Utente 490XXX
Buonasera,
Soffro di esofagite di tipo B senza ernia iatale accertato con gastroscopia qualche mese fa. Da allora ho fatto 2 mesi di cura con omeprazolo 20 (più levopraid 2 vlt die per 3 settimane per nausea) un mese di stop e poi al ripresentarsi dei sintomi ho ripreso la cura con solo omeprazolo20 su consiglio del mio specialista. Ad oggi Devo dire che durante la cura mi sento abbastanza bene se seguo una corretta alimentazione ma se mi capita di sgarrare spesso mi ritrovo a fare i conti con nausea o senso di indigestione per cui ricorro al peridon o levopraid..questo succede sopratutto con cioccolata o dolci in generale..volevo sapere se c'era motivo di fare qualche test di intolleranza alimentare o questi cibi di per sé possono portare ad avere tali sintomi anche consumati in quantità moderate.
Grazie in anticipo.

[#1] dopo  
Dr. Marco Bacosi

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
POMEZIA (RM)
ROMA (RM)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2012
Lasci stare le intolleranze.
Cioccolato, dolci, caffè, tè ecc. Sono nocivi di per se.
Deve seguire rigorosamente la dieta per il reflusso.
Cordiali saluti!
MARCO BACOSI MD PhD
Spec. in Gastroenterologia ed Endoscopia Digestiva
Dott. di Ricerca in Fisiopatologia Chirurgica e Gastroenterologia

[#2] dopo  
Utente 490XXX

Grazie per la risposta..l'unica cosa a cui non riesco a rinunciare è il caffè..posso concerdermene uno al giorno? O lo devo eliminare totalmente?

[#3] dopo  
Dr. Marco Bacosi

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
POMEZIA (RM)
ROMA (RM)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2012
Deve provare.
Può assumere quello decaffeinato.
MARCO BACOSI MD PhD
Spec. in Gastroenterologia ed Endoscopia Digestiva
Dott. di Ricerca in Fisiopatologia Chirurgica e Gastroenterologia

[#4] dopo  
Utente 490XXX

Va bene, la terrò aggiornato se ci saranno novità..Grazie e saluti.