Utente 241XXX
Buongiorno, sono un uomo di 44 anni, fumatore. Ho scritto già in altre sezioni, ma non mi sono mai rivolto a un gastroenterologo. Premetto che assumo la sertralina da diversi anni al dosaggio di 0,50 mg, da due mesi per una serie di problemi dell'anno scorso, passata dal mio psichiatra a 0,75. A fasi alterne ho preso l'alprazolam senza mai andare oltre 1 mg die. Scrivo per avere un conforto sulle mie supposizioni. Attualmente mi trovo in questa situazione: tensione dello stomaco parte centrale che si sposta al fianco destro, alveo irregolare, gorgoglii, molto meteorismo, bruciore alla defecazione e saltuari bruciori, sempre durante la defecazione, mentre urino. Tavolta senso di nausea. Noto un malassorbimento degli alimenti. Consultato il mio medico e dopo visita mi ha tastato l'addome rilevando molta a aria e sicuramente un colon in pessimo stato. Tengo anche a premettere che ho mio padre che è stato operato di tumore al colon. Fortunatamente in tempo. A tal proposito tre anni fà ho effettuato colonoscopia, ecografia, analisi di vario genere e non è emerso nulla se non due polipetti benigni. In accordo con il medico di allora mi ha detto di ripetere la colonoscopia a distanza di 5 anni poichè non rilevava nulla di particolare.
Il medico di famiglia sostiene che la situazione è sicuramente motivata da un problema di ansia e che riteneva inutile far elteriori accertamenti.
Mi ha prescritto Spasmomen due volte die, Omeprazolo la mattina, Enterolactis due volte die e poichè gli ho detto che con lo Xanax la sintomatologia si attutiva di prendere in questa fase 3 compresse da 0,50 die. Prima di andare a dormire una tisana di malva.
Volevo chiedere:
E' condivisibile questa terapia alla luce dell'esposto?
E' possibile che il meteorismo e il colon infiammato possano inficiare anche la vescica poichè vado più spesso in bagno per urinare?
Che tipologia di fermenti lattici sono più indicati?
Devo fare altri esami o anticipare la colonoscopia?
Grazie

[#1] dopo  
Dr. Felice Cosentino

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
CINQUEFRONDI (RC)
CROTONE (KR)
ROMA (RM)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2008
Prenota una visita specialistica
Non serve anticipare la Colonscopia, mentre prenderei in considerazione qualche intolleranza alimentare (lattosio ?) e/o una eventuale sovrainfezione batterica intestinale (SIBO) con il breath test al glucosio.



Cordialmente

Dr Felice Cosentino, Clinica La Madonnina - Milano
Gastroenterologia/Endoscopia, Centro per la Disbiosi intestinale.
www.endoscopiadigestiva.it

[#2] dopo  
Utente 241XXX

Salve dr. Cosentino, la ringrazio per la celere risposta. Prenderò in carico le sue indicazioni. In merito vorrei dire che il mio peso ponderale da settembre 2015 ad oggi con misurazioni mensili è sempre tra 88-89 chili. Ho letto che per SIBO ci deve essere un importante peso ponderale.Le mie perplessità, come citavo nel primo messaggio vertono principalmente su questi aspetti: un colon infiammato con meteorismo e emorroidi leggermente infiammate, possono interessare la frequenza di minzione (immagino che l'aria o il colon teso premano sulla vescica). Tengo a precisare che a novembre ho avuto una prostatite curata con Topster e Levofloxacina. Da allora mi porto dietro questo squilibrio allo stomaco. Attualmente non ho particolari bruciori durante o dopo la minzione, ma solo un tenesmo nella parte bassa del ventre, inguinale direi e sicuramente marcato quando stò seduto. In secondo luogo ho notato che quando assumo Xanax alla dose di 0,50 i fenomeni praticamente scompaiono (questo elemento fa propendere per una situazione a carattere psicosomatico?). Ultima domanda e mi scuso per le richieste: fermenti lattici, antispastico, benzodiazepine e malva la sera sono efficaci in queste situazioni? Se si quale è il tempo per valutare se la terapia è efficace? La ringrazio per quanto potrà indicarmi e suggerirmi.
Il mio medico curante mi ha detto che bisogna aspettare almeno un mesetto per capire se abbiamo intrapreso la strada giusta. Non mi ha indicato particolari indicazioni per l'alimentazione se non mantenere porzioni ridotte, evitare caffè, alcool, pane e dolci. Almeno 30 minuti di passeggiata quotidiana. Insiste molto su malva e tisane depurative e antinfiammatorie perché propende per un aspetto ansiogeno sottostante e quindi caricare di farmaci non serve a molto se non a complicare solamente la situazione.
Distinti saluti e grazie ancora.

[#3]  
Dr. Felice Cosentino

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
CINQUEFRONDI (RC)
CROTONE (KR)
ROMA (RM)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2008
Sicuramente lo stato ansiogeno può influire ma proverei a tenere d'occhio l'alimentazione:

https://www.medicitalia.it/minforma/gastroenterologia-e-endoscopia-digestiva/1858-pancia-gonfia-colon-irritabile-la-dieta-fodmap-puo-essere-una-soluzione.html

Dr Felice Cosentino, Clinica La Madonnina - Milano
Gastroenterologia/Endoscopia, Centro per la Disbiosi intestinale.
www.endoscopiadigestiva.it

[#4] dopo  
Utente 241XXX

Buongiorno Dr. Cosentino, Le riscrivo dopo qualche anno perché a fasi alterne sono riuscito a tenere a bada il mio colon. Da un paio di mesi a questa parte non ci riesco più e sono subentrate nuovamente paure tumorali. I sintomi principali sono questi: stipsi, quando riesco a defecare dopo pochi minuti mi viene dolore al basso ventre, ho emorroidi doloranti. Tenesmo. una volta sola dopo defecazione ho visto sangue rosso nel water e sulla carta igienica. Poco muco dopo defecazione e sento la necessità di pulirmi nuovamente. Prendo attualmente esomeprazolo per problemi di reflusso e spasmomen al bisogno. Il problema maggiore è questo dolore dopo defecazione che sento all'ano e al basso ventre. Dovrei prendere dei fermenti lattici? Ma questi non sono indicati solo in caso di diarrea? Grazie per il tempo che vorrà dedicarmi.