Infiammazione intima.

Partecipa al sondaggio
La questione è questa... Venerdì scorso e cioè 3 gennaio, ho cominciato ad avvertire pizzichi e leggero prurito nelle parti intime (avendo già avuto altri casi..) mi sono immediatamente applicata una pomata vaginale Pevaryl, dopo un giorno due, ho notato che la pomata (a differenza delle altre volte) mi stava dando più fastidio che altro, così ho congelato il tutto (lavandomi molto spesso) aspettando di andare dal mio medico di base, martedì la cosa sie era un pò attenuata tra alti e bassi, e sono comunque sono andata ieri mattina (mercoledì), mi ha prescritto, una pastiglia di Diflucan, una soluzione e due ovuli sempre Pevaryl (un'altra volta la cura era andata bene) ma questa volta, come mi immaginavo, non è andata per niente bene infatti sono le 5e20 del mattino e stò scrivendo a voi. In verità la pastiglia di Diflucan, un qualche vago effetto l'ha dato, ma i lavaggi con la soluzione stavano andando molto bene, la situazione è peggiorata (più di prima di iniziare la cura...) durante la notte con il primo ovulo.
Specifico, che l'infiammazione, è partita (come spesso mi accade) poco dopo l'ingresso nella vagina, per poi sfogare verso l'esterno, nessuna perdita maleodorante, di colore diverso dal normale o di consistenza diversa, dalle normali secrezioni (si magari più abbondanti, ma credo che in questo caso di non normalità sia normale...) La parte esterna immediatamente dopo alla vagina rimane molto arrossata e ruvida, anche la parte superiore interna non è liscia, anzi...
Aggiungo inoltre che per il momento dopo diversi lavaggi nei quali forse sono riuscita a togliere quasi completamente ciò che rimaneva dell'ovulo, va già meglio... Io comunque sin dall'inizio, ho pensato che forse la cura potesse essere semplicemente lavarsi con un prodotto più specifico del normale sapone di igiene intima...
Domani la mia dottoressa ha il giorno libero, e in verità temo possa insistere con cure sbagliate che centuplichino il problema...
Secondo voi cosa potrebbe essere?
Rimango in attesa di vostre risposte, Cordiali saluti.
[#1]
Dr. Nicola Blasi Ginecologo 43.4k 1.4k 190
Le irritazioni VULVO - vaginali non sempre sono causate da una infezione micotica ( candida) . Esistono altri batteri e protozoi come il Coli, la Gardnerella ,il trichomonas.
La self- terapia con autodiagnosi non é corretta.
Una irritazione vulvare ( vulvite) può essere scatenata da indumenti intimi sintetici e colorati, pantaloni aderenti, salva slip ,detergenti profumati e schiumosi.
È veramente difficile una diagnosi senza una visita .

dott.Nicola Blasi
specialista in Ginecologia e Ostetricia. Patologia Cervico-vaginale e vulvare.

BARI

[#2]
Utente
Utente
Grazie per la sua risposta, vorrei comunque aggiungere che ieri, controllando le parti intime, mi sono accorta di avere delle secrezioni bianche molto dense, penso appunto le tipiche perdite da candida (credo), così ho messo il secondo ovulo, e non m ha dato così fastidio come la prima volta... anzi, a parte questa mattina che nonostante essermi lavata sentivo prurito.

La mia domanda è, sono sicuramente secrezioni prodotte a causa della "candida" o possono essere residui di ovulo, cioè, l'ovulo una volta sciolto viene completamente assorbito dalla mucosa vaginale o rimane tipo a crema all'interno per qualche giorno?
Perchè la consistenza di queste perdite, è bianca, densa, cremosa, ma sembra anche oleosa, per quello ho pensato all'ovulo...

Questa mattina andrò di nuovo dalla dottoressa... Mah...
[#3]
Dr. Nicola Blasi Ginecologo 43.4k 1.4k 190
È impossibile consigliare una terapia senza un riscontro clinico
Saluti
[#4]
Utente
Utente
Ok Ok grazie comunque.
Saluti