Utente 401XXX
Salve, sono affetto da morbo DI Crohn. Volevo chiedere se a vostro parere ci fossero abbastanza evidenze cliniche per suggerire a noi pazienti una dieta con ridotta quantità di Glutine e altri fodmaps. I vostri pazienti ne traggono giovamento? Io ho più sintomi che danno organico, al momento. Può essere d aiuto una dieta di questo tipo, associata alla terapia convenzionale?

[#1]  
Dr. Felice Cosentino

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
CROTONE (KR)
ROMA (RM)
CINQUEFRONDI (RC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2008
Prenota una visita specialistica
La dieta è indipendente dalla patologia, ma spesso si associa una ridotta tolleranza, che è individuale, agli alimenti FODMAP. Quindi se trova giovamento può utilizzare la dieta.


Cordialmente
Dr Felice Cosentino, Clinica La Madonnina - Milano
Gastroenterologia/Endoscopia, Centro per la Disbiosi intestinale.
www.endoscopiadigestiva.it

[#2] dopo  
Utente 401XXX

La ringrazio. Mi perdoni se abuso della sua disponibilità, volevo chiederle se ha letto le nuove ricerche a cui ha partecipato il Professor Danese riguardanti i nuovi fattori protettivi per crohn e rcu, sulla rivista Gastroenterology(in particolar modo viene trovato un discreto miglioramento con l'utilizzo di integratori di Vit D, Acido folico e catechine presenti nel tè verde e che un ulteriore fattore protettivo è lo sport). Non mi sono mai stati consigliati integratori, non avendo evidentemente macrocarenze di micronutrienti(tranne vit D, come la maggior parte degli italiani d'altronde) , ma mi sembra buono e giusto supplementare queste vitamine insieme ad altri minerali vista la patologia e la correlata vita molto attiva che faccio, non crede? Questa patologia mi porta diversi disagi, ma non mi arrendo. La medicina è la mia passione. Ne approfitto per dirle che sono un laureando in medicina infatti e spero di poter provare il suo metodo di pulizia del colon per evitare la solita preparazione terribile, ho letto che lei ne è esperto.

[#3]  
Dr. Felice Cosentino

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
CROTONE (KR)
ROMA (RM)
CINQUEFRONDI (RC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2008
In aggiunta le dico allora che conviene allora eseguire uno studio del Microbiota intestinale (con l'analisi del DNA batterico fecale) per individuare eventuali squilibri della flora batterica e procedere ad una terapia mirata con probiotici specifici. Anche questo è un supporto per il Crohn
Dr Felice Cosentino, Clinica La Madonnina - Milano
Gastroenterologia/Endoscopia, Centro per la Disbiosi intestinale.
www.endoscopiadigestiva.it

[#4] dopo  
Utente 401XXX

La ringrazio dottore, ne parlerò con la mia gastroenterologa e scriverò eventuali aggiornamenti!

[#5]  
Dr. Felice Cosentino

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
CROTONE (KR)
ROMA (RM)
CINQUEFRONDI (RC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2008
Bene, a risentirci
Dr Felice Cosentino, Clinica La Madonnina - Milano
Gastroenterologia/Endoscopia, Centro per la Disbiosi intestinale.
www.endoscopiadigestiva.it