Utente
Ho appena effettuato le analisi di sangue e urine. Di seguito vi allego i risultati del test:
TEMPO DI PROTROMBINA
(Met.PT-Fibrinogeno HS in automazione)
Tempo riscontrato 21.40 sec.
RATIO 1.55 R
INR 1.56 INR secondo prescrizione medica
Percentuale riscontrata 47.88 % 80 - 120 non in terapia
BILIRUBINEMIA TOTALE 3.3 mg/dl fino a 1.2
(MET.COLORIMETRICO)
BILIRUBINA DIRETTA 1.0 mg/dl fino a 0.4
(MET.COLORIMETRICO)
BILIRUBINEMIA FRAZIONATA
(MET.COLORIMETRICO)
Bilirubina totale 3.3 mg/dl fino a 1.2
Bilirubina diretta 1.0 mg/dl fino a 0.4
Bilirubina indiretta 2.30 mg/dl fino a 0.80
CREATINCHINASI (C.P.K.) 160 U/l 0 - 171
(met.ottimizzato UV NAC)
LATTICO DEIDROGENASI (LDH) 181 U/l fino a 248
(MET.cinetico UV)
FOSFATASI ALCALINA 43 UI/l uomo 30 - 120
(MET.OTTIMIZZATO SCE) donna 30 - 120
bambino 42-406
PROTEINEMIA TOTALE 6.3 gr/dl 6.0 - 8.0
(met.biureto tartrato color.)
CALCEMIA 9.4 mg/dl 8.8 - 10.6
(met.colorimetrico arsenazo III a pH neutro)
T S H (3^ generazione) 1.244 mlU/L 0.400 - 4.000
Dos.immunometrico chemioluminescenza)
QUADRO PROTEICO ELETTROFORETICO
(met.gel agarosio ad alta risoluzione)
Gamma globuline 15.8 % 10.6 19.2
Beta globuline 10.4 % 8.7 14.4
Alfa 2 globuline 9.4 % 9.1 13.8
Alfa 1 globuline 1.8 % 1.40 - 2.8
Albumina 62.6 % 54.0 - 66.0
Rapp. Album./Globul. 1.67 1.1 - 1.9
ESAME DELLE URINE
(METOD. AUTOMAZIONE)
Aspetto limpido
Colore III Vogel
Peso specifico a 15^ 1012 1015 - 1025
Glucosio assente mg/dl assente
Proteine assenti mg/dl 0 - 5
Pigmenti biliari assenti mg/dl 0 - 0.2
Urobilina assente mg/dl 0.0 - 1.0
pH 6.5 4.5 - 6.0
Emoglobina assente mg/dl 0.0 - 0.02
Corpi chetonici assenti mg/dl 0.0 - 0.02
Nitriti assenti assenti
ES. MICROSCOPICO SEDIMENTO
Cellule delle basse vie rare
Leucociti rari
Emazie assenti
Cilindri assenti
Muco-pus assente
Filamenti di muco assenti
Cristalli assenti
AZOTEMIA 27 mg/dl 16 - 45
(MET.ENZIMATICO UV-GLDH)
GLICEMIA 75 mg/dl 60 - 110
(MET.ENZIMATICO TRINDER)
CREATININEMIA 0.94 mg/dl 0.70 - 1.40
(MET.CINETICO JAFFE')
BILIRUBINEMIA TOTALE 3.5 mg/dl fino a 1.2
(MET.COLORIMETRICO)
G O T (A S T) 34 U/l fino a 35
(Met.IFCC OTTIMIZZATO)
G P T (A L T) 24 U/l fino a 45
(MET.IFCC OTTIMIZZATO)
GAMMA G.T 20 U/l fino a 49

Siccome gli unici valori legati al fegato a risultare, di molto, fuori dalla norma sono come da titolo, bilirubina e pt, mi chiedevo se entrambi potessero essere giustificati da una possibile sindrome di Gilbert, oppure se risultano necessari altri esami, e se sì quali. Vi ringrazio dell'attenzione, Giovanni

[#1]  
Dr. Francesco Quatraro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
4% attualità
20% socialità
ACQUAVIVA DELLE FONTI (BA)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2012
I valori rappresentati non depongono per un Gilbert ma per un ittero misto con alterazione dei parametri emocoagulativi.

Senza una visita diretta del paziente non è possibile alcun orientamento diagnostico,
le consiglio una preliminare visita specialistica diretta.
Responsabile U.O. di Endoscopia Digestiva Osp. MIULLI
www.enterologia.it
www.transnasale.it

[#2] dopo  
Utente
Grazie della risposta. Come mai esclude un Gilbert? Ultimamente mi sento abbastanza stanco e stressato. Alla minima attività fisica ho un aumento del battito cardiaco e dell'affanno. Potrebbero essere sintomi di qualcos altro?

[#3]  
Dr. Francesco Quatraro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
4% attualità
20% socialità
ACQUAVIVA DELLE FONTI (BA)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2012
Chi le ha detto che si tratta di un Gilbert?
Responsabile U.O. di Endoscopia Digestiva Osp. MIULLI
www.enterologia.it
www.transnasale.it

[#4] dopo  
Utente
Il medico, cardiologo, che una volta vista la bilirubina alta mi ha consigliato di analizzare anche gli altri parametri del fegato, dicendomi che qualora fossero risultati nella norma, si sarebbe dovuto trattare di gilbert! Come mai lei tende ad escluderlo. Inoltre devo anche aggiungere che solo ultimamente sento un senso di stanchezza opprimente.

[#5]  
Dr. Francesco Quatraro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
4% attualità
20% socialità
ACQUAVIVA DELLE FONTI (BA)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2012
Il problema da lei lamentato, a mio parere,
necessita di un approfondimento diagnostico
attraverso valutazione diretta
da parte dello specialista più indicato e competente:
il gastroenterologo.

Come le ho già scritto
con i limiti di una valutazione a distanza,
rilevo dai dati esposti
"un ittero misto con alterazione dei parametri emocoagulativi."
.. non mi sembra di poter parlare di un Gilbert!
Responsabile U.O. di Endoscopia Digestiva Osp. MIULLI
www.enterologia.it
www.transnasale.it

[#6] dopo  
Utente
Su consiglio medico ho ripetuto presso altra struttura l'esame diagnostico di bilirubina e pt. Il pt è risultato essere a norma con 10sec. Gli altri valori emocoagulativi sono tutti a norma. Cosa ne pensa solo in base ai valori riportati? Grazie

[#7]  
Dr. Francesco Quatraro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
4% attualità
20% socialità
ACQUAVIVA DELLE FONTI (BA)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2012
E' un dato certamente positivo,
... magari da verificare, concordemente con il curante,
fra qualche settimana.
Responsabile U.O. di Endoscopia Digestiva Osp. MIULLI
www.enterologia.it
www.transnasale.it

[#8] dopo  
Utente
Grazie. Ne parlerò col medico curante appena rientrato nella mia città. Avreii solo un dubbio a proposito dei legami tra gli alti valori della bilirubina e attacchi di panico e stanchezza psicofisica di cui soffro da un paio di mesi. Sono essi in rapporto causa effetto? Oppure non dipendono gli uni dagli altri? Inoltre da un po' di tempo sento un leggerissimo fastidio (bruciore) all'altezza del fegato ( sotto l'ultima costola destra) al termine dei pasti, soprattutto quando abbondanti! Inoltre nonostante gli elevati valori di bilirubina gli occhi non mostrano alcun ittero.
Grazie.

[#9]  
Dr. Francesco Quatraro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
4% attualità
20% socialità
ACQUAVIVA DELLE FONTI (BA)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2012
Nessun legame con gli attacchi di panico.

Naturalmente molto di più potrà dirci la visita diretta del suo medico.
Responsabile U.O. di Endoscopia Digestiva Osp. MIULLI
www.enterologia.it
www.transnasale.it

[#10] dopo  
Utente
Ho effettuato un'ecografia completa dell'addome e dell'inguine. E' risultata una lieve splenomegalia con un leggero ingrossamento del fegato. Inoltre, il medico ha constatato la presenza di linfonodi infiammati nella zona inguinale e ascellare. Ora che ci penso un paio di settimane fa ho avuto un rigonfiamento del linfonodo inguinale destro, che oltre al tatto si notava anche visivamente allo specchio, sparito poi dopo un paio di giorni. Ad oggi mi è comparso un nuovo dolore all'altezza dell'ombelico. Qualora contraggo l'addome sento un senso di tensione sopra l'ombelico. Inoltre ieri sera ho avuto un paio di fitte localizzate all'altezza di stomaco e fegato, scomparse dopo un paio di minuti dopo, con conseguente attacco di panico. Secondo l'ecografista(medico generale) potrebbe trattarsi di un'infezione, come una mononucleosi. Ma non ho nè febbre nè nausea, anzi in questi giorni ho subito un forte incremento nel'appetito. Premesso che cercherò di effettuare una visita gastroenterologa al più presto, vorrei avere il suo parere. Mi sto preoccupando per nulla, oppure potrebbe esserci qualcosa di virale sotto che chiede un trattamento? Ho passato sei mesi in California, andando anche in alcune città messicane, oltre che a girare gli aeroporti di mezzo mondo. Potrei aver beccato qualche virus i cui effetti si fanno sentire solo ora?La ringrazio del consulto.

[#11]  
Dr. Francesco Quatraro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
4% attualità
20% socialità
ACQUAVIVA DELLE FONTI (BA)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2012
In effetti è possibile aver contratto la mononucleosi,
basterà effettuare gli opportuni tests virologici,
ma non mi sembra motivo ragionevole per particolari allarmi.

Si tranquillizzi pure
Responsabile U.O. di Endoscopia Digestiva Osp. MIULLI
www.enterologia.it
www.transnasale.it

[#12] dopo  
Utente
Dottore la ringrazio per i suoi consigli. Scrivo ora per renderle conto della mia storia che ha dell'incredibile. Dopo pochi giorni aver chiesto qui il consulto inizio ad avvertire un forte dolore alla parete ombelicale, come se fosse in corso un'infiammazione. Facendosi il dolore più acuto giorno dopo giorno mi sono rivolto ad un chirurgo amico di famiglia. Subito, con estrema disponibilità e professionalità, mi ha eseguito una serie di accertamenti, dai quali è risultato negativo sia il test epatiti sia quello della mononucleosi. La sorpresa è stata una cisti all'altezza dell'ombelico, che a detta del primo ecografista sembra sia dovuta a corpo estraneo, probabilmente una garza rimasta dalle medicazione del cordone ombelicale, assorbitasi poi all'interno della parete. Inoltre, tutti i valori del sangue risultano nella norma, mentre quella bilirubina alta è sempre lì. Fatto sta che,invece, un altro chirurgo, al solo tatto, ha escluso che si tratti di corpo estraneo, indicandola come semplice cisti pilonidale e mi ha consigliato di ripetere l'ecografia. La ripeterò a breve anche se credo che il primo ecografista sia in grado di distinguere un pelo da un filamento di garza. Lei cosa ne pensa?
Per quanto riguarda il suo campo di specializzazione ho da chiederle un parere ulteriore.Ultimamente ho una flatulenza con un odore sgradevolissimo e feci chiare e molli, quando in realtà sono sempre state scure e molto solide. Inoltre, quando mi alleno inizio dopo i primi km di corsa a sentire un dolore nauseante all'altezza dell'addome, magari sarà che ho ripreso dopo due settimane di stop. Potrebbe essere legato ad uno stato d'ansia? Cioè soffro di un disturbo di ansia generalizzato che sto cercando di emarginare con un percorso guidato meditativo, che a dire il vero sta dando i suoi frutti. A volta mi trasforma anche in ipocondriaco!!! Spesso sento gli occhi pesanti, come se tendessero ad arrossarsi. Quello che le chiedo è se lei vede sintomi che potrebbero essere legati a qualche patologia. Altrimenti, essendo andati a buonfine tutti gli altri accertamenti, si può trattare di un Gilbert, confermando il parere di entrambi i medici che mi hanno visitato(non gastroenterologi)? Grazie dell'attenzione

[#13]  
Dr. Francesco Quatraro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
4% attualità
20% socialità
ACQUAVIVA DELLE FONTI (BA)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2012
L'ansia credo sia dominante.

Non posso ovviamente esprimermi sul dato ecografico a distanza (senza vedere!),
la ripetizione dell'esame mi sembra una buona idea.
Responsabile U.O. di Endoscopia Digestiva Osp. MIULLI
www.enterologia.it
www.transnasale.it

[#14] dopo  
Utente
Quindi è possibile che sia stato lo stato generale di ansia e stress che ho vissuto in questi ultimi mesi ad aver comportato dolori gastrointestinali, come crampi ripetuti, feti maleodoranti e feci chiare e molle?Per non parlare del senso di nausea durante lo svolgimento di attività fisica? E anche i livelli di bilirubina elevati possono essere stati causati da questa condizione? Ho eseguito una quantità elevata di accertamenti, di cui non li ricordo in dettaglio, tra prelievi generali di sangue,urine e tamponi, addirittura risonanze magnetiche,tutti negativi. Ad un certo punto sembrava fossi diventato ipocondriaco.

Per la cisti e il prinicipio di ernia che mi hanno trovato ho appena riprenotato un'eco dei tessuti molli.

La ringrazio per il consulto