Utente 287XXX
Gentilissimi dottori, sono alla 20 settimana di gravidanza, fino a qualche giorno fa nessun problema serio, solo tanta apprensione visti due precedenti aborti precoci. L'altro ieri mi sono recata al pronto soccorso perche mi sembrava di non sentire più muovere la bambina ed avevo dei dolori, mi hanno visitato ed hanno scoperto che il mio collo dell'utero è corto: 31mm. Mi hanno prescritto riposo ed alcuni esami: urinocultura e tampone, che ho già effettuato ma saranno pronti tra una settimana. La mia ginecologa è via per due settimane ed il mio medico di base, che ho sentito al telefono mi ha consigliato di assumere augmentin perchè secondo lei è probabile che io abbia qualche infezione e non vale la pena aspettare gli esiti degli esami. Io però non sono abituata ad assumere antibiotici se non in casi inevitabili tipo bronchite e non me la sento di assumerli proprio ora che sono incinta prima di essere sicura che siano necessari.
Sono preoccupatissima! Cosa rischio? Potrei avere un parto prematuro o addirettura imminente? Cosa posso fare per scongiurare queste eventualità oltre che stare a riposo ed aspettare gli esiti degli esami e nel caso ci fossero delle infezioni, curarle? Il collo dell'utero può allungarsi o posso sperare che al massimo, non si accorci ulteriormente? Contrazioni non ne sento... o per lo meno non mi sembra, solo qualche indurimento indolore della pancia che a volte è più dura e sporgente ma a me sembra semplicemtente che siano movimenti della bambina, tiipo come se si girasse.
Sono molto preoccupata per la mia bambina!
Grazie in anticipo.

[#1] dopo  
Dr. Nicola Blasi

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
BARI (BA)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
La valutazione della lunghezza del collo in gravidanza è molto soggettiva , legata all'esperienza dell'operatore.
E' molto importante la clinica, la percezione di un collo dilatato o rammollato , la presenza di contrazioni uterine ,questi sono segni indicativi di minaccia d'aborto .
Tutto questo corteo sintomatologico lei mi riferisce che non lo avverte.
Giusto eliminare la causa di una eventuale infezione che possa generare contrazioni uterine , ma questo lei non le avverte.
Deve rivalutare la situazione con un ulteriore controllo.
Non si preoccupi
in bocca al lupo!
dott.Nicola Blasi
specialista in Ginecologia e Ostetricia. Patologia Cervico-vaginale e vulvare.

BARI

[#2] dopo  
Utente 287XXX

Gentile dott Blasi, grazie mille per la sua risposta.
La tengo aggiornata sulla mia situazione: tutti gli esami fatti sono risultati negativi e sono riuscita a farmi visitare da un ginecologo che non è quella che mi segue da sempre (che si trova all'estero, irraggiungibile) ma è considerato uno dei migliori della mia città.
Ha effettuato la misurazione del collo ed è risultata esattamente come quella effettuata al pronto soccorso (31 mm). Secondo lui la causa di questo accorciamento sono le contrazioni, che, pur se non dolorose, sono presenti, ne ho avuta una durante la visita e quindi il medico ha potuto constatare cosa fosse e farmelo capire di modo da riconoscerle in futuro.
Mi ha prescritto "indoxen" per 5 giorni e riposo.
Le contrazioni mi sembra continuino ma non sono molto frequenti... un paio al giorno... cosa ne pensa? Qualche contrazione al giorno alla 20 settimana (ormai quasi 21) è accettabile? Quando è il caso di considerarle pericolose e tornare in osepdale? Cosa ne pensa del "indoxen"? E secondo lei cosa si intende per riposo? dalla visita non mi sono praticamente mai mossa... sto tutto il giorno sul divano, mi alzo solo per mangiare e andare in bagno... è necessario? Dopo questo periodo di riposo e farmaci il collo può recuparare ed allungarsi o mi terrò questo "problema" fino a fine gravidanza?
Grazie ancora x la sua gentilezza!

[#3] dopo  
Utente 287XXX

Gentile dott Blasi o chiunque voglia rispondermi,
Disturbo ancora perchè nonostante i 5 giorni giorni di cura con indoxen le contrazioni non sono passate. Fino a ieri non erano dolorose ma oggi ne ho avuta una da togliere il respiro. In genere arrivano se mi muovo, se mi alzo (sto continuando il riposo e passo quasi tutto il giorno sul divano),e soprattutto se vado in bagno. Raramente da sdraiata. Ma da ieri avvengono anche se sono a letto e non mi muovo, sono dolorose (a parte una però sopportabili) e una volta passate lasciano un dolore diffuso, tipo mestruale.
Da cosa possono dipendere? Come faccio a capire se sono contrazioni fisiologiche o di braxton-hicks o se sono qualcosa di allarmante? Ricordo che sto entrando alla fine della 21 settimana e gli esami delle urine + urinocutura (nonostante i dolori e le contrazioni che avverto durante le minzione) sono risultati tutti negatvi. Sono molto preoccupata perchè all'ultima visita, al pronto soccorso, mi hanno trovato il collo dell'utero accorciato (31 mm) e parlato di rischio di parto pre-termine. Cosa che alla 22 settimana non consentirebbe la sopravvivenza della bambina.
In piu' mi sono accorta di avere perdite acquose, con delle particelle bianche solide, non sono certo così abbondanti da poter essere confuse con una rottura delle acque ma sono più abbondanti di una leucorrea e quindi ho paura di avere perdite di liquido... di cosa potrebbe trattarsi?
Spero di ricevere presto una risposta... essendo la prima gravidanza sono molto confusa ed essendo reduce da due aborti (se pur precoci) sono molto agitata ed ho paura di fare qualcosa di sbagiato...

[#4] dopo  
Dr. Nicola Blasi

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
BARI (BA)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Deve farsi immediatamente controllare da un collega presso un pronto soccorso ginecologico-ostetrico
dott.Nicola Blasi
specialista in Ginecologia e Ostetricia. Patologia Cervico-vaginale e vulvare.

BARI

[#5] dopo  
Utente 287XXX

Gentile dott Blasi, grazie 1000 per il consiglio, essendo riuscita a prenotare una visita solo per giovedì, ero già molto indecisa se andare al PS, appena letta la sua risposta ci sono andata...
La aggiorno sulla visita, anche per le ragazze con problemi simili che in futuro potrebbero trovare questa conversazione:
il medico di turno mi ha raccomandato di rifare tampone ed urinocultura perchè secondo lui io ho i sintomi di una cistite e di curare la stipsi anche con farmaci, senza però specificarmi quali.
Lei cosa ne dice?
Io ho sempre creduto che la stipsi fosse normale in gravidanza e che non vadano presi lassativi o simili...
Riguardo alle contrazioni, avendo io specificato che si verificano soprattutto quando mi alzo, mi ha consigliato di provare a fare due passi e vedere se passano perchè magari essendo stata 10 giorni a letto può essere che io mi debba un pò "riadattare", ha aggiunto che un pò sono normali ma devo monitorarle perchè non devono essere troppe.
Io però non ho ancora capito quante siano "normali"...
Fino a che punto è accettabile avere queste contrazioni?
Quanto alle perdite acquose, invece, mi hanno fatto un test ed è risultato che si tratta di "idrorrea"... mi ha però detto che le perdite di liquido amniotico, nel caso di rottura superiore delle membrane, sono uguali a quelle che ho avuto e che è impossibile distinguerle anche per i medici senza effettuare il test e si è raccomandato di tornare in PS ogni volta che le noto... io però le ho spesso, quasi tutti i giorni...
Come faccio? Dovrei andare al PS tutti i giorni....
La rotura superiore del sacco è davvero così simile all'idrorrea?
Grazie ancora per i suoi preziosi consigli e buon lavoro!

[#6] dopo  
Dr. Nicola Blasi

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
BARI (BA)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Ha incontrato Colleghi molto attenti !!
Deve controllare il volume del liquido amniotico ecograficamente e tenere d'occhio le perdite vaginali.
In bocca al lupo!
dott.Nicola Blasi
specialista in Ginecologia e Ostetricia. Patologia Cervico-vaginale e vulvare.

BARI

[#7] dopo  
Utente 287XXX

Crepi il lupo!
Ho la fortuna di abitare molto vicino al policlinico quindi non ho problemi ad arrivare al PS in pochi minuti... però dovrei capire quando è davvero il momento di preoccuparsi ed andarci.
Da quel che ho capito neanche lei sa darmi qualche consiglio su come distinguere le contrazioni normali da quelle pericolose e soprattutto questa "idrorrea" da ipotetiche perdite di liquido (che io credevo essere molto più abbondanti), spero davvero che mi passi se no avrò sempre un pò l'incubo...
Grazie ancora e buon lavoro!

[#8] dopo  
Dr. Nicola Blasi

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
BARI (BA)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Le contrazioni "pericolose" sono quelle che si presentano con una frequenza ed intensità man mano sempre più alte e non in rapporto diretto con i movimenti fetali.
Significa che se tra una contrazione e l'altra intercorre un'ora e più e con tanta irregolarità ,non deve preoccuparsi
SALUTI
dott.Nicola Blasi
specialista in Ginecologia e Ostetricia. Patologia Cervico-vaginale e vulvare.

BARI

[#9] dopo  
Utente 287XXX

Grazie dottore, le mie non sono regolari e sono quasi sempre conseguenza di movimenti miei (non di quelli fetali che ormai sento spesso e non sono mai seguiti da contrazioni). Una cosa che scaturisce sempre contrazioni e dolori che poi durano anche dopo, è la pipì, per questo sia il mio medico di base sia all'ospedale sospettano una cistite, che però fin ora è stata smentita dalle analisi. Credo di aver capito che le mie contrazioni preoccupino i medici non per via di quello che sono ma perchè potrebbero essere la causa del collo dell'utero troppo corto rispetto alla settimana di gestazione.
Domani comunque, avrò finalmente una visita con la mia dott. che sicuramente mi misurerà il collo e speriamo che stando a riposo sia miglorato o per lo meno rimasto invariato.

[#10] dopo  
Utente 287XXX

Gentile dott. Blasi, oggi ho visto la mia dott. che è finalmente rientrata, anche secondo lei il collo si è un pò troppo accorciato x la settimana in cui mi trovo (oggi la 22) ma lo ha misurato 34 mm anzichè 31 ed ha detto che è ben conservato quindi non vede grossi rischi... Concorda con tutti i consigli ricevuti al PS (stare tranquilla, ma non a letto, rifare le analisi, curare stpsi, ecc...) tranne che con la storia delle perdite di liquido... secondo lei non si possono confondere con l'idrorrea ed è inutile preoccuparmi ogni volta che vedo una perdita acquosa e/o bianca perche se fosse liquido sarebbero perdite più costanti (tipo da usare l'assorbente e non il salvaslip) e la sensazione sarebbe un pò come farsi la pipì addosso...
Concorda?
La ringrazio ancora dell'attenzione. Buon lavoro!

[#11] dopo  
Dr. Nicola Blasi

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
BARI (BA)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Concordo ,non ho da aggiungere altro!
dott.Nicola Blasi
specialista in Ginecologia e Ostetricia. Patologia Cervico-vaginale e vulvare.

BARI

[#12] dopo  
Utente 287XXX

Grazie dottore! Buon lavoro!

[#13] dopo  
Utente 287XXX

Gentile Dottore, approfitto ancora di questo post per farle un'altra domanda, anche se non c'entra più con il titolo iniziale.
Fino a Sabato ho continuato ad avere dolori, sopratutto durante la pipi ma molto frequenti, quasi ogni volta che mi alzavo, qualche contrazione e sensazione di peso sul basso ventre, ma da Domenica assolutamente più nulla, non è stata una sensazione graduale ma proprio sono passata da un estremo all'altro in una notte.
L'unica cosa che mi preoccupa è che prima sentivo nitidissimi i movimenti della bambina, non provocavano dolore ma i calci erano talmente forti da svegliarmi mentre dormivo, ora non li sento più, non sento più nulla...
Adesso sono alla 23 settimana, so che è normale non sentire sempre i movimenti a quest'epoca e che bisogna preoccuparsi nel non sentirli solo dalla 28 settimana, ma siccome prima li sentivo davvero bene un pò di preoccupazione c'è... però mi sembra strano che siano scomparsi insieme a tutti gli altri dolori... può essere che la bambina si sia spostata e che sia questo il motivo? Magari era proprio la posizione della bambina a crearmi quei dolori che all'ospedale avevano ipotizzato essere cistite o chissà cosa ma così non era così visto che tutti gli esami erano negativi...
Lei cosa ne pensa?
Devo preoccuparmi per non sentire più i movimenti o essere contenta per non avere più i dolori e le contrazioni?
Grazie ancora e buon lavoro!

[#14] dopo  
Dr. Nicola Blasi

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
BARI (BA)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
I movimenti fetali sono legati alla posizione e ai ritmi biologici , quindi è giusto avvertirli ma non sempre.
SALUTI
dott.Nicola Blasi
specialista in Ginecologia e Ostetricia. Patologia Cervico-vaginale e vulvare.

BARI