Utente
Salve ho 43 anni 1. 85cm 75kg no fumatore, un anno fa ho eseguito gastroscopia, causa dolori retrosternali, l esame ha evidenziato gastrite, ernia iatale, reflusso e positività elicobatter, quest'ultimo curato con terapia antibiotica. Mi è stata prescritta (eradicato elicobatter) terapia per reflusso con Lansoprazolo da 30 1 mese 1 compressa al mattino tutti i giorni, 2 mese 1 compressa a giorni alterni, poi sospendere e dopo un paio di mesi se necessario ricominciare terapia. Fatto il primo ciclo di due mesi sono stato molto bene i fastidi erano quasi assenti, ho sospeso circa 2 mesi poi ho riniziato terapia perché i fastidi sono tornati, ma questa volta sembra che i fastidi siano più pronunciati e meno reagenti ai farmaci. . . . Sembrano peggiorare dopo i pasti mentre la notte non ho nessun fastidio.. . . unico cambiamento apparte il fastidio retrosternale e dolore bocca dello stomaco, precisamente in alto sotto lo sterno a sinistra mi provoca dolore se premo su un punto circoscritto.. . mi chiedevo se Lernia ed il reflusso possono causarmi questi tipi di fastidio dolore anche se sto assumendo Lansoprazolo, se e possibile prendere gaviscon dopo i pasti o no per migliorare un po' la situazione.. . . la gastroscopia la dovrò ripetere fra due mesi circa (come consigliato dal medico passato un anno dalla precedente) vi ringrazio

[#1]  
Prof. Alberto Tittobello

28% attività
20% attualità
16% socialità
MILANO (MI)

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2012
La risposta è sì : il reflusso può provocare i suoi disturbi. Potrebbe provare a cambiare farmaco : per es., prendere il rabeprazolo da 20 mg invece del lansoprazoo. . D' accordo sull' assunzione dell' alginato di sodio, soprattutto la sera, molto utile nei casi di reflusso.
Prof. alberto tittobello

[#2] dopo  
Utente
Gentile proff. Trascorso un mese dalla sua risposta il dolore vicino bocca stomaco lato sinistro va e viene ma sempre doloroso se premo,la notte non so se perché forse più rilassato nessun disturbo,apparte questo da un po' di giorni ho delle fitte puncicate in mezzo le costole ed braccio sinistro,il mio medico mi dice non correlati secondo lui e nulla di che, mi chiedevo in attesa della gastroscopia se devo fare qualche esame o stare tranquillo che i dolori fastidi siano causati da i miei problemi gastrici..la ringrazio di nuovo

[#3] dopo  
Utente
Dimenticavo il dolore sotto le costole a sinistra vicino lo sterno aumenta dopo che alzo pesi, sempre circoscritto un pochi cm e dolente alla pressione, il dolore e come la sensazione di avere una ferita,può darsi che sia Lernia iatale a fare male?

[#4]  
Prof. Alberto Tittobello

28% attività
20% attualità
16% socialità
MILANO (MI)

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2012
Questo tipo di dolore, da come lo descrive, potrebbe non essere correlato con il reflusso, ma derivare da strutture della parete toracica, come i nervi intercostali, o dalla colonna vertebrale. Questo potrebbe essere il morivo per cui non l ' ha di notte, da sdraiato e invece aumenta sollevando pesi.
Prof. alberto tittobello

[#5] dopo  
Utente
Mi scuso se la disturbo ancora,per il mio problema di reflusso ernia iatale, sono
Andato dallo specialista in visita il quale mi ha cambiato terapia mi spiego, prima assumevo 1 Comp al di per un mese poi 1comp al di a giorni alterni per un mese poi sospendere 1/2 mesi e riniziato il ciclo. Ho fatto notare che dopo un mese di pausa i dolori fastidi ritornavo. A questo punto mi e stato prescritta una nuova terapia ossia 1cm sempre di lanzopranzolo 30 ma a giorni alterni per 3 mesi per poi sospendere e riniziato dopo 1 2 mesi. Ho appena iniziata questa terapia. Leggendo ho potuto constatare che tutti dicono che l'assunzione deve essere continuativa. Sarei lieto di avere un suo parere riguardo.

[#6]  
Prof. Alberto Tittobello

28% attività
20% attualità
16% socialità
MILANO (MI)

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2012
Ognuno risponde diversamente alle terapie. Se con l' assunzione a giorni alterni sta bene, ottimo. Altrimenti deve prendere la dose quotidiana.
Prof. alberto tittobello

[#7] dopo  
Utente
Gentile Prof.Tittobello
Mi scuso se mi permetto di disturbarla ancora, vorrei se possibile un suo parere.
Sto eseguendo terapia con lansopranzolo ( come sovrascritto) a cicli sospendendo un mese almeno tra un ciclo e l'altro, nel periodo di assunzione sono stato bene nessun disturbo, ho interrotto da 9 giorni consapevole che quando sto in questo periodo di sospensione il fastidio retrosternale bocca amara e dolore alla bocca dello stomaco tornano, ma sopportabili, la cosa che mi sta facendo preoccupare e che questa volta il dolore alla bocca dello stomaco e molto accentuato di tipo trafittivk,non fisso ogni tanto avverto come se una spilla mi trafiggesse, mi scusi per la spiegazione ma non ho altri termini, il dolore e precisamente tre dita sotto lo sterno a sinistra in un punto ben circoscritto, come ho detto so che quando sospendevo mi veniva in questo punto un fastidio puncicatina,ma non così accentuato.sono sinceramente un po' preoccupato spero che dipenda sempre dall' ernia iatale e dal reflusso. Vorrei gentilmente avere un suo parere e se può consigliarmi qualcosa,al momento sto assumendo solo un gaviscon. Sono in attesa di effettuare nuova gastroscopia chei e stata rinviata.

[#8]  
Prof. Alberto Tittobello

28% attività
20% attualità
16% socialità
MILANO (MI)

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2012
Non sono d' accordo sulla terapia a cicli. Se non si vuole prendere il farmaco tutti i giorni, lo si può prendere a giorni alterni.
Prof. alberto tittobello

[#9] dopo  
Utente
Prof. Tittobello la ringrazio della veloce risposta, i cicli praticamente erano lansopranzolo 30 1com al di X1 mese poi 1 giorni alterni x 1 mese poi un mese iniente e poi riniziare, ma ogni volta che interrompo i fasti tornano sempre più accentuati, sospendevo perché il medico ( non so perché) mi ha detto che questo periodo di sosta andava fatto,se dipendeva da me lo assumerei sempre dato che così facendo sto bene. Ormai e' ovvio che a cicli sto bene due mesi si e uno no. Mi ha scritto che potrei prenderlo a giorni alterni,( se anche fosse tutti i giorni nessun problema) se lo prendo come mi ha scritto a giorni alterni va bene sempre da 30?e come dovrei riniziare ad assumerlo, ho interrotto da 10 giorni. Così facendo potreie assumerlo anche per per lungo tempo senza interrompere? Grazie veramente dei suoi preziosi consigli

[#10]  
Prof. Alberto Tittobello

28% attività
20% attualità
16% socialità
MILANO (MI)

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2012
Sì, a giorni alterni potrebbe prenderlo a lungo.
Prof. alberto tittobello

[#11] dopo  
Utente
Gentile Proff. Tittobello dopo aver sospeso vorrei assumere Lansoprazolo 30 come mi ha consigliato a giorni alterni per lungo periodo in modo da non fare tornare i fastidi . Ma ora che devo ricominciare un mese posso subito partite 1 compressa a giorni alterni? La ringra,io di nuovo

[#12] dopo  
Utente
Chiedo perché non so se va preso prima tutti i giorni per poi passare a giorni alterni o posso iniziare direttamente a giorni alterni. La ringrazio di tutto.

[#13]  
Prof. Alberto Tittobello

28% attività
20% attualità
16% socialità
MILANO (MI)

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2012
No, non c' è uno schema fisso. Può fare come vuole, con lo scopo di stare bene.
Prof. alberto tittobello

[#14] dopo  
Utente
Gentile Proff Tittobello ho ricominciato Lansoprazolo 30 giorni alterni, sembra che vada bene. Una mia curiosità ma nel giorno che non assumo il farmaco si ha sempre un po' di copertura ho agisce solo il giorno che lo prendo?

La ringrazio veramente per tutti gli i consigli e spiegazioni.

[#15]  
Prof. Alberto Tittobello

28% attività
20% attualità
16% socialità
MILANO (MI)

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2012
Un po' agisce anche il giorno dopo.
Prof. alberto tittobello