Utente
Salve
Volevo avere un parere su quale sia la cura più idonea ed efficace per debellare una vaginite aerobica che mi stressa da un po'
L'ultimo e recente tampone vaginale dicembre 2013 ha dato il seguente verdetto :
Esame microscopico :numerose catenelle di cocchi g+
Numerosi bastoncini G-
PMN : ALCUNI
Doderlein : rari

Tampone positivo a proteus spp. E streptococco agalactie con entrambi i casi numerose colonie

Il mio solito ginecologo mi prescrive il solito meclon e poi normogin ....ma come di consueto nn risolvo (precedentemente mi ero rivolta a lui per vaginite da e.coli e solo dopo un anno di terapie l'ho debellato ...una vita praticamente) nn avendo più fiducia sulla efficacia delle sue terapie mi sono rivolta ad altro ginecologo che mi ha prescritto farmaci per bocca sulla base dell'antibiogramma del tampone ....
Fosfomicina per il proteus risultato sensibile e nitrofurantoina per lo streptococco agalactie risultato sensibile...avverto arrossamento e pizzicore un mix tra bruciore e prurito zona vulvare mucose esterne e zona perianale ...come pomata esterna mi ha dato la vea olio ...sto ultimando la terapia e ancora nn ho risolto completamente solo qualche sporadica miglioria....per questo tipo di vaginite ho scoperto poi a mie spese che il meclon essendo aerobica nn e' proprio adatto.....e poi lavaggi esterni ho sentito pareri diversi,...chi solo acqua chi acqua e bicarbonato chi con saponi neutri ...si insomma la confusione è tanta ma una cura precisa sembra un sogno ....e poi soffrendo di colon irritabile qual'e la dieta più idonea da seguire....
Infine nn capisvo perché i lattobacilli vaginali a me sono avversi ne ho provati diversi di marche diverse ma a me aumentano i fastidi ...cosa fare in sostituzione di quest'ultimi.
Ringrazio a chi mi rispondera
Cordiali saluti

[#1]  
Dr. Nicola Blasi

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
BARI (BA)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
https://www.medicitalia.it/minforma/ginecologia-e-ostetricia/1506-importanza-dell-ecosistema-vaginale-nelle-infezioni.html
L'approccio terapeutico più appropriato nei confronti delle infezioni da batteri aerobi o vaginite aerobia (o aerobica) è un antibiotico mirato che dia una remissione della sintomatologia e ad un ripristino della flora lattobacillare, cioè la KANAMICINA
Saluti
dott.Nicola Blasi
specialista in Ginecologia e Ostetricia. Patologia Cervico-vaginale e vulvare.

BARI

[#2] dopo  
Utente
quindi dott. lei mi consiglia terapia locale con ovuli di kanamicina di solito da introdurre 1 alla sera per quanti giorni ???
niente lavande e soprattutto niente ovuli di lattobacilli visto che nn li tollero ....??
come pomata esterna per lenire prurito infiammazione e rossore quella prescrittami cioè la vea olio può andare bene o consiglia altro ??
la ringrazio se mi risponderà ....e mi farò prescrivere questa terapia tenendola informata.

[#3]  
Dr. Nicola Blasi

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
BARI (BA)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Non é possibile consigliare nomi commerciali e terapie via web.
Consigli terapeutici certo.
Saluti
dott.Nicola Blasi
specialista in Ginecologia e Ostetricia. Patologia Cervico-vaginale e vulvare.

BARI

[#4] dopo  
Utente
La ringrazio dottore per la sua disponibilità un ultima domanda che ho da porle è la seguente ...documentandomi un po' sul web ho letto che come disinfettanti esterno si può applicare la clorexidina come principio attivo lei che ne pensa ???
Ringrazio nuovamente

[#5] dopo  
Utente
La ringrazio dottore per la sua disponibilità un ultima domanda che ho da porle è la seguente ...documentandomi un po' sul web ho letto che come disinfettanti esterno si può applicare la clorexidina come principio attivo lei che ne pensa ???
Ringrazio nuovamente

[#6]  
Dr. Nicola Blasi

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
BARI (BA)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Perfetto!
dott.Nicola Blasi
specialista in Ginecologia e Ostetricia. Patologia Cervico-vaginale e vulvare.

BARI

[#7] dopo  
Utente
Salve dottore
Dopo vari tamponi vaginali positivi finalmente l'ultimo appena ritirato in data di ieri 22/04 eseguito una settimana fa è risultato tutto negativo ...
premetto però che la voce PMN E DODERLEIN ha come indicazioni RARI ...perciò il mio gine mi ha consigliato di fare per due settimane ovuli di bactocin e lavaggi con saponi neutri o acqua e bicarbonato il ph rilevato stavolta è stato di 4.7 ...non ho capitò però perché nonostante non ci siano + infezioni di alcun tipo perché persiste ancora la sintomatologia di pizzicore nell'introito vaginale interno e esterno...è sufficiente fare solo ovuli di bactocin o consiglia anche altro per il regredire del pizzicore ?
L'ostetrica che ha eseguito il tampone mi ha consigliato oltre agli ovuli prescritti dal mio ginecologo anche i femelle probiotici
Ringrazio anticipatamente

[#8]  
Dr. Nicola Blasi

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
BARI (BA)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
I probiotici potrebbero essere utili a riportare il pH alla sua normalità (pH 3,5) parlo di pH vaginale (non vulvare ,esterno)
dott.Nicola Blasi
specialista in Ginecologia e Ostetricia. Patologia Cervico-vaginale e vulvare.

BARI

[#9] dopo  
Utente
Quindi il persistere dei sintomi può essere legato ad una alterazione del ph ?? E gli ovili latobacilli sono sufficienti per la remissione dei fastidi ?? Onestamente pensavo che una volta debellata l'infezione pure i sintomi sarebbero scomparsi e invece....
La ringrazio per la cortesia e spero che mi dia una risposta che chiarisca i miei dubbi.

[#10]  
Dr. Nicola Blasi

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
BARI (BA)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
In commercio sono presenti capsule vaginali contenenti Lactobacilli di Doderlein e Acidificanti dell'ambiente vaginale.
dott.Nicola Blasi
specialista in Ginecologia e Ostetricia. Patologia Cervico-vaginale e vulvare.

BARI

[#11] dopo  
Utente
Salve dottore,
Le riscrivo perché nonostante l'ultimo tampone era negativo e dopo essermi fatta le due conf di ovili lattobacilli e compresse a fermento lattico specifico nn ho ancora risolto i sintomi di pizzicore vaginale e perianale persistono ....ho notato anche qualche perditina bianca giallina ...e poi parte della forchetta vaginale zona limitrofa perineo arrossata ...
Detto ciò mi sono rivolta di nuovo dal ginecologo che sulla base dei sintomi e cmque su tampone negativo mi ha detto che molta probabilità si tratta di una micosi anche se dal tampone non è0 risultato nulla ...mi ha detto che le micosi spesso portano falsi negativi nn rilevati dal tampone ...ovviamente mi ha visitata e mi ha prescritto diflucan compresse e un ovulo di lorenil unica soluzione e pomata travocort uso esterno....a parte che il travocort ho 9rovato ad usarlo ma mi da bruciore e quindi ho sostituito con il canesten e sono sotto terapia ...ma può trattarsi veramente di micosi se la candida nn e' comparsa dal tampone ????
Io sono molto dubbiosa in merito ....e poi la terapia entro quando fa effetto ?? Per 8ra nn sto vedendo giovamenti .
Grazie
Veronica

[#12]  
Dr. Nicola Blasi

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
BARI (BA)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Per questo motivo se non eseguo un esame batteriologico a fresco e non rilevo il pH vaginale non prescrivo terapie specifiche.
Non sono d'accordo con il Collega, ma lui ha il vantaggio della visita, rispetto al sottoscritto che fa diagnosi presunte, ma non certe.
Saluti
dott.Nicola Blasi
specialista in Ginecologia e Ostetricia. Patologia Cervico-vaginale e vulvare.

BARI

[#13] dopo  
Utente
Gentile dottore
aggiorno la mia situazione visto che ultimo tampone è totalmente negativo al persistere dei sintomi e + recente cura di sospetta candidosi (che difatto non c'era) mi sono rivolta ad un nuovo ginecologo e tac come per magia mi ha diagnosticato una vulvodinia generalizzata che va a interessare anche la parte anale ...

la terapia consiste in pelvilen dual act da fare per almeno due mesi
1/2 compressa di valium ( con funzione a tale quantità di miorilassante)
ed esercizi di rilassamento del pavimento pelvico perché mi ha rilevato ipertono e contrattura del pelvico appunto ....ho un dubbio che differenza c'é tra gli esercizi di riabilitazione del pelvico che mi sono stati affidati e quelli di kegel ...?? facendo varie ricerche pare che quelli di kegel per chi come me ha problemi di ipertono non vanno bene ...inoltre visto che il mio bruciore / dolore è principalmente localizzato nel perineo quali esercizi andrebbero bene per alleviare e fare da coaudiovante nella terapia ...
ringrazio anticipatamente

[#14]  
Dr. Nicola Blasi

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
BARI (BA)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
La famosa TENS
dott.Nicola Blasi
specialista in Ginecologia e Ostetricia. Patologia Cervico-vaginale e vulvare.

BARI

[#15] dopo  
Utente
Si della tens dottore ne ero già a conoscenza ma pare che il gine voglia ricorrere a tale tecnica solo in seconda battuta ...quindi in alternativa alla tens che esercizi a domicilio potrei fare mirati al sintomo anale ?

ringrazio di nuovo

[#16]  
Dr. Nicola Blasi

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
BARI (BA)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Esatto
dott.Nicola Blasi
specialista in Ginecologia e Ostetricia. Patologia Cervico-vaginale e vulvare.

BARI