Utente
Buongirono
Nel 2004 mi hanno riscontrato ernia jatale 5 cm con erosioni esofagee.

Al tempo curata con Axagon/lucen (esomeprazolo allora non c'era il generico)
se assumevo la dose consigliata da 40 stavo meglio.

I sintomi iniziali erano "anomali" mi sono recato dal medico perchè alcuni alimenti mi restavano nell'esofago, non riuscivo a mandarli giù (riso in primis)
Situazione tenuta sotto controllo sino al 2010 con esomeprazolo sucralfato donperidone.

2010 mi vinee proposta la nissen che per ragioni di lavoro non effettuo subito ma la rimando di qualche mese.

Inizio 2011 sto meglio, sono dimagrito, sono alto 1.88cm e peso 69kg, contro i quasi 80 di prima.
Faccio molto sport.
Necessito di esomeprazolo, ma lo stesso migliora la sintomatologia anche alternando 20 a 40.
(terapia sempre un mese di e uno no, o alla ricomparsa)
Mantengo più o meno il peso costante tra i 69 e i 73kg sino al 2018.
In questo periodo di tempo solite gastroscopie con lesione migliorata all esofago.

2018 accuso mal di gola ricorrente.

Tenendola breve sono 2 anni che soffro di reflusso enorme (della madonna come mi ha deto l'otorinolaringoiatra) Mal di sola forte sempre persistente.
NArice dx bruciata dal reflusso.
Asma da inalazione notturna.

Sono aumentato di peso 80kg (sono normopeso a differenza di sottopeso o grave sottopeso come nel 2012 a 67kg)
Rialzo della testata del letto di 15cm 2 cuscini, la situazione non migliora.
cicli da 80 di esomeprazolo.
Donperidone e gaviscon e ebastina.
Nulla.

l'utima gastroscopia è buona, nel senso che stomaco e esofago sono abbastanza buoni, ma l'esplorazione della gola dal naso è pessima.
Danni da reflusso enormi, idem de polmoni la mattina (dopo numerosi risvegli notturni) sale catarro con sangue acceso.

Sono molto preoccupato.
Esomeprazolo 80 non lo tollero più di tanto mi crea stitichezza (che peggiora il reflusso in quanto aumenta la massa nell'addome)
Cerco consigli?

Dimagrire non mi è possibile in quanto non ho più tempo di fare sport di fondo lungo, (non ho più 20 anni e neppure 30) mangio normalmente e sono abbondantemente nel mio peso.

Sono incerto se assumere farmaci per la riduzione del peso al fine di migliorare la sintomatologia, l'intervento, oggi a gennaio 2020 me lo sconsigliano viste le gravi recidivanze dei pazienti trattati.

Credo che solo la riduzione del peso mi aiuti a star meglio, ma anche mangiando poco senza esercizio fisico resto normopeso.

Una domanda la tiroide dato che è collocata in gola può risentirne di questi anni di reflusso?

Vi ringrazio per la gentile risposta.

[#1]  
Dr. Marco Bacosi

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
POMEZIA (RM)
ROMA (RM)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2012
Lasci stare la tiroide.
Una domanda: se era stato deciso l'intervento già anni fa, perché non farlo?
Cordialmente.
MARCO BACOSI MD PhD
Spec. in Gastroenterologia ed Endoscopia Digestiva
Dott. di Ricerca in Fisiopatologia Chirurgica e Gastroenterologia

[#2] dopo  
Utente
Nessuno prende in considerazione la nissen
Ne in regime privato (convenzionato) di una nota struttura leader del nord italia, ne in uno dei migliori centri ospedalieri pubblici. (chiaramente per quel che riguarda il mio caso)
La motivazione è che può darmi benefici nel corto periodo, dopo pochi anni, senon meno, con il rilassamento dei tessuti il reflusso torna e avrei solo effetti collaterali dell'intervento, dovrei cmq tornare ad assumere la terapia a pieno e sono punto a capo con un intervento fatto per nulla.
L'ultimo specialista quando ho insistito 2019 (al solo fine di parlarne e di capire) mi ha riso in faccia.
Al tempo nel 2010 avevo trovato un noto dottore bariatrico che mi aveva incoraggiato per farla. L'ho rimandata per 8 mesi, (altrimenti perdevo il posto di lavoro) poi, una volta pronti, la sintomatologia era pressochè regressa, le erosioni esofagee nettamente migliorate e in fase di totale remissione, non avevo ancora problemi per asma o laringiti. Lo stesso mi ha invitato a non sottopormi all'intervento. Avevo perso circa 10 kg per il ritorno all'attività fisica di ultradistanza. Altri 5 andando al 2012.
In questi anni 2012-2015 quando il mio peso è stato molto basso l'esomeprazolo quasi me lo ero dimenticato, assumevo si e nò per 2/3 mesi all'anno. Chiaramente 70kg per 1.88 non si può restare a vita.
Lei crede che questi effetti negativi sul lungo termine sono reali in che %? Val la pena con la sintomatologia che descrivo? Meglio come velatamente consigliato (ma senza neppure mettelo per scritto in quanto anche solo visivamente risulto magro anche con 80kg) cercare di tornare a 70 o giù di li in qualsiasi modo ragionevole? Questo reflusso continuo in gola può portare al cancro così come le erosioni all'esofago di barret? Devo cmq cercare di risolvere il problema, o perlomeno provare tutte le strade, portareselo avanti con terapia da cavall dal blando beneficio o conviverci è da idioti.
La ringrazio molto
Saluti

[#3]  
Dr. Marco Bacosi

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
POMEZIA (RM)
ROMA (RM)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2012
Ha mai fatto la pHmanometria esofagea?
MARCO BACOSI MD PhD
Spec. in Gastroenterologia ed Endoscopia Digestiva
Dott. di Ricerca in Fisiopatologia Chirurgica e Gastroenterologia

[#4] dopo  
Utente
Si, risultavano reflussi acidi soprattutto dopo pasto (di breve durata) e di notte, i peggiori di lunga durata.
L'ho fatta solo 2 volte a differenza della gastro e del sondino naso gola, nel 2010 subito prima della ?manometira? (quella x vedere i muscoli dell'esofago,che serviva per l'ok all'intervento). E nel 2019 di cui riporto sopra l'esito sommario. Nel 2010 era migliore, il notturno soprattutto.
In risposta a tale mi hanno detto che è un esame in più a quelli che già ho fatto ed è evidente già in sede otorinolaringoiatra dei danni del reflusso e la stessa conferma un dato già visibile ad occhio.
Consiglio terapia Esomep. 40mat+40sera gaviscon soprattutto la sera, ebastina 20 la sera (che poi 20 non esiste ma 2 cmp da 10). Un gastroenterologo nel 2018 mi ha prescritto anche 5gocce di laroxyl, che forse sono servite a distendere, rilassare l'addome e "regolarizzare il transito intestinale", ma gli effetti collaterali (parlo sempre dell'insieme aggiungendo questo) erano insopportabili per una persona che sta in giro x lavoro 10 ore e che ha famiglia.
Grazie mille

[#5]  
Dr. Marco Bacosi

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
POMEZIA (RM)
ROMA (RM)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2012
Non resta che riconsiderare l'intervento presso un centro specializzato.
MARCO BACOSI MD PhD
Spec. in Gastroenterologia ed Endoscopia Digestiva
Dott. di Ricerca in Fisiopatologia Chirurgica e Gastroenterologia

[#6] dopo  
Utente
La ringrazio per la disponibilità, cercherò di sentire qualche centro per interventi per l'obesità, bariatrici, che, magari, possono prendere in considerazione anche la mia situazione dato che a livello regionale non trovo appoggio su questo lato (non sto dicendo che non hanno ragione loro, anzi ho letto feedback altamente negativi) perlomeno come ultima spiaggia, tentativo.
Le chiedo un ultima domanda che non ho mai posto a nessuno specialista, si rifà sempre al discorso iniziale.
Val la pena perseguire una diminuzione del peso anche con farmaci che portano a questo risultato di fronte a tale sintomatologia? Parliamoci chiaro, perdere 10 kg con attività fisica pari a quasi lo zero è estremamente difficile, fattibile se si parte da uno stato di sovrappeso, ma da normopeso andare in sottopeso è assai più difficile. Pensavo ascarbosio e Orlistat. Un paio di mesi per vedere se funzionano e soprattutto trovo beneficio, nel mentre cerco di limitare le calorie a lumicino. (prima bruciavo da 20 a 25.000kcal settimanalmente solo di sport)
Chiaramente ora mi impegnerò per avere ulteriori pareri al fine di trovare una persona che consideri l'intervento, conscio che può essere un grande flop, alternative son due, 70kg o incognita intervento.
La ringrazio nuovamente.

[#7]  
Dr. Marco Bacosi

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
POMEZIA (RM)
ROMA (RM)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2012
Lasci stare la tiroide.
Una domanda: se era stato deciso l'intervento già anni fa, perché non farlo?
Cordialmente.
MARCO BACOSI MD PhD
Spec. in Gastroenterologia ed Endoscopia Digestiva
Dott. di Ricerca in Fisiopatologia Chirurgica e Gastroenterologia