x

x

Può trattarsi di reflusso?

Soffri di stitichezza o diarrea? 👉Scopri i benefici dei fermenti lattici

Salve, sono una donna di 32 anni.
Volevo riferire dei sintomi che mi accompagnano da diverse settimane.
Premetto che sto attraversando un periodo di forte stress legato al lavoro e ad una serie di eventi di cambiamento della mia vita avvenuti negli ultimi mesi.
Comunque inizialmente avevo una tosse secca che pensando provenisse dal reflusso ho curato con l'assunzione del lansoprazolo al mattino.
Riscontrando effettivamente una risoluzione del problema.
Tuttavia sono venuti fuori nuovi sintomi tra cui: dolore addominale nella zona sx, con dolore diffuso come una sorta di gonfiore, dolore retrosternale, dolore al petto simile ad aghi che si protrae sotto l'ascella e verso il braccio.
Il tutto sempre nella zona sinistra.
Quello che mi preoccupa è se c'entra il cuore.
Il mio medico di famiglia da ieri mi ha consigliato al telefono di assumere esomeprazolo 40mg e gaviscon dopo i pasti.
Voglio aggiungere che soffro di cervicobrachialgia e quindi mi chiedevo se i due dolori (stomaco, petto) non necessariamente debbano essere correlati tra loro. Grazie.
[#1]
Dr. Roberto Mangiarotti Gastroenterologo, Medico internista 897 15
Gentile utente, se attualmente non presenta sintomi di reflusso , per i dolori addominali le consiglio di prendere un antispastico (ad es. Lexil compresse: una dopo colazione e una dopo cena per almeno un mese). Il cuore molto probabilmente non centra nulla.

Dott. Roberto Mangiarotti

Il reflusso gastroesofageo è la risalita di materiale acido dallo stomaco all'esofago: sintomi, cause, terapie, complicanze e quando bisogna operare.

Leggi tutto

Sai proteggerti dal sole? Partecipa al nostro sondaggio