Utente 504XXX
Salve,
da circa 15 mesi ho iniziato ad avvertire i seguenti sintomi:
- gonfiore addominale
- crampi e dolori ad addome e basso ventre
- stipsi (a volte anche 6-8 giorni senza andare di corpo)
- formicolii alle dita delle mani
- mal di testa frequenti che a volte spariscono di botto
- prurito (soprattutto al collo e alle braccia)
- dolori articolari e muscolari (più che dolori "fastidi", come se il giorno prima avessi fatto un intensa attività fisica)
- insonnia e malessere generale, mi sento spesso stanca e nervosa

inizialmente ignoravo tutti questi sintomi perché erano solo fastidi che avevo ogni tanto.. nell'ultimo anno però li ho praticamente ogni giorno.. e non so più cosa fare.

Soffro di tiroidite cronica autoimmune da circa 15 anni. Non mi ha mai causato alcun nulla. Prendo Eutirox 50 mg ogni giorno ma nell'ultimo anno sto ripetendo continuamente il dosaggio del TSH poiché mi ritrovo una volta ad averlo a 0,2 e dopo 3 mesi è a 3.5/4 per cui mi modificano il dosaggio di Eutirox :

- se prendo 50 mg tutti i giorni il TSH si mantiene a 3.5/4

- se aumento a 75 mg o 100 mg la domenica mi ritrovo il TSH a 0,2 circa......

Questa storia va avanti da 1 anno e mezzo. Nel frattempo sono aumentata di 10 kg (adesso 3 li ho persi) passando da 58 a 68 kg nel giro di 2 mesi (io sono 1.70 di altezza) e senza cambiare alimentazione e stile di vita
Con l aumento di peso sono iniziati i sintomi di cui sopra.. su mia insistenza l'endocrinologo mi ha prescritto delle analisi complete: emocromo + vitamina d, vitamine b, folati, elettroliti e esami per escludere celiachia. Da queste è risultata una grave carenza di vitamina d ( c'è l'ho a 3), lieve carenza di potassio, magnesio e ferro poi acido folico, vitamina b12 e calcio un po' bassi ma cmq dentro i valori di riferimento. Esami per la celiachia negativi.. oggi sono stata nuovamente dall'endocrinologo che mi ha prescritto degli integratori da prendere per 4 mesi poi ripetere le analisi.

Da circa 3 mesi io ho eliminato quasi completamente dalla mia alimentazione glutine e lievito e la situazione era migliorata un bel po' (alcuni sintomi erano proprio spariti) ma il medico insiste a dire che i miei sintomi sono incompatibili con la celiachia perché non ho diarrea e calo ponderale.. anzi.. il mio peso tende a salire nonostante mangio poco e sano.. in effetti gli esami al sangue gli danno ragione..

io però non mi sento bene e non so a chi rivolgermi. È difficile avere una vita "normale" stando così.. fatico a lavorare, a gestire casa e impegni.. vorrei anche perdere 2-3 kg ma la bilancia non si sposta di un grammo :(

Questo mio malessere può dipendere dalle carenze di vitamine e sali minerali che sono risultate nelle analisi? È possibile che il glutine mi faccia male anche se non sono celiaca? Quali esami sono indicati per i miei sintomi?

[#1] dopo  
Dr. Felice Cosentino

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
VIBO VALENTIA (VV)
CINQUEFRONDI (RC)
REGGIO DI CALABRIA (RC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2008
Prenota una visita specialistica
Può avere un'intolleranza al glutine di tipo non celiaco e per tale patologia non ci sono test diagnostici ma vale come diagnosi il miglioramento clinico con la sospensione

Cordialmente
Primario di Gastroenterologia ed Endoscopia, Osp. San Giuseppe - Milano
Centro di COLONSCOPIA ROBOTICA
www.endoscopiadigestiva.it

[#2] dopo  
Utente 504XXX

Grazie mille per la risposta.

Dunque devo continuare lo stesso a seguire un alimentazione priva di glutine dato che ho notato un miglioramento?

Una carenza di vitamina d, magnesio e potassio puo causare questi sintomi?

[#3] dopo  
Dr. Felice Cosentino

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
VIBO VALENTIA (VV)
CINQUEFRONDI (RC)
REGGIO DI CALABRIA (RC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2008
Doppia risposta affermativa
Primario di Gastroenterologia ed Endoscopia, Osp. San Giuseppe - Milano
Centro di COLONSCOPIA ROBOTICA
www.endoscopiadigestiva.it