Utente
Buongiorno.
Mi sono recata a fare la prima visita gastroenterologica a giugno 2017 dopo circa 10 mesi di dolori addominali (e, dopo essere stata in ospedale, dove al seguito di una eco erano stati riscontrati dei linfonodi reattivi nel tenue in sede iliaca), che in generale si presentavano durante e dopo i pasti ed al momento della defecazione. Sono passata da 50kg ca a 44kg, pur mangiando pasti molto abbondanti (spesso mi sento sazia per 1h ca dopo i pasti e poi mi torna fame). Le feci non erano formate e praticamente quasi tutto quello che mangiavo usciva così come entrava, alternavo inoltre stitichezza a feci molto molli. Ho eseguito esame parassitologico delle feci: negativo.
In seguito alla visita mi è stato prescritto una trattamento con Normix 3 volte al giorno per 10gg al seguito del quale dovrò fare 17gg di fermenti lattici. Eco anse intestinali e breath test al lattosio ( che però sono riuscita a prenotare non prima del 20/10/17). + Esami feci: coprocoltura risultante negativa per salmonella, shigella e compylobacter e calprotectina che risulta fuori range ed è a 250.
Durante il trattamento con il Normix i dolori sono aumentati perdurando per tutto il giorno con fitte fortissime a tutto l'addome anche appena svegliata.
Potrei avere un consiglio riguardo cosa potrebbe causare tutti questi disagi? E se fosse il caso di fare altri esami di approfondimento?
Grazie mille per la disponibilità.

[#1]  
Dr. Felice Cosentino

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
CROTONE (KR)
REGGIO DI CALABRIA (RC)
ROMA (RM)
CINQUEFRONDI (RC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2008
Prenota una visita specialistica
Mi concentrerei su qualche intolleranza alimentare: lattosio e glutine. In attesa del test potrebbe già eliminare da subito il lattosio. Ha eseguito i markers per la celiachia ?


Cordialmente
Dr Felice Cosentino, Gastroenterologia ed Endoscopia - Milano (Clinica La Madonnina), Roma, Calabria (Crotone,Reggio)
www.endoscopiadigestiva.it

[#2] dopo  
Utente
Sì, mi scusi, ho fatto degli esami ematici per la celiachia (anti transglutaminasi IgA e immunoglobuline IgA), risultati negativi. Tendenzialmente non faccio largo uso di latte latticini.

[#3]  
Dr. Felice Cosentino

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
CROTONE (KR)
REGGIO DI CALABRIA (RC)
ROMA (RM)
CINQUEFRONDI (RC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2008
Quindi potrebbe trattarsi di una ipersensibilità al glutine:

https://www.medicitalia.it/minforma/gastroenterologia-e-endoscopia-digestiva/1040-celiachia-no-gluten-sensitivity-ipersensibilita-al-glutine.html


F.Cosentino
Dr Felice Cosentino, Gastroenterologia ed Endoscopia - Milano (Clinica La Madonnina), Roma, Calabria (Crotone,Reggio)
www.endoscopiadigestiva.it

[#4] dopo  
Utente
Ma se si dovesse trattare di ipersensibilità al glutine, togliendolo dovrebbe migliorare?
Perché io feci 6 mesi di dieta stretta senza glutine, pensando appunto ad una cosa del genere (sotto consiglio del medico di base), ma non notai nessun miglioramento in positivo.

[#5]  
Dr. Felice Cosentino

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
CROTONE (KR)
REGGIO DI CALABRIA (RC)
ROMA (RM)
CINQUEFRONDI (RC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2008
Ed allora bisogna rivalutare il tutto con il gastroenterologo.
Dr Felice Cosentino, Gastroenterologia ed Endoscopia - Milano (Clinica La Madonnina), Roma, Calabria (Crotone,Reggio)
www.endoscopiadigestiva.it