Utente
Gent.mi Medici,
con il vostro aiuto vorrei riuscire a chiarire alcuni dubbi che riguardano l'utiizzo della pillola, perchè mi sembra che ci siano ancora molte cose di dubbia interpretazione da parte di noi donne.
Premetto che sono molto ansiosa e che ho necessità di evitare una gravidanza.
Inizio subito dalla cosa che in questo momento mi sta più a cuore:
1) PILLOLA E CICLO: assumo Fedra ormai dalla fine del 2002, senza alcun problema. Ogni tanto, però, il ciclo diventa quasi inesistente, dura solo un giorno,(potrei non usare l'assorbente),con perdita di muco elastico, (come quello che si ha quando c'è la normale ovoluazione)di colore marrone scuro. La mia ginecologa dice che è normale, che può essere il dosaggio della pillola che non è sufficiente a provocare una pseudo mestruazione più abbondante. Se è questo il motivo, come mai per tutta l'estate ho avuto invece delle mestruazioni normali, sia per colore che per durata? E invece questo mese di nuovo no? avrebbe dovuto venirmi il ciclo sabato scorso, invece solo ieri perdite verificabili solo tamponandomi con la carta igienica, e solo una volta ho visto questo muco come dicevo sopra?
Ho preso regolarmente la pillola tutto il mese, le uniche cose particolari sono state una flebo di Orudis che mi hanno fatto al pronto soccorso per una cistite e una bustina di Monuril, sempre per lo stesso motivo(ma ho chiesto al medico e mi ha assicurato che non c'era interferenza)e un unico episodio di lieve diarrea che ho avuto 3 ore dopo l'assunzione dell'ultima pillola del blister, lunedì sera (l'ultimo rapporto era del venerdì precedente, da allora non ce ne sono stati altri). Ha ragione la mia ginecologa dicendomi di continuare tranquillamente con l'assunzione del nuovo blister, che inizia domani o devo comunque fare un test, anche se la mestruazione, pur minima, c'è stata?
2) PILLOLA E DIARREA: perchè nel foglietto della Fedra la diarrea non viene riportata tra le possibili cause di non assorbimento della pillola? C'è che dice che perchè la pillola non venga assorbita deve verificarsi una diarrea con diversi episodi, e chi invece dice che basta 1 episodio. Vi chiedo: se uno va in bagno una volta al giorno, e magari ha feci morbide, ma non liquide, senza sentire urgenza o impossibilità a non andare, si parla ancora di diarrea? Entro quante ore dall'assunzione della pillola il verificarsi di questo evento può comprometterne l'efficacia?
3) PILLOLA E VOMITO: se il vomito avviene entro 4 ore dall'assunzione è sufficiente prendere un'altra pillola? Dopo le 4 ore non importa prendere una pillola aggiuntiva?
4) PILLOLA E MEDICINALI: ho letto per la prima volta nelle vostre risposte che oltre alle interazioni note con certi farmaci, ci possono essere interazioni anche con farmaci fitoterapici, con la vitamica C e addirittura con il succo di pompelmo. Vorrei capire meglio: posso non assorbire la pillola perchè bevo un succo di frutta?
Anche i farmaci omeopatici possono interagire? Perchè non è possibile avere un elenco di ciò che è possibile assumere per chi prende la pillola? Il medico del pronto soccorso mi ha detto che occorre evitare anche l'aspirina. E' vero?
Se assumo antibiotici nella settimana di sospensione ci sono ugualmente problemi?
5) DIMENTICANZA: la mia ginecologa mi ha detto che se si dimentica di prendere una pillola nella prima settimana di assunzione, o se questa non viene assorbita, viene compromessa la sicurezza contraccettiva per quel mese, mentre se questo accade nell'ultima settimana di assunzione è com promessa la sicurezza contraccettiva anche per il mese successivo, perchè ci potrebbe essere stata un'ovulazione. A me sembra strano, è realmente così?
6)ALTERNATIVE: come avrete capito, nonostante prenda la pillola, con alcuni momenti di sospensione, ormai da moltissimo tempo, vivo ancora con molta ansia il problema di una contraccezione che sia la più sicura possibile. Ho letto che, per esempio, non ci sarebbero più i problemi legati ad un cattivo assorbimento del farmaco con i seguenti metodi: IUS, Nuvaring, Impianto sottocutaneo. E' cosi?
Sembra che l'impianto sottocutaneo sia il metodo più sicuro, ma non mi sembra molto pubblicizzato. Chi effettua tale tipo di intervento? Questi tipi di metodi potrebbero essere più adatti a me, data anche l'età (ho 41 anni)? Lo Ius è migliorativo rispetto alla sprirale tradizionale?
Vi ringrazio anticipatamente per la vostra attenzione e per le risposte che vorrete darmi. Scusate se ho approfittato di voi ma non è facile trovare un medico che abbia la pazienza o la voglia di affrontare queste ansie, che sicuramente possono sembrare sciocchezze per chi affronta questa cosa serenamente, ma che possono invece causare qualche problema, anche di coppia, a chi ha molti dubbi e che vive con una preoccupazione eccessiva l'arrivo di ogni ciclo. Grazie ancora

[#1]  
Dr.ssa Valentina Pontello

56% attività
8% attualità
20% socialità
FIRENZE (FI)

Rank MI+ 84
Iscritto dal 2007
Cercherò di rispondere ai diversi quesiti

>1) PILLOLA E CICLO: assumo Fedra ormai dalla fine del 2002, senza alcun problema. Ogni tanto, però, il ciclo diventa quasi inesistente, dura solo un giorno,(potrei non usare l'assorbente),con perdita di muco elastico, (come quello che si ha quando c'è la normale ovoluazione)di colore marrone scuro. La mia ginecologa dice che è normale,

concordo



>Se è questo il motivo, come mai per tutta l'estate ho avuto invece delle mestruazioni normali, sia per colore che per durata?

può capitare


>Ho preso regolarmente la pillola tutto il mese, le uniche cose particolari sono state una flebo di Orudis che mi hanno fatto al pronto soccorso per una cistite e una bustina di Monuril, sempre per lo stesso motivo(ma ho chiesto al medico e mi ha assicurato che non c'era interferenza)e un unico episodio di lieve diarrea che ho avuto 3 ore dopo l'assunzione dell'ultima pillola del blister, lunedì sera (l'ultimo rapporto era del venerdì precedente, da allora non ce ne sono stati altri).

sui farmaci non ci dovrebbero essere problemi, per la diarrea, andrebbe contata come dimenticanza, per cui i rapporti avuti nei 7 giorni successivi sarebbero a rischio.


>Ha ragione la mia ginecologa dicendomi di continuare tranquillamente con l'assunzione del nuovo blister, che inizia domani o devo comunque fare un test, anche se la mestruazione, pur minima, c'è stata?

farei un test, anche se una ovulazione è improbabile


>2) PILLOLA E DIARREA: perchè nel foglietto della Fedra la diarrea non viene riportata tra le possibili cause di non assorbimento della pillola?

senta la casa farmaceutica...


>C'è che dice che perchè la pillola non venga assorbita deve verificarsi una diarrea con diversi episodi, e chi invece dice che basta 1 episodio.

basta un episodio se intenso a compromettere l'assorbimento


>Vi chiedo: se uno va in bagno una volta al giorno, e magari ha feci morbide, ma non liquide, senza sentire urgenza o impossibilità a non andare, si parla ancora di diarrea?


no

>Entro quante ore dall'assunzione della pillola il verificarsi di questo evento può comprometterne l'efficacia?

3-4 ore successive



>3) PILLOLA E VOMITO: se il vomito avviene entro 4 ore dall'assunzione è sufficiente prendere un'altra pillola? Dopo le 4 ore non importa prendere una pillola aggiuntiva?

esatto



>4) PILLOLA E MEDICINALI: ho letto per la prima volta nelle vostre risposte che oltre alle interazioni note con certi farmaci, ci possono essere interazioni anche con farmaci fitoterapici, con la vitamica C e addirittura con il succo di pompelmo. Vorrei capire meglio: posso non assorbire la pillola perchè bevo un succo di frutta?

un succo di frutta è ok, dosi massicce di vitamina C interferiscono


>Anche i farmaci omeopatici possono interagire?

non essendoci dati, è bene consigliare la prudenza


>Perchè non è possibile avere un elenco di ciò che è possibile assumere per chi prende la pillola?

perchè gli studi vengono pubblicati in continuazione, quindi non è mai possibile avere un elenco esaustivo



>Il medico del pronto soccorso mi ha detto che occorre evitare anche l'aspirina. E' vero?

no, che io sappia


>Se assumo antibiotici nella settimana di sospensione ci sono ugualmente problemi?

teoricamente no


>5) DIMENTICANZA: la mia ginecologa mi ha detto che se si dimentica di prendere una pillola nella prima settimana di assunzione, o se questa non viene assorbita, viene compromessa la sicurezza contraccettiva per quel mese, mentre se questo accade nell'ultima settimana di assunzione è com promessa la sicurezza contraccettiva anche per il mese successivo, perchè ci potrebbe essere stata un'ovulazione. A me sembra strano, è realmente così?

no, legga bene il bugiardino allegato alla pillola


>6)ALTERNATIVE: come avrete capito, nonostante prenda la pillola, con alcuni momenti di sospensione, ormai da moltissimo tempo, vivo ancora con molta ansia il problema di una contraccezione che sia la più sicura possibile. Ho letto che, per esempio, non ci sarebbero più i problemi legati ad un cattivo assorbimento del farmaco con i seguenti metodi: IUS, Nuvaring, Impianto sottocutaneo. E' cosi?

si




>Sembra che l'impianto sottocutaneo sia il metodo più sicuro, ma non mi sembra molto pubblicizzato.

ovviamente, perchè non è in commercio in italia


>potrebbero essere più adatti a me, data anche l'età (ho 41 anni)? Lo Ius è migliorativo rispetto alla sprirale tradizionale?

lo IUS è la spirale (intrauterine system). se ha avuto già figli potrebbe essere un metodo adatto a lei.

Dr.ssa Valentina Pontello
www.medicinamaternofetale.it
Sostiene CiaoLapo e Associazione Progetto Endometriosi

[#2] dopo  
Utente
Cara dottoressa, la ringrazio molto per le risposte che mi ha dato.
Approfitto ancora della sua gentilezza per chiederle ancora alcuni chiarimenti. Dopo aver sospeso una terapia con seroxat, su indicazione del medico omeopata sto assumendo i seguento preparati omeopatici: Lehning L72 e Sepia Compositum. Ho avvertito il medico del fatto che assumo regolarmente la pillola e mi ha assicurato che non ci sono controindicazioni. Me lo conferma?
Sto molto attenta ogni qualvolta devo assumere qualche medicinale, avvertendo sempre il medico, ma non vivo molto bene la gestione di eventuali problemi gastrointestinali. Ho ormai chiaro il comportamento da tenere in caso di vomito, mi preoccupa di più il problema della diarrea. Soffrendo di colite a volte è sufficiente mangiare un pò più frutta o verdura per avere feci morbide o un un pò di mal di pancia, quindi non capisco bene quando è il caso di preoccuparsi, quando è necessario prendere una pillola in più, entro quanto dall'assunzione della pillola quotidiana. Mi può aiutare a fare chiarezza su questo punto? Fermenti lattici o probiotici tipo Activia possono essere utili per assicurare una buona funzionalità dell'intestino?
Per quanto riguarda le alternative possibili, lei mi dice che l'impianto sottocutaneo non è commercializzati in Italia. Non esiste nessuna struttura dove questo viene usato?
Le chiedevo la differenza tra lo IUD e lo IUS perchè mi sembrava di aver capito che il primo fosse la spirale classica, e il secondo una spirale con un dosaggio ormonale tipo pillola. Io non ho ancora avuto figli, e credo che ormai non ne avrò più, data la mia situazione e data l'età. E' ugualmente sconsigliata?
Per finire, l'anello Nuvaring? ha la stessa efficacia della pillola? Ci sono controindicazioni? Si può spostare ( ho letto che qualche utilizzatrice dice di sentirlo talvolta posizionato più in basso)?
la ringrazio moltissimo delle risposte che vorrà darmi, io vorrei riuscire, una volta tanto, a vivere una sessualità serena, senza essere sempre in ansia. Grazie ancora.

[#3] dopo  
Utente
Mi scusi ancora, per quanto riguarda la dimenticanza o il non assorbimento mi dice di leggere bene il bugiardino. A me sembra di aver capito che se si resta nelle 12 ore non c'è nessun tipo di problema, se sono passate 12 ore la prima settimana di assunzione sia quella più pericolosa, e l'unica in cui occorre prendere precauzioni aggiuntive. Nella seconda settimana non succede niente e non occore usare altri metodi. Nella terza si può o unire l'assunzione di due confezioni di pillole, quella in uso + una nuova confezione, oppure sospendere la confezione in uso e iniziarne una nuova, nello stesso giorno della settimana in cui solitamente si inizia dopo la pausa. Di nuovo non si parla di inefficacia ne di precauzioni aggiuntive. Il dubbio mi era stato fatto venire dalla mia ginecologa, che appunto mi diceva che la dimenticanza deve essere sempre accompagnata da precauzioni aggiuntive, e che se è accaduta nella terza settimana, le precauzioni devono continuare anche per tutta la confezione successiva, in quanto potrebbe essersi verificata un'ovulazione.
Qualora dovessi scegliere un altro metodo, tipo l'anello, la copertura contraccettiva inizierebbe da subito oppure no?
Grazie infinite

[#4]  
Dr.ssa Valentina Pontello

56% attività
8% attualità
20% socialità
FIRENZE (FI)

Rank MI+ 84
Iscritto dal 2007
Vista l'ansia, la spirale potrebbe essere il metodo più adatto a lei. I medicinali omeopatici non sono stati testati insieme alla pillola e sarebbe prudenziale non assumerli.
Non conosco strutture in italia che sperimentino gli impianti.
Se si dimentica una pillola, la dimenticanza vale nella scatola di assunzione ma non per la successiva.
Dr.ssa Valentina Pontello
www.medicinamaternofetale.it
Sostiene CiaoLapo e Associazione Progetto Endometriosi

[#5]  
Dr. Nicola Blasi

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
BARI (BA)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
NULLA DA AGGIUNGERE.Saluto la dott.ssa PONTELLO
dott.Nicola Blasi
specialista in Ginecologia e Ostetricia. Patologia Cervico-vaginale e vulvare.

BARI

[#6]  
Dr.ssa Valentina Pontello

56% attività
8% attualità
20% socialità
FIRENZE (FI)

Rank MI+ 84
Iscritto dal 2007
Grazie, ricambio. :-)
Dr.ssa Valentina Pontello
www.medicinamaternofetale.it
Sostiene CiaoLapo e Associazione Progetto Endometriosi

[#7] dopo  
Utente
vi ringrazio per le risposte, approfitterei ancora della vostra disponibilità per chiedervi di rispondere anche a quello che avevo chiesto nella prima replica:"...non vivo molto bene la gestione di eventuali problemi gastrointestinali. Ho ormai chiaro il comportamento da tenere in caso di vomito, mi preoccupa di più il problema della diarrea. Soffrendo di colite a volte è sufficiente mangiare un pò più frutta o verdura per avere feci morbide o un un pò di mal di pancia, quindi non capisco bene quando è il caso di preoccuparsi, quando è necessario prendere una pillola in più, entro quanto dall'assunzione della pillola quotidiana. Mi può aiutare a fare chiarezza su questo punto? Fermenti lattici o probiotici tipo Activia possono essere utili per assicurare una buona funzionalità dell'intestino?..."
Grazie infinite

[#8]  
Dr. Nicola Blasi

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
BARI (BA)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Aggiungo,a proposito di pillola e diarrea,che l'episodio diarroico deve verificarsi entro le 3-4 ore dall'assunzione della pillola stessa.In tal caso è sufficiente assumere un altro confetto,per mantenere l'effetto contraccettivo.SALUTI!
dott.Nicola Blasi
specialista in Ginecologia e Ostetricia. Patologia Cervico-vaginale e vulvare.

BARI

[#9] dopo  
Utente
Grazie della risposta. Mi scusi se insisto su questo punto, poi non vi disturbo più: in altre risposte a domande simili ho letto che il problema dell'assorbimento si verifica entro le 4 ore dall'assunzione in caso di vomito, mentre per la diarrea si parla di tempi più lunghi, dati dai tempi necessari affinchè ciò che è stato ingerito arrivi effettivamente nell'intestino. E' per questo che ho confusione, perchè non mi rendo conto se un episodio di diarrea avuta nella giornata può interferire coon una pillola che io assumo all'uno di notte.
Grazie ancora. Prometto che non vi chiederò altro su questo argomento.

[#10]  
Dr.ssa Valentina Pontello

56% attività
8% attualità
20% socialità
FIRENZE (FI)

Rank MI+ 84
Iscritto dal 2007
Se ha avuto un episodio di diarrea significativo, se ne accorge, non deve sforzarsi di pensare se le feci sono morbide o no, le fa molto male la pancia.
Dr.ssa Valentina Pontello
www.medicinamaternofetale.it
Sostiene CiaoLapo e Associazione Progetto Endometriosi

[#11]  
Dr. Nicola Blasi

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
BARI (BA)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
CONCORDO!Saluti!
dott.Nicola Blasi
specialista in Ginecologia e Ostetricia. Patologia Cervico-vaginale e vulvare.

BARI

[#12] dopo  
Utente
Scusatemi, ma forse non mi spiego.
la domanda era: un episodio di diarrea è pericoloso solo entro le 4 ore dall'assunzione della pillola o, come ho letto in alcune delle vostre risposte, anche nella giornata successiva? Se prendo la pillola all'una di notte e ho un episodio di diarrea la mattina o nella giornata ci sono problemi o no?
Grazie

[#13]  
Dr.ssa Valentina Pontello

56% attività
8% attualità
20% socialità
FIRENZE (FI)

Rank MI+ 84
Iscritto dal 2007
E' molto improbabile, ogni episodio diarroico deve essere riportato al medico e considerato potenzialmente a rischio. Nel dubbio, si usa una protezione aggiuntiva per i 7 giorni successivi.
Dr.ssa Valentina Pontello
www.medicinamaternofetale.it
Sostiene CiaoLapo e Associazione Progetto Endometriosi

[#14] dopo  
Utente
Per concludere, il dott. Blasi dice che il problema c'è solo entro le 3 - 4 ore dall'assunzione della pillola, e che basta assumerne un'altra per risolvere il problema, mentre lei mi dice "E' molto improbabile, ogni episodio diarroico deve essere riportato al medico e considerato potenzialmente a rischio. Nel dubbio, si usa una protezione aggiuntiva per i 7 giorni successivi." Quindi mi sembra di capire che secondo lei il problema c'è anche dopo le 3-4 ore dall'assunzione della pillola. Sbaglio?

[#15]  
Dr.ssa Valentina Pontello

56% attività
8% attualità
20% socialità
FIRENZE (FI)

Rank MI+ 84
Iscritto dal 2007
Non sbaglia, non è una questione semplice e deve essere gestita dal medico caso per caso.
Dr.ssa Valentina Pontello
www.medicinamaternofetale.it
Sostiene CiaoLapo e Associazione Progetto Endometriosi

[#16]  
Dr. Nicola Blasi

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
BARI (BA)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
L' assunzione deve essere valutata e gestita dal medico;colgo l'occasione per far osservare che la maggior parte dei consulti riguarda la GESTIONE della pillola,forse bisogna prestare più attenzione nella prescrizione della pillola,al counseling con tutte le sue variabili.
dott.Nicola Blasi
specialista in Ginecologia e Ostetricia. Patologia Cervico-vaginale e vulvare.

BARI

[#17]  
Dr.ssa Valentina Pontello

56% attività
8% attualità
20% socialità
FIRENZE (FI)

Rank MI+ 84
Iscritto dal 2007
Concordo con il collega Blasi.
Dr.ssa Valentina Pontello
www.medicinamaternofetale.it
Sostiene CiaoLapo e Associazione Progetto Endometriosi