Utente
Buongiorno,
ho un dubbio che mi tormenta da mesi.
Nel giugno 2013 ho avuto un rapporto sessuale con un uomo usando il profilattico, che controllato a fine rapporto era intatto. A distanza di 7 giorni, si è menifestata una fortissima infiammazione uretrale, che non è guarita con classico monuril. Ma curata dopo due mesi con lo zitromax.
Dopo quasi sei mesi, ho avuto un altro rapporto sessuale con la suddetta persona, sempre usando il profilattico, che è sempre rimasto intatto. E di nuovo, dopo 7 giorni, ho manifestato la stessa reazione. Devastante bruciore uretrale. Ma se abbiamo usato sempre il profilattico entrambe le volte, cosa può essere...?

Grazie infinite

[#1]  
Dr. Nicola Blasi

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
BARI (BA)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Potrebbe trattarsi di una recidiva di uretrite , legata alla congestione del rapporto sessuale (vescica piena?) , o a volte per le dimensioni del pene del partner .
Altra causa da escludere è la presenza di CLAMYDIA nell'uretra (URETRITE) .
Il preservativo protegge le vie genitali ,non le vie urinarie (vescica, uretra, ureteri e reni).
SALUTI
PS: la diagnosi di uretrite come è stata fatta?
dott.Nicola Blasi
specialista in Ginecologia e Ostetricia. Patologia Cervico-vaginale e vulvare.

BARI

[#2] dopo  
Utente
Buon pomeriggio dottore.
La ringrazio per la celere risposta.
La diagnosi d'infiammazione uretrale è stata fatta su supposizione del medico, considerando che avevamo usato il profilattico.
Com'è possibile contrarre la clamydia se il rapporto è stato interamente protetto? E può una semplice infiammazione manifestarsi ben 7 giorni dopo?

Grazie ancora...

[#3]  
Dr. Nicola Blasi

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
BARI (BA)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Parlo di infezioni delle vie urinarie non delle vie genitali .
dott.Nicola Blasi
specialista in Ginecologia e Ostetricia. Patologia Cervico-vaginale e vulvare.

BARI

[#4] dopo  
Utente
Comprendo. Difatti la mia domanda, che spero di esprimere meglio adesso, era: Come si può contrarre un'infezione alle vie urinarie se non vi è stato contatto diretto/scoperto fra il pene e l'uretra?
E se i trattasse di una semplice infiammazione uretrale, può questa manifestarsi ben 7 giorni dopo? Entrambe le volte?

Grazie ancora...

[#5]  
Dr. Nicola Blasi

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
BARI (BA)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Molti batteri hanno un lungo ciclo vitale, può trattarsi di una vecchia infezione o di una infezione per contiguità attraverso altri foci.
dott.Nicola Blasi
specialista in Ginecologia e Ostetricia. Patologia Cervico-vaginale e vulvare.

BARI