Utente
Buonasera,
Sono una donna di 37 anni, con alle spalle una prima gravidanza nel 1999 con minacce nel primo trimestre, riposo assoluto e un aborto al sesto mese per incontinenza cervico-istmica; seguita, dopo due anni, da una gravidanza a termine, sempre con minacce al primo trimestre e cerchiaggio in 13' settimana. Nel 2009 abbiamo cercato il secondo figlio, ottenendo una terza gravidanza al secondo tentativo, sempre con perdite e minacce fino alla 12'; alla 13' settimana una forte febbre e perdite di liquido amniotico ed in poche ore si consuma il secondo aborto.
Adesso sono di nuovo incinta, ma per la prima volta il Bhcg ha un andamento anomalo. Premettendo che ho sempre avuto cicli irregolari e lunghi periodi di amenorrea, abbiamo avuto due rapporti liberi: 20/apr/2o11 e 23/apr/2011.

U.M.3/mar/2011
Test - 7/mag Positivo
Bhcg - 9/mag 218,47
Bhcg - 16/mag 1241
Bhcg - 19/mag 1597
Ecografia transvaginale : Camera gestazionale in utero 8.4 mm con accenni di echi embrionali e sacco vitellino. battito non rilevato. (Era comunque importante escludere una GEU)
25/mag - ecografia transvaginale: camera gestazionale 12.0 mm con embrione e battito presente.
bhcg - 26/mag 3327 (appena raddoppiato in una settimana).
Il ginecologo dice che comunque una crescita c'è, e che avendo rilevato il battito, il Bhcg non è più così importante. Ma l'indomani si presentano dolori e perdite ematiche, non abbondanti, che variano dal rosso, al rosa, al marrone. Dunque il ginecologo mi prescrive Prontogest 100 fiale, una la giorno per sei giorni, Buscopan e riposo, dopo di ché, devo ripetere il Bhcg. Alla terza fiala, dolori e perdite si attenuano visibilmente, fino quasi ad essere scomparsi tra ieri ed oggi.
Secondo voi, l'andamento di questa gravidanza è normale, dati questi valori anomali delle mie Bhcg? Ed il fatto che la perdite si siano fermate è un buon segno o è soltanto conseguenza del progesterone? Siamo molto in ansia...

Grazie in anticipo per ogni vostra gentilissima risposta

Maria



[#1]  
Prof. Ivanoe Santoro

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
16% attualità
16% socialità
SOLOFRA (AV)
MERCATO SAN SEVERINO (SA)
FIRENZE (FI)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2007
Prima di fare ipotesi più o meno aderenti alla realtà, consiglierei un monitoraggio serrato (1 volta/settimana) delle condizioni embrionarie tramite eco vaginali.
La persistenza di un battito regolare, l'accrescimento della distanza vertice-sacro dell'embrione, l'incremento volumetrico della camera gestazionale ed i cambiamenti morfostrutturali del soma fetale e degli annessi fetali (trofoblasto, membrane) saranno gli indici più affidabili di normalità evolutiva della sua gestazione.


Cordialmente.
Prof.Dr.Ivanoe Santoro
Spec.Ostetrico/Ginecologo
Resp. UOS di P.S.OST/GIN e Med.Perinatale Ospedale di Solofra(AV) Prof. Anatomia Umana Univ. Napoli

[#2] dopo  
Utente
Grazie infinite per la tempestività con la quale ha risposto ai miei dubbi. Questa mattina ho fatto il prelievo per le Bhcg, del quale avevo accennato. Provvederò prontamente a riportarne qui i valori, non appena riceverò l'esito. Si aggiungerà alle informazioni a nostra disposizione, prima di procedere al monitoraggio da lei consigliatomi. Spero tanto che tutto proceda per il meglio...

Ancora grazie e cordiali saluti




[#3] dopo  
Utente
Aggiungo con grande mestizia l'esito dell'ultimo dosaggio di Bhcg:

1/giu - 3932 U/i

A questo punto mi è subentrato un dubbio che non mi dà pace: se questa gravidanza dovesse continuare ad evolvere in queste condizioni, il rischio di malformazioni fetali è più aumentato, o tali valori non incidono sul fisiologico sviluppo dell'embrione?

In attesa della sua preziosa risposta

Maria

[#4]  
Prof. Ivanoe Santoro

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
16% attualità
16% socialità
SOLOFRA (AV)
MERCATO SAN SEVERINO (SA)
FIRENZE (FI)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2007
Le avevo consigliato un monitoraggio solo ecografico e non delle beta HCG.
Attendo le risultanze di una nuova ecografia.
Prof.Dr.Ivanoe Santoro
Spec.Ostetrico/Ginecologo
Resp. UOS di P.S.OST/GIN e Med.Perinatale Ospedale di Solofra(AV) Prof. Anatomia Umana Univ. Napoli

[#5] dopo  
Utente
Buongiorno dott. Santoro,
abbiamo eseguito l'ecografia in ospedale e abbiamo potuto valutare la situazione allo stato attuale. Il ginecologo ha trovato una camera gestazionale e un embrione notevolmente aumentati rispetto alla settimana precedente e con misure pari all'epoca, 7'settimana + 5 circa (calcolata in base alla data della presunta ovulazione). Inoltre è stata subito visualizzata la marcata presenza del battito con frequenza regolare. Il ginecologo ha affermato che allo stato attuale c'è una gravidanza in evoluzione e mi ha prescritto fiale di Gonasi 5000 per sette giorni in associazione al Prontogest che già facevo. Cosa ne pensa? Possiamo iniziare a tranquillizzarci?

Distinti saluti


[#6]  
Prof. Ivanoe Santoro

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
16% attualità
16% socialità
SOLOFRA (AV)
MERCATO SAN SEVERINO (SA)
FIRENZE (FI)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2007
Quando l'esortavo a monitorare la gravidanza con la sola ecografia, mi riferivo, appunto, alla bella sorpresa che avrebbe avuta.
Ora, credo, possa stare tranquilla.

Cordialmente.
Prof.Dr.Ivanoe Santoro
Spec.Ostetrico/Ginecologo
Resp. UOS di P.S.OST/GIN e Med.Perinatale Ospedale di Solofra(AV) Prof. Anatomia Umana Univ. Napoli

[#7] dopo  
Utente
Grazie infinite dottore...
E' stata una grandissima emozione, perchè questa volta non si è vista soltanto una flebile luce pulsante, ma un qualcosa di tondeggiante che batteva veloce veloce...
Spero tanto che tutto vada per il meglio. Mi permetterò di disturbarla ancora non appena avrò altri dati.
Intanto, grazie ancora per la sua disponibilità.

Cordiali saluti ed a presto

[#8] dopo  
Utente
Gentilissimo Dott. Santoro,
la disturbo nuovamente per chiederle urgente consulto sulla nuova condizione attualmente instauratasi: da due giorni abbiamo dovuto sospendere la terapia con prontogest e gonasi per una severa reazione allergica. Iniziata con piccoli pomfi a livello dei glutei (dove venivano praticate le iniezioni), dopo alcune ore si è aggravata in estese aree (bilaterali) molto gonfie dolorose e con forte prurito. Avendo anche un forte senso di oppressione al petto e alla gola, siamo corsi al pronto soccorso, dove mi hanno subito praticato un iniezione di Bentelan 4ml e fatto l'eco, da dove si evinceva che era tutto a posto. Dopo cinque ore dalla bentelan, il quadro migliora, ma non scompare e a distanza di circa 12 ore, ritorna forte il prurito ed il dolore, ma migrato in altre zone del corpo, sempre con presenza bilaterale e con preferenza per le zone delle articolazioni, dunque abbiamo fatto un' altra bentelan. I sintomi migliorano, ma non regrediscono ed io, che sto a letto, non avendo più il supporto del progesterone, sto vivendo una grande sofferenza, perchè il contatto con qualunque superficie scatena forte l'istinto di grattarsi a sangue (perdoni l'espressione)...Volevo dunque chiederle se questa situazione potrà regredire e se esistono altre cause che l'hanno determinata. Inoltre Vorrei sapere se il bentelan è sufficiente e quanto ne posso fare nell'arco del giorno senza compromettere la gravidanza. E ancora, come sostituire il progesterone, così importante per supportare una gravidanza già in bilico? Esistono rimedi omeopatici e quanto sono efficaci? E' una situazione di grande sofferenza, perchè tra l'altro, mi impedisce di riposare, sia di giorno sia di notte...
In attesa del suo prezioso parere

Un caro saluto

Maria

[#9]  
Prof. Ivanoe Santoro

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
16% attualità
16% socialità
SOLOFRA (AV)
MERCATO SAN SEVERINO (SA)
FIRENZE (FI)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2007
La dose del Bentelan è in relazione al peso corporeo ed all'intensità delle manifestazioni. Opterei per un protocollo a dosi piene con un cortisonico che non attraversa la barriera placentare (per cui non ha effetto sul feto), vista l'entità della sintomatologia e non per una serie di dosi a domanda.
Un protocollo a dosi piene, per esempio, potrebbe essere quello di prevedere un dosaggio variabile dai 10 ai 25 mg/die di Prednisone per 7 - 10 giorni, ovviamente sentitto il parere dei Curanti.
Ciò Le permetterebbe di superare la reazione allergica instaurata con certezza di innocuità per il prodotto del concepimento.
Il Progesterone, dosato sul plasma ad intervalli regolari (es 1 volta ogni 3 giorni per tre volte) potrebbe essere del tutto sufficiente a supportare la Sua gestazione. Solo in caso di produzione ridotta, si potrebbe pensare a come farlo incrementare, visti i Suoi trascorsi.
Infine, sarei dell'idea di interpellare un Allergologo. Sia il Progesterone che l'HCG sono ormoni normalmente presenti nel sangue per cui la reazione allergica, semmai, potrebbe essere consecutiva agli eccipienti presenti nelle fiale. Se così fosse, basterebbe cambiare la modalità di somministrazione del farmaco per non avere reazioni allergiche.


Cordialmente.
Prof.Dr.Ivanoe Santoro
Spec.Ostetrico/Ginecologo
Resp. UOS di P.S.OST/GIN e Med.Perinatale Ospedale di Solofra(AV) Prof. Anatomia Umana Univ. Napoli