Utente
Buongiorno Dottori mi rivolgo a voi in quanto sono abbastanza preoccupato per la mia situazione.

Quasi 3 settimane fa dopo essere stato a mangiare fuori con i miei amici una pizza, 1 ora dopo mentre ci recavamo tutti verso le macchine ho rigettato tutto e mi è salita la febbre che mi è durata 1 giorno.

I 2 giorni seguenti ho avuto febbre che oscillava da 36, 7 a 37, 4 più o meno, senza avere più vomito, e non ho mangiato niente dal lunedì ovvero il giorno di febbre alta fino a 39 fino a 4 giorno, ho iniziato ad andare a diarrea qualche giorno dopo (ovvero il 4 giorno seguente da la pizzata con gli amici)
Da quel giorno niente è tornato alla normalità, ho iniziato a prendere fermenti lattici per 1 settimana che andavo messi in frigo e non me lo avevano detto in farmacia e quindi non mi hanno fatto niente, premetto che ho mangiato e mangio sempre in bianco senza nessuno sgarro, dalla scorsa settimana ho iniziato un altra scatola di fermenti lattici (Codex), sperando che funzionasse ma niente.
Venerdì scorso chiamo il mio medico di famiglia che mi prescrive il Normix (2 la mattina e 2 la sera per 6 giorni) e mi dice di continuare con il Codex e che la mattina seguente ovvero Sabato di andare a farmi le analisi delle feci.

Sabato mattina dopo essere andato a farmi le analisi delle feci inizio la cura con il Normix e continuo a prendere il Codex.

Arriviamo ad oggi, da sabato ad adesso continuo ad avere diarrea con massimo 3 scariche al giorno (di cui sempre la mattina vado a diarrea e verso il pomeriggio già da 2 giorni faccio le feci abbastanza normali anche se in poche quantità) non sto mangiando altro se non tutto in bianco, non trovo ad occhio nudo sangue nelle feci, non ho dolori da nessuna parte, sento solo di tanto in tanto gorgogliare la pancia, continuo ad avere una temperatura un pochino più alta del normale (36, 4-36, 8) inizio veramente a preoccuparmi perché penso di avere un tumore al colon o malattie croniche serie che mi porteranno alla morte, sto vivendo questi giorni con la costante paura che da un momento all'altro lascerò questo mondo, non so più cosa fare, non riesco a trovare rimedio, Dottori aiuto perché non so davvero più cosa mangiare o cosa prendere.

[#1]  
Dr. Luano Fattorini

32% attività
16% attualità
16% socialità
LIVORNO (LI)

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2012
Prenota una visita specialistica
È necessario che il tuo medico conosca il risultato delle indagini prescritte e che segua il tuo quadro clinico per decidere sul da farsi
Niente paura, fidati e stai tranquillo.
dr. Luano Fattorini

[#2] dopo  
Utente
Dottore buonasera le analisi fatte sono:
Coprocoltura standard: negativo
Parassiti: negativo
Io comunque dottore continuo a non andare bene di intestino, non faccio proprio acqua ma sono feci molli e a volte (soprattutto al mattino) sono informi e simil diarroiche, oggi per esempio la mattina le ho fatte abbastanza sciolte e nel pomeriggio le ho fatte abbastanza bene quasi normali, la mia dottoressa mi ha detto di finire la cura con il Normix (finita ieri) e di continuare a prendere fermenti e al bisogno Diosmectal, continuo a mangiare tutto in bianco senza nemmeno il parmigiano, come ripeto non ho dolori ne sangue nelle feci per quanto vedo io, sono molto preoccupato e penso di avere un tumore al colon, la mia dottoressa continua a dirmi di stare tranquillo e che questa è una sintomatologia psicosomatica dato che soffro molto di ipocondria e mi sto curando da 3 anni con psicologi e Sertralina, ma possibile che tutto questo sia psicosomatico e che continui così da 3 settimane? Ho paura sinceramente, sono sempre con il pensiero fisso su questo tumore che credo veramente di averlo, cosa mi può dire lei dottore?
La prego risponda, grazie

[#3]  
Dr. Luano Fattorini

32% attività
16% attualità
16% socialità
LIVORNO (LI)

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2012
È molto probabile che si tratti di una sindrome del colon irritabile e quindi dovresti stare tranquillo, non è una cosa grave, e il tuo medico sta curandoti bene.
Persistendo a lungo i sintomi, per stare più tranquillo potresti fare le indagini per la ricerca della celiachia e dell'intolleranza al lattosio, ma ripeto, cerca di stare tranquillo.
Cari saluti.
dr. Luano Fattorini

[#4] dopo  
Utente
Buonasera dottore, da ieri ho smesso di prendere il Diosmectal e qualsiasi tipo di medicinale e ripreso a mangiare qualsiasi cosa, per provare a vedere se le cose tornano normali, quindi mangiando sia alimenti ricchi di cioccolato o latte ecc. Da 3 giorni faccio feci solo la mattina e a volte anche la sera, non so o feci normale però non sono neanche acqua, sono a pezzetti comunque abbastanza delineate ma molto morbide e non un unico pezzetto intero e non ho fatica nell'espellerle però noto dei pezzettini tipo come se fosse insalata o altro intorno anche se non la mangio, non so se mi sono espresso bene non ho comunque dolori e non ho nessun tipo di problema nel defecare a parte il fatto che sento tanto gorgogliare la pancia ma senza emettere chissà quanta aria, io sono comunque abbastanza terrorizzato.
Io ho paura di avere un tumore al colon retto, ho paura nel dovermi operare o altro, cosa mi consiglia? Di farmi analisi più approfondite? Di lasciar perdere e andare avanti senza pensarci e passerà da solo? Mi sento di non vivere molto bene queste mie giornate sono sincero e ho paura, quanto può durare questa sindrome? Ed è correlata con il tumore? Può provocarlo?
Inoltre è possibile che questa temperatura un pochino più alta sia psicosomatica? O può essere dovuta ad una malattia?

[#5]  
Dr. Luano Fattorini

32% attività
16% attualità
16% socialità
LIVORNO (LI)

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2012
I tuoi problemi sono di lieve entità, ma la tua paura e lo stato ansioso li ingrandisce.
Ti ho già consigliato cosa eventualmente approfondire.
La sindrome del colon irritabile è un disturbo funzionale, non una malattia grave, ma fastidioso, influenzato molto dallo stato psicologico e con il quale occorre imparare pian piano a convivere.
Comunque è sempre bene precisare o confermare la diagnosi.
Cari saluti.
dr. Luano Fattorini

[#6] dopo  
Utente
Grazie mille dottore e scusi il disturbo, vedrò di approfondire quanto da lei riportato