imputabile alla terapia è la consistenza delle feci: in pratica adesso accade che andando in bagno avverto nel momento della defecazione che le feci non sono liquide, solo che non ho proprio modo di vederle visivamente in quanto al l'immediato contatto con l'acqua le feci si sfaldano completamente diventando poltiglia e colorando l'acqua di marrone. Inoltre da un paio di giorni avverto un senso di nausea fastidiosissima che va e viene ad intermittenza. Vorrei un vostro consiglio al riguardo. Grazie

[#5]  
Dr. Francesco Quatraro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
16% attualità
20% socialità
ACQUAVIVA DELLE FONTI (BA)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2012
La sintomatologia non è ancora ben controllata,
contatti il suo specialista per una rivisitazione
terapeutica.
Responsabile U.O. di Endoscopia Digestiva Osp. MIULLI
www.enterologia.it
www.transnasale.it

[#6] dopo  
Utente
Gentilissimo dottor Quatraro la ringrazio per la risposta e la disponibilità concessami, tuttavia la terapia di cui sopra mi è stata per l'appunto prescritta dallo specialista Gastroenterologo del quale mi devo fidare. Tuttavia non riesco a comprendere perché nonostante tutto non si apprezzano segni di miglioramento. Traduco ed esplicito: le scariche rimangono( a mio parere) eccessive( 3/4 al di, nonostante fermenti lattici, integratori ed antidiarroico) e le stesse non hanno e non assumono purtroppo la consistenza che dovrebbero avere. Se ogni domanda merita una risposta sarebbe giusto e corretto che io riuscissi a capire perché tutto questo accade, perché prima non accadeva e perché permane nonostante tutti questi tentativi vani. Ancora grazie a lei ed a chi vorrà darmi qualche ulteriore delucidazione al riguardo.

[#7]  
Dr. Francesco Quatraro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
16% attualità
20% socialità
ACQUAVIVA DELLE FONTI (BA)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2012
Come le ho scritto,
riconfermo che la terapia succitata
difficilmente può avere efficacia sul numero delle scariche e la consistenza delle feci.

Onde approfondire la questione
può leggere l'articolo al seguente link
https://www.medicitalia.it/minforma/gastroenterologia-e-endoscopia-digestiva/1848-colon-irritabile-o-sindrome-dell-intestino-irritabile-ibs-quale-terapia-e-quale-dieta-seguire.html
che evidenzia quanto è oggi a disposizione per il trattamento dell'IBS.
Responsabile U.O. di Endoscopia Digestiva Osp. MIULLI
www.enterologia.it
www.transnasale.it