Dolore ipocondrio destro e meteorismo

Gentili dottori, sono un ragazzo di 36 anni. Da circa 10 anni soffro di disturbi all'apparato digerente. Nel 2005 I° gastroscopia: Gastroduodenite HP positiva lieve esofagite da reflusso; Terapia antibiotica + mepral 20 mg. Nel 2013 II° gastroscopia: Gastroduodenite HP negativa, lieve esofagite da reflusso; sempre terapia con mepral 20 mg. Premetto che il mepral lo prendo a cicli da ormai 9 anni. Dal 2014 in poi sono iniziati disturbi colici cioè dolore prevalentemente in ipocondrio dx e a volte sx associato a forte meteorismo (da limitarmi spesso in tutto) con alvo altalenante. Allora feci un transito con il bario in cui si evidenziava discinesia del colon trasverso e del discendente. Ho eseguito sempre nel 2014 la coloscopia: tutto regolare fino al cieco ad eccezione di congestione del plesso emorroidario. Ho fatto eco addome 2 volte entrambe negative (qualche cisti renale e due angiomini al fegato) seguita da RM addome superiore che conferma l'ecografia. A dicembre scorso finisco al PS per forte colica addominale al quadrante dx, mi somministrano antispastici e mi mandano dal gastroenterologo, il quale mi sottopone a test di intolleranza alimentare (intolleranza a lattosio e caseina, carne rossa, patate, melenzane e pomodori). Al che mi si viene detto che ho un colon irritabile o forse una sibo o una sindrome della flessura epatica. Mi danno colonactive, un 'altro probiotico, enzitime e spasmicol senza antibiotici. Il quadro è leggermente migliorato e sono uno che non fuma, non beve e non beve roba frizzante né mangia sregolato, ma i disturbi vanno e vengono. Ci sono giorni di tranquillità relativa e giorni in cui le coliche ed il meteorismo sono insopportabili. Il gastroenterologo vuole togliermi il mepral e non farmelo assumere più. Inoltre le feci sono altalenanti da poltacee e normali. Vorrei qualche suggerimento o qualche altra strada ancora non dibattuta. Grazie.
[#1]
Dr. Felice Cosentino Gastroenterologo, Chirurgo apparato digerente, Chirurgo generale, Colonproctologo 68k 2,1k 88
Da come descrive é dalla negatività degli accertamenti seguiti, il quadro é realmente compatibile con un colon irritabile. Deve trovare un equilibrio con i suggerimenti terapeutici di un gastroenterologo.


Dr Felice Cosentino, Gastroenterologo/Endoscopista - Milano (Clinica La Madonnina), Roma, Calabria (Crotone,Reggio)
www.endoscopiadigestiva.it

[#2]
dopo
Utente
Utente
Grazie dottore. Il mio quesito però è che il gastroenterologo aveva dubbi su tre ipotesi (colon irritabile o una sibo o una sindrome della flessura epatica). Prendo i PPI da circa 9 anni e mi hanno detto che è probabile una sibo e che ci vuole l'antibiotico. Non so che pesci prendere. Il gastroenterologo invece mi da solo integratori e probiotici. In bagno vado non regolare, le feci sono semiformate e a volte poche.
[#3]
Dr. Felice Cosentino Gastroenterologo, Chirurgo apparato digerente, Chirurgo generale, Colonproctologo 68k 2,1k 88
La sindrome della flessura epatica (ossia distensione da gas di tale angolo del colon ) rientra nel colon irritabile, mentre per la SIBO bisogna effettuare il Breath test al glucosio.

[#4]
dopo
Utente
Utente
Gentile dottore, c'è stato un periodo di miglioria in seguito alla cura del gastroenterologo. Da circa 2 giorni però ho iniziato di nuovo ad avere problemi. Mi sono svegliato con un dolore sordo in sede epigastrica, eruttazioni continue e fastidiose, meteorismo e emissioni di feci poltacee. Il tutto ovviamente sotto terapia: mattino pariet 10 mg che ha sostituito il mepral, clebopride ai pasti e probiotici. Ho ultimamente sentito che c'è gastroenterite in giro e se non ricordo male sono stato a contatto con qualcuno, ma l'ho già presa due volte quest'anno si può riprendere? Sa spesso cado nello sconforto perché penso di avere qualcosa da cui è difficile guarire. Potrebbe darmi ulteriori consigli? Le intolleranze alimentari che le ho descritto hanno fondamento?
[#5]
Dr. Felice Cosentino Gastroenterologo, Chirurgo apparato digerente, Chirurgo generale, Colonproctologo 68k 2,1k 88
Colon irritabile o virosi intestinale. Ma perché pensare sempre al peggio ?


[#6]
dopo
Utente
Utente
Sa con quello che si sente. Comunque volevo ringraziarla per le sue confortanti risposte. Volevo solo chiederle se ci si può reinfettare con la gastroenterite nello stesso periodo e dopo averla già presa 2 volte e se essa può essere alla base delle intolleranze alimetari che le ho descritto.
Grazie....
[#7]
Dr. Felice Cosentino Gastroenterologo, Chirurgo apparato digerente, Chirurgo generale, Colonproctologo 68k 2,1k 88
La gastroenterite virale può recidivare ed a volte può essere alla base di intolleranze (transitorie) come quella al lattosio

[#8]
dopo
Utente
Utente
Gentile dottore, il gastroenterologo mi ha sottoposto ad ulteriori test sulle intolleranze alimentari e quelle precedenti che le ho descritto sono quasi tutte scomparse e sono state riscontrate: solanacee, pistacchio, mandorlacee (pesche , mandorle, ciliegie). Il test eseguitomi è stato fatto con una apparecchiatura kinesiologica credo, comunque non da medicina ufficiale. I miei disturbi vanno e vengono come sempre. Secondo lei sono attendibili questi test?
[#9]
dopo
Utente
Utente
Gentile dottore mi scusi se la disturbo ma quel dolore in ipocondrio destro si presenta spesso e mi corrisponde dietro sulla schiena sempre lato destro. Ho eseguito tutto ciò che era necessario come testo diagnostici ma il risultato è sempre lo stesso. Attualmente prendo Omeprazolo 20 la mattina, levopraid 25 mattino e sera, gastrotuss dopo i pasti. Dolore in ipocondrio dx che va e viene associato a meteorismo, nausea ed eruttazioni ed alvo altalenante. La gastroscopia di due anni fa è negativa a parte un lievissimo reflusso e la colonscopia di un anno fa negativa. Non so più che pesci prendere. Potrebbe essere SIBO? O sindrome flessura epatica?
[#10]
Dr. Felice Cosentino Gastroenterologo, Chirurgo apparato digerente, Chirurgo generale, Colonproctologo 68k 2,1k 88
[#11]
dopo
Utente
Utente
Gentile Dr. Consentino, la ringrazio del post che mi ha consigliato seguiro' sicuramente la dieta propostami. Volevo aggiungerle però che sono stato dal mio curante a visita e gli ho descritto tutti i miei sintomi: stanchezza, meteorismo, dolore addominale che va e viene specie in ipocondrio dx, eruttazioni, nausea, ho notato anche una lieve perdita di peso da 70 kg a 68 kg, ed alvo altalenante e le feci quando sono formate sono lucide ma normocolorate, sicchè il medico ha preso in considerazione la SIBO visto che assumo PPI da decenni e mi ha consigliato un breath test. Lei concorda? I sintomi corrispondono? Scusi la mia insistenza ma vorrei venirne a capo visto che i disturbi mi limitano la vita sociale e quotidiana.
Grazie.
[#12]
Dr. Felice Cosentino Gastroenterologo, Chirurgo apparato digerente, Chirurgo generale, Colonproctologo 68k 2,1k 88
Potrebbe essere una possibilità. Mi aggiorni sull'esito del test.

Cordialmente

[#13]
dopo
Utente
Utente
Gentile dott. Cosentino, mi hanno detto che i breath test per la sibo sono 2 ovvero al glucosio e al lattulosio. C'è differenza? Quale mi consiglia di fare?
La ringrazio anticipatamente.
[#14]
dopo
Utente
Utente
Gentile dottore sono stato da un gastroenterologo che mi ha fatto il test al glucosio per la SIBO che è risultato negativo. Dopo mi ha visitato, credo che fosse anche un kinesiologo, e con alcune manovre mi ha detto di avere una insufficienza della valvola ileo-cecale responsabile dei miei disturbi. Mi ha dato dei probiotici e del diosmectal bustine per 20 gg. E' d'accordo? Esiste questa sindrome?
Grazie come sempre.
[#15]
Dr. Felice Cosentino Gastroenterologo, Chirurgo apparato digerente, Chirurgo generale, Colonproctologo 68k 2,1k 88
É la prima volta che sento parlare di insufficienza della valvola ileo-ciecale ....e poi diagnosticata così.





Cos'è l'ansia? Tipologie dei disturbi d'ansia, sintomi fisici, cognitivi e comportamentali, prevenzione, diagnosi e cure possibili con psicoterapia o farmaci.

Leggi tutto

Contraccezione: quanto sei informato? Scoprilo con il nostro test