Utente
Buongiorno,
dopo una cura a base di Augmentin, per curare una tonsillite, ho cominciato ad avere dei pruriti intimi.
Ho fatto un ciclo di Ginocanesten ,ma nel dubbio che non avesse funzionato bene (a causa del fatto che l'ho inserito negli ultimi giorni del ciclo) e continuando ad avere prurito/bruciori sulla pelle dell'ingresso della vagina, ho fatto eseguire dalla mia ginecologa un tampone vaginale/cervicale.
Il risultato è stato uno Stafilococco Epidermidis, e in base all'antibiogramma la ginecologa mi ha dato una cura di Ciproxin da 250 per 5 giorni più normogin per 10 giorni.
Purtroppo, al termine della cura, il prurito persiste e se provo ad avere dei rapporti, anche protetti, pare aumentare, oltre al fatto che mi si irrita notevolmente la pelle e addirittura sento come dei taglietti all'imbocco della vagina, tali per cui se ad esempio faccio pipì, la pelle in quella zona mi brucia.
Riferito ciò, la ginecologa per telefono ha detto di fare una scatola di Daktarine Ovuli per 15 giorni e vedere come va.
Il mio dubbio, avendo inserito ormai 3 ovuli e non vedendo miglioramenti, nasce dal fatto che mi è arrivato il risultato del tampone a casa e ho visto che tra le altre cose c'è scritto "Ureoplasma urealiticum presente", ma su questo non è stato fatto antibiogramma (come per lo stafilococco epidermidis). E' normale che non sia stato fatto e che non lo stia curando?Ho paura che i miei continui fastidi dipendano da questo germe che non sto trattando...
Grazie

[#1]  
Dr. Marcello Sergio

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
16% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2009
Prenota una visita specialistica
Se l'antibiogramma è stato richiesto per il tampone in toto, deve essere fatto anche per Ureaplasma, quindi è importante identificare l'antibiotico adatto per la cura
Saluti
Dr. Marcello SERGIO
Specialista in Ginecologia ed Ostetricia
www.marcellosergio.it
"La ginecologia a portata di donna"

[#2] dopo  
Utente
Salve,
ho chiamato la dottoressa per comunicare questo dubbio, ma mi è stato detto che probabilmente non era stato fatto l'antibiogramma perché la carica batterica dell'ureoplasma era bassa e quindi bastava la cura dello stafilococco.
Secondo lei è possibile?O devo ritenere errata la diagnosi?
Per i continui fastidi, la spiegazione che mi è stata data è che le cure abbassano il ph, e provocano irritazione per cui al termine del daktarine dovrò fare 10 giorni di normogin per equilibrare la flora batterica.
Cosa ne pensa?

[#3]  
Dr. Marcello Sergio

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
16% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2009
Ritengo che in ogni caso, persistendo i sintomi, l'antibiogramma dovesse essere fatto anche per l'ureaplasma. Bene la somministrazione dei lattobacilli, ma bisogna essere certi che l'infezione da ureaplasma sia stata debellata
Saluti
Dr. Marcello SERGIO
Specialista in Ginecologia ed Ostetricia
www.marcellosergio.it
"La ginecologia a portata di donna"

[#4] dopo  
Utente
Buonasera, al momento mi trovo all'estero pertanto non ho modo di recarmi dalla ginecologa.
Le scrivo perche, continuando ad avvertire bruciore/prurito, mi sono accorta che nei punti in cui capita ho dei taglietti piccoli e verticali (sembrano ragadi) come se la cute si spaccasse in alcune zobne e pertanto quando passa sopra l'ovulo daktarin che si scioglie o la pipi, pizzica molto.questi taglietti si stanno creando in continuazione e in punti diversi.a cosa puo' essere dovuto e cosa posso usare per farli cicatrizzare e lenire la pelle?

[#5]  
Dr. Marcello Sergio

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
16% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2009
Sono dovuti probabilmente all'infezione, difficile stabilire di cosa si tratta online, vietato dare terapie
Saluti
Dr. Marcello SERGIO
Specialista in Ginecologia ed Ostetricia
www.marcellosergio.it
"La ginecologia a portata di donna"