Utente
Buongiorno!chiedo il vostro aiuto in quanto da un tampone cervicale sono risultata positiva all'ureaplasma.La prima cosa e' se questo batterio si puo' prendere solo x via sessuale diretta con rapporto non protetto o anche con altre modalita' ( rapporti orali/anali non protetti,mani,biancheria intima,lenzuola,uso sanitari,....). Ho la quasi certezza di averlo contratto da una persona che ritenevo seria ( mai avrei subito un rapporto non protetto altrimenti!) e x questo ora ho il terrore che possa avermi trasmesso altro...quali esami posso fare x escludere tutto il resto?ulteriore questione e' la cura x ureoplasma...dato che sono affetta da gastrite e reflusso ho fatto un primo ciclo con antibiotico josalide x evitare il bassado,dove sono indicate chiaramente piu' problematiche legate alle mie patologie.. Con josalide l'ureaplasma e' rimasto x cui la ginecologa mi ha detto che devo fare proprio il bassado 2 volte al giorno x 14 gg. Ho molta paura di tornare all'incubo del reflusso ( x questo assumo da 1 anno lucen20 ),ma anche dei danni da ureaplasma sulla gravidanza..ho 37anni e vorrei un figlio a breve termine. Ci sono altre cure o cure alternative x debellare questo batterio? Scusate il papiro : ). Ringrazio fin da ora x l'attenzione e le vostre risposte. Cordialmente

[#1]  
Dr. Marcello Sergio

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
16% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2009
Prenota una visita specialistica
La trasmissione del batterio e' essenzialmente per via sessuale. Dovrebbe eseguire la cura antibiotica in base all'antibiogramma per scegliere l'antibiotico adatto.
Riguardo al rischio di contagio per altre malattie, si tratta di eseguire gli screening per HIV attraverso esame del sangue tra qualche mese e HPV mediante pap-test sempre tra qualche mese (ma e' piuttosto basso il rischio che abbia contratto queste malattie con un unico rapporto)
saluti
Dr. Marcello SERGIO
Specialista in Ginecologia ed Ostetricia
www.marcellosergio.it
"La ginecologia a portata di donna"

[#2] dopo  
Utente
Grazie x la prontissima risposta! Dall' abg i 2 antibiotici risultati con la maggiore e pari efficacia sono proprio josalide e bassado... C'e qualche accorgimento che posso prendere x evitare eventuali complicazioni x lo stomaco assumendo il bassado? Il lucen 20 lo prendo la mattina a stomaco vuoto.. Sempre di mattina dovrei fare prima somministrazione di bassado e altra dopo circa 12 ore. Se ora ho rapporti protetti con altra persona quindi non rischio di trasmettergli ureaplasma in altro modo?grazie ancora!

[#3]  
Dr. Marcello Sergio

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
16% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2009
L'inibitore di pompa (antiacido) citato ritengo sia sufficiente aumentandone il dosaggio a 40mg.
Nessun rischio se ha rapporti protetti compresi i preliminari
Saluti
Dr. Marcello SERGIO
Specialista in Ginecologia ed Ostetricia
www.marcellosergio.it
"La ginecologia a portata di donna"

[#4] dopo  
Utente
Eccomi! Mi scusi dottore,ma non sono piu' riuscita a collegarmi prima. Seguiro' il suo consiglio di raddoppiare la dose di lucen e spero che il mio stomaco faccia il bravo. Per il resto delle analisi x HIV e hpv quanti mesi devono passare dal rapporto a rischio per avere esiti certi?mi auguro di poterle dare a breve buone notizie sull'eradicazione dell'ureaplasma e in seguito anche su quella dei brutti pensieri che ho ora...alla tenera eta' di 37 anni ho preferito credere alla favola del principe azzurro invece che seguire il cervello e proteggermi! Scusi x questo piccolo fuori tema : ). Grazie x il consulto,davvero grazie!!

[#5]  
Dr. Marcello Sergio

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
16% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2009
Per HIV e HPV (anche con HPV Dna test) circa 6 mesi
Saluti
Dr. Marcello SERGIO
Specialista in Ginecologia ed Ostetricia
www.marcellosergio.it
"La ginecologia a portata di donna"

[#6] dopo  
Utente
Bene,aspettero' allora questi mesi. Grazie ancora e buon lavoro : )

[#7] dopo  
Utente
Buonasera dottore. Scrivo gia' in quanto al terzo giorno concluso di bassado, accuso fastidi come sensazione di bolo in gola e bruciore all' altezza dello sterno,oltre ad avere da subito la pancia molto gonfia e dura.... I primi due fastidi ( che mi danno un po' la sensazione di soffocare... ) sono simili, ma piu' lievi di quelli che avevo 1 anno fa quando mi hanno fatto una gastroscopia d'urgenza con diagnosi di gastrite cronica antrale,reflusso cronico ed esofagite di primo livello con ipotonia del cardias. Sto prendendo il lucen 40 e 2 bassado al giorno a distanza di 12 ore, con stomaco pieno, con molta acqua e rimanendo eretta x un' ora dopo l' ingestione. Sul bugiradino e' scritto che se si verificano questi effetti collaterali bisogna sospendere immediatamente e valutate col medico diagnosi strumentali. Devo fare ancora almeno 7 gg di bassado x sperare in un risultato ( me ne erano stato dati 14, con possibilita' arrivare almeno a 10 ). A questi fastidi resisto come ho gia' fatto quando non sapevo che cosa avevo, ma non vorrei causarmi danni come ulcere all' esofago o altro. Non vorrei nemmeno avere fatto fatica a vuoto e tenermi poi l' ureaplasma.. Ho un' ultima arma da giocare che e' uno sciroppo antireflusso dato da mio medico in caso di bisogno... Fino a lunedi' non avro' modo parlarci e non so se sospendere tutto o se proseguire magari provando lo sciroppo che di chiama moremifa contro il reflusso. Lei cosa consiglia? Proseguo senza sciroppo se non diventa impossibile, proseguo aggiungendo sciroppo o fermo immediatamente l' assunzione di bassado anche se solo a inizio cura? I primi gg non ho avuto nulla se non un po' di gonfiore alla pancia, dopo assunzione di ieri sera avvertiti i fastidi sopra descritti..tutto il dubbio nasce dall'allarme messo nel bugiardino. Scusi il poema... Attendo e gia' la ringrazio per la risposta. Saluti

[#8]  
Dr. Marcello Sergio

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
16% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2009
Gent.sig.ra, il problema in questione riguarda soprattutto la sfera gastroenterologica. Le consiglierei comunque di assumere lo sciroppo prescritto dal suo medico e vedere se la situazione migliora. Interrompere l'antibiotico significherebbe rendere vana la terapia fatta finora (in ogni caso e' protetta dall'inibitore di pompa)
Saluti
Dr. Marcello SERGIO
Specialista in Ginecologia ed Ostetricia
www.marcellosergio.it
"La ginecologia a portata di donna"

[#9] dopo  
Utente
Grazie dottore, procedero' con la cura aggiungendo lo sciroppo e sperando di tamponare i fastidi senza danni all'apparato digerente....Dispiacerebbe molto anche a me rendere vana la terapia e tenermi il batterio. Le daro' notizie : ). grazie ancora x l' aiuto e la gentilezza. buon week end

[#10] dopo  
Utente
Gentile dottore,
finalmente e' finito il tempo di attesa x potere rifare il tampone dopo la cura col bassado e quello di consegna dell'esito. Dopo i 14 gg di cura molto faticosa sul fronte 'gastroenterologico', che ancora sto cercando di riportare in equilibrio....posso pero' dirle che il batterio e' stato debellato! Ora aspettero' quanto basta x potere verificare il resto di cui avevamo parlato e poi spero di concludere tutto definitivamente e nel migliore dei modi. Ci tenevo a farle sapere come sta andando e non chiudere solo con la richiesta di aiuto nel momento di panico : )
Ancora grazie di cuore!
Cordialmente

[#11]  
Dr. Marcello Sergio

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
16% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2009
Molto bene!
Cordiali saluti
Dr. Marcello SERGIO
Specialista in Ginecologia ed Ostetricia
www.marcellosergio.it
"La ginecologia a portata di donna"

[#12] dopo  
Utente
Buongiorno! Scrivo ancora di seguito a questo post in quanto,nonostante tutto il tempo passato,io non sono più riuscita a tornare a posto... riassumo solo qualche notizia.. fatti pap test risultati ascus e colposcopie che non hanno dato notizie particolari,ma nonostante questo una dottoressa mi ha fatto biopsia vaginale con esito displasia lieve in condiloma piano della vagina.. da qui lei mi avrebbe operato, ma data mucosa infiammato e possibile infezione detto curare prima quella. Dai tamponi non risultato niente,nonostante mie perdite e bruciore molto forte, x cui fatti ovuli x flora batterica e unguento domina.. leggero miglioramento,ma niente di più. In contemporanea fatta x 6 mesi cura omeopatica x hpv e difese immunitàrie. L'ultimo pap test di qualche mese fa negativo e cambiato anche ginecologo x capire quindi se ero ok in merito a esito biopsIa.. risposte sono state che pap test è su collo utero e basta ma che hpv in vagina no problema.. avevo fatto anche un test hpv risultato negativo,ma chi mi ha fatto biopsIa detto che x forza falso negativo,data biopsia positiva e altro dott invece detto che quello su collo utero x cui non c'entra con esito vaginale. Al di là dei dubbi che mi restano da queste risposte discordanti, il mio problema è che continuo ad avere forti bruciore,perdite gialle, dolore introito x cui impossibili rapporti, pancia che ciclicamente si gonfia e diventa dura con dolori pelvici che durano dai 3 a 4 giorni. Altro dottore trovato candida glabrata, apparentemente curata dopo medicine orali,ovuli e dieta..ma a me non passati i sintomi descritti.. ultima cura in corso rephresh Gel interno 1 ogni 3 gg e activ gel esterno tutte le sere. Questo mi dà un po' di sollievo,ma qualcosa che forse nessuno capisce c'è perché quanto descritto ritorna sempre fuori e il bruciore che é sopratutto vulvare e le perdite tornano, bruciore anche ad urinare x passaggio urina su pelle e dolore pelvico descritto. Gentile dottore,lei ha qualche suggerimento? Può essere infezione o danno da biopsia o endometriosi? Eco vaginale ok. Non so più che pensare e da più di un anno che non riesco avere rapporti e ho fastidi. Grazie x la cortese risposta e perenni il poema..

[#13]  
Dr. Marcello Sergio

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
16% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2009
In base a quanto riferito, dall'esito della biopsia, consiglierei di trattare con laserterapia il condiloma piano. E' l'unica alterazione presente, da quanto riferisce, quindi prima di pensare ad altro, risolverei il problema evidenziato dalla biopsia
Saluti
Dr. Marcello SERGIO
Specialista in Ginecologia ed Ostetricia
www.marcellosergio.it
"La ginecologia a portata di donna"

[#14] dopo  
Utente
Ok grazie, tornerò da ultimo dottore a fare rivalutare questa soluzione.. da colposcopia il dottore non trovato riscontro rilevato in biopsia e quindi aveva scartato laser,ritengo io x risoluzione problema grazie a cura fatta. Comunque andrò a verificare. Grazie ancora e buona giornata