Utente
buonasera.

sono stata sottoposta circa un mese ad una leep cono seguita da diatermocoagulazione per una lesione cin 2 diagnosticata con esame istologico da biopsia eseguita in sede di colposcopia che evidenziava quadro di gravita G2. l'esame istologico in particolare diceva: cin 2 in condiloma piano con diffuse modificazioni citopatiche virali negli strati più superficiali dell'epitelio pavimentoso di rivestimento.
attendo ancora il referto dell'esame istologico eseguito in sede di intervento.

ho preso molto male la situazione e la ginecologa da cui sono seguita mi da sempre risposte molto vaghe.

la domanda è, il referto dell'esame istologico della leep potrebbe essere peggiore di quello della biopsia della colposcopia??? ma soprattutto, è alto il rischio di recidiva??usare il preservativo con il mio compagno può ridurre la possibilità di recidiva??


grazie!

[#1]  
Dr. Nicola Blasi

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
BARI (BA)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Il trattamento LEEP. Ha lo scopo di asportare in toto la lesione displastica , l'esito dell'esame istologico ci dirá se quest'ultima è compresa nei limiti dell'area asportata con la classica dizione " limiti esenti da malattia".
In base al tipo di esame istologico si decide per un follow-up adeguato, e in questo modo si fa prevenzione delle recidive.
Nell'ambito di una coppia sessualmente stabile, non é importante adottare il preservativo, questo perchè l'infezione da HPV è legata al numero dei partners sessuali in modo direttamente proporzionale.
Saluti
dott.Nicola Blasi
specialista in Ginecologia e Ostetricia. Patologia Cervico-vaginale e vulvare.

BARI

[#2] dopo  
Utente
la ringrazio molto per la risposta e la cordialità!
attendo da un mese il referto dell'esame istologico, il che mi mette molta ansia..
anche perchè il percorso è stato un pò "travagliato" visto che il pap-test dava ascus, la colposcopia presumibile cin 1 con condilomi che non interessavano la GCS ma che erano fuori la zona di trasformazione, e infine biopsia CIN 2! sempre di male in peggio insomma.

tutto ciò mi preoccupa, ho 25 anni e l'idea che il problema possa ripresentarsi mi angoscia.. prima di riaffrontare un altro intervento preferirei avere un bimbo!

inoltre la ginecologa dopo l'intervento ha detto che essendo io giovane è stata abbastanza superficiale il che non mi rassicura molto.

perciò le chiedo, qualora i margini non fossero puliti e la lesione fosse peggiore di quanto risultato dalla biopsia è possibile la guarigione?? e il virus potrebbe essere debellato??

cordiali saluti.

.

[#3]  
Dr. Nicola Blasi

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
BARI (BA)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Bisogna esaminare l'esito dell'esame istologico,solo allora si potrá dare una risposta alle sue domande
dott.Nicola Blasi
specialista in Ginecologia e Ostetricia. Patologia Cervico-vaginale e vulvare.

BARI

[#4] dopo  
Utente
buongiorno! finalmente ho ricevuto la risposta dell'esame istologico del tessuto asportato durante la leep cono:

"a livello esocervicale alterazioni displastiche di grado variabile da lievi ( CIN1) a moderato ( CIN 2) anche in metaplasia immatura. nell'endocervice focale displasia epiteliale moderata in epitelio metaplastico in uno dei campioni pervenuti. margine esocervicale, ove valutabile, con distanza minima di 1 mm dalla displasia epiteliale di grado lieve. "

purtoppo non capisco molto di queste cose,
secondo il suo parere è un esito preoccupante o posso stare tranquilla??

cordiali saluti.

grazie.

[#5]  
Dr. Nicola Blasi

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
BARI (BA)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
1. valutazione colposcopica a 3 mesi dalla LEEP
2. paptest a 6 mesi dalla LEEP
Dopo questi esami si può decidere.
L'esame istologico non è preoccupante, la displasia è stata eliminata.
SALUTI
dott.Nicola Blasi
specialista in Ginecologia e Ostetricia. Patologia Cervico-vaginale e vulvare.

BARI