Utente 260XXX
Salve, sono una ragazza di 26 anni e sono in attesa del mio primo figlio, Le scrivo per avere una Sua opinione in merito alle misure del mio piccolo, considerando che due differenti ginecologhe mi hanno dato pareri differenti.
La prima ecografia "completa" mi è stata fatta a 19+0 settimane e i dati sono questi:
Diametro Biparietale 43,0 mm
Circonferenza cranica 151,2 mm
Diametro trasverso del cervelletto 19,5 mm
Circonferenza addominale 134,2 mm
Lunghezza femore 28,2 mm
Testa/Addome 1,127

La dottoressa mi ha detto che è "piccolino" rispetto alla media e che probabilmente invece che di 19+0 ero di 18+5 settimane e, per seguire la crescita abbiamo ripetuto l'ecografia circa due settimane dopo, esattamente a 20+6.
Questi sono i risultati:
Diametro Biparietale 47,3 mm
Circonferenza cranica 174 mm
Diametro trasverso del cervelletto 21,7 mm
Circonferenza addominale 153,2 mm
Lunghezza femore 34,6 mm
Testa/Addome 1,136

Dalle curve di crescita che mi ha stampato la dottoressa mi rendo conto da sola che quasi tutti i valori sono sotto la media..
Secondo Lei è "piccolino" rispetto alle settimane di gestazione oppure il concepimento potrebbe essere avvenuto con qualche giorno di ritardo??
E' soprattutto il valore della circonferenza cranica che mi preoccupa..

Il mio ciclo è sempre stato abbastanza regolare anche se nei mesi prima del concepimento mi è capitato più volte un ritardo di pochi giorni, la cosa che posso affermare con certezza è che il test di gravidanza mi è risultato positivo il 25 giorno del ciclo (ancora non ero in ritardo). Un'ultima cosa che forse potrebbe interessare è che il 13 giorno del ciclo del mese del concepimento il test di ovulazione mi ha dato il positivo per cui secondo i miei calcoli ho ovulato tra il 14 e il 15 giorno per cui le settimane di gestazione dovrebbero corrispondere con i miei calcoli.

Spero di essere stata chiara e di non averLa confusa.
La ringrazio in anticipo per la sua risposta.

[#1] dopo  
Prof. Ivanoe Santoro

Referente scientifico Referente Scientifico
44% attività
4% attualità
16% socialità
SOLOFRA (AV)
MERCATO SAN SEVERINO (SA)
FIRENZE (FI)

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2007
Iniziamo col dire che in ecografia vige una regola sostanziale ed importante: la misura ecografica ha un errore standard che è percentuale rispetto alla misura stessa; quanto minore è la misura ecografica, minore è il possibile errore standard e viceversa quanto maggiore è la misura ecografica, maggiore sarà l'errore possibile.

Questo comporta che la datazione della gravidanza sul piano ECOGRAFICO, va impostata con una misura possibilmente lineare (o quanto maggiormente tale) o seguita sul profilo dell'immagine con una funzione tecnica dell'apparecchio che riproduca perfettamente la curva dell'embrione-feto.

La misura più affidabile (perchè gravata da un errore standard percentuale più basso) è la lunghezza vertice-sacro (CRL). Essa ha una affidabilità molto elevata in embrioni lineari (fino circa all'ottava settimana di sviluppo eco-diagnosticabile), affidabili in embrioni-feti fra nona e decima settimana, abbastanza affidabili fra l'undicesima e dodicesima settimana, quando la calcificazione iniziale delle ossa craniche permette di essere sostituita nella possibilità di datazione dalla misura del diametro biparietale.

Tenga presente, poi, che la stragrande maggioranza degli ecografi utilizzati in Italia ha in memoria tabelle di crescita fetale elaborate da Autori stranieri (Americani, Giapponesi, Tedeschi, Francesi, dei Paesi Bassi), per cui le differenze etniche rispetto alla razza caucasica cui apparteniamo, giocano un ruolo di non trascurabile importanza. Ebbene sì: nessun ecografo che ho utilizzato finora, riporta tabelle di crescita in memoria che siano ITALIANE. Tant'è....

Per cui...si rilegga i risultati delle prima ecografie effettuate (possibilmente quelle di passaggio fra secondo e terzo mese) e guardi la misra del CRL a quali settimane si riferiva.

Calcolando da lì, potrebbe ricavare un'epoca gestazionale ecografica alquanto affidabile, cui riferire i valori riscontrati negli esami successivi.

Venendo alla questione, anche a chi Le scrive, le misure non sembrano quelle di un feto piccolo per l'epoca; esse sono comprese nell'intervallo percentile normale (che va dal 10° al 90° o dal 5° al 95° secondo alcuni Autori) riferito alle settimane da Lei riportate.

La circonferenza cranica può subire una misurazione diversa, a seconda anche della presentazione fetale (cefalica o podalica), riducendosi i diametri trasversi ed allungandosi quelli antero-posteriori in presentazione podalica (di culetto, per intenderci), seguendo un fenomeno che noi definiamo "dolicocefalia fisiologica in podice".


Sperando di esserle stato d'aiuto, La saluto affettuosamente.
Prof.Dr.Ivanoe Santoro
Spec.Ostetrico/Ginecologo
Resp. UOS di P.S.OST/GIN e Med.Perinatale Ospedale di Solofra(AV) Prof. Anatomia Umana Univ. Napoli

[#2] dopo  
Utente 260XXX

Gentilissimo Dott.Santoro, innanzitutto La ringrazio per la Sua risposta, ho controllato le ecografie precedenti e l'unico valore di CRL che ho risale a 12+0 ed è di 53 mm, con DBP di 19 e femore di 7 mm.

Sul web ho trovato diverse tavole biometriche, alcune delle quali presentano molte differenze tra loro.. Lei ha la possibilità di darmi un link a cui, secondo la Sua esperienza, potrei riferirmi anche successivamente?
L'ecografo utilizzato dalla mia ginecologa è il GE voluson 730 pro.

Sono particolarmente attenta alla misura della circonferenza cranica in quanto ho un cugino di primo grado affetto da una malattia rara ancora non ben identificata (nella sua cartella clinica si parla di leucodistrofia) che presenta anche microcefalia.

In tutte le ecografie che ho effettuato il bambino si è sempre presentato in posizione podalica.

Cordiali saluti e nuovamente Grazie

[#3] dopo  
Prof. Ivanoe Santoro

Referente scientifico Referente Scientifico
44% attività
4% attualità
16% socialità
SOLOFRA (AV)
MERCATO SAN SEVERINO (SA)
FIRENZE (FI)

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2007
Personalmente trovo attendibili le misure riportate nel sito:
www.awog.it


Essendo il bimbo in podice, la misura della circonferenza cranica, dovrebbe essere presa col metodo della misura manuale e non con quello dell'ellisse automatica. Nella mia personale esperienza è maggiormente attendibile.


Saluti.
Cordialmente.
Prof.Dr.Ivanoe Santoro
Spec.Ostetrico/Ginecologo
Resp. UOS di P.S.OST/GIN e Med.Perinatale Ospedale di Solofra(AV) Prof. Anatomia Umana Univ. Napoli

[#4] dopo  
Utente 260XXX

Gentilissimo Dottor Santoro, La ringrazio di cuore per la Sua risposta, mi ha tranquillizzata parecchio..

Alla prossima ecografia chiederò alla mia gine se può prendere la misura della circonferenza cranica col metodo della misura manuale.

[#5] dopo  
Utente 260XXX

Gent.ssimo Dott. Santoro, Le scrivo ancora una volta per chiederLe una Sua opinione sulla crescita del mio bimbo.
Ho rifatto l'ecografia a 26+1, il piccolo è ancora podalico, ed i dati sono questi:
Diametro Biparietale 63,7 mm
Circonferenza cranica 228,6 mm
Diametro trasverso del cervelletto 30,6 mm
Circonferenza addominale 209,5 mm
Lunghezza femore 48,1 mm
Testa/Addome 1,091
Peso fetale 839 grammi

Secondo la Sua esperienza sta crescendo bene?
E poi come faccio a sapere con esattezza a quale percentile corrisponde quel valore in quell'epoca gestazionale?

La ringrazio sempre per la Sua preparazione e per la Sua gentilezza
Coriali saluti