Probabile infezione vaginale

Gentili medici buonasera,

scrivo a causa di un problema di cui credo di aver preso piena coscienza adesso ed ho paura, con questo mio comportamento, di aver aggravato la patologia.

Premetto che qualche mese fa ho iniziato ad avvertire cattivo odore nelle parti intime simile a pesce o gorgonzola e perdite giallo - grigiastre nel periodo precedente alle mestruazioni. Mi ero ripromessa di controllarmi, ma puntualmente dopo il ciclo il problema svaniva, non sussistevano altri sintomi e quindi tra i mille problemi, la mancanza di tempo e soprattutto di un ginecologo ho sottovalutato un pò la cosa.

Da un paio di mesi ho notato che l'odore c è quasi sempre, mi sembra quasi si attacchi ai vestiti lo sento in continuazione e mi sto preoccupando notevolmente soprattutto perchè ho letto di diverse complicazioni che potrebbero insorgere.

Ho telefonato alla ginecologa consigliatami da un amica che però ha potuto fissarmi un appuntamento tra una decina di giorni.

Intanto però mi sovvengono i pensieri più svariati, mi sento colpevole perchè ho letto che potrebbe trattarsi di gardnerella o di trichmoniasi, entrambe possono provocare sterilità e problematiche per un eventuale concepimento e mi sento in colpa per tutto questo, ma forse l'ignoranza, o la vergogna mi hanno portato a ciò.

Attualmente non ho altri sintomi, vorrei chiedere se le eventuali complicazioni legate a queste due infezioni sono legate ad altre sintomatologie o sono asintomatiche e se nell'attesa della visita con la ginecologa c'è qualche ausilio che potrei adottare comunque utile in tutti i casi di infezione.

Grazie mille
[#1]
Dr. Nicola Blasi Ginecologo 40,9k 1,3k 253
Le ipotesi che ha menzionato sono appropriate, si potrebbe pensare ad un VAGINOSI BATTERICA da g.Vaginalis , ad una Trichomoniasi, ad una vaginite aerobia .
Un consiglio terapeutico specifico va dato dopo l'esecuzione di un esame batteriologico a fresco del secreto vaginale, non mi sembra corretto consigliare un farmaco senza una diagnosi.
Salutoni

dott.Nicola Blasi
specialista in Ginecologia e Ostetricia. Patologia Cervico-vaginale e vulvare.

BARI

[#2]
dopo
Utente
Utente
Buongiorno dottore grazie mille per la pronta risposta,

Assolutamente conosco la vostra professionalità e l impossibilita di offrire diagnosi senza visitare quindi non era mia intenzione chiedere un farmaco, magari uno stile di vita o una lavanda che possa aiutarmi fino alla visita che sara tra dieci lunghi giorni.

L altra cosa che mi spaventa molto e la gravita delle infezioni che potrei avere, potrebbero aver compromesso irrimediabilmente la fertilità? O creare problemi per un concepimenti? Potrebbero favorire l insorgere di cancro alla utero?

Quale delle tre patologie e più grave?
Sono curabili? Pposso almeno avere una speranza di non essermi rovinata la vita non avendo immediatamente contattato un medico ?

Ho omesso di dire che ho notato meglio i sintomi e le perdite, che sono bianchissime e non ho nessun sintomo di dolori o altro.
Riferisco una scarsa lubrificazione ed un calo di desiderio sessuale

Grazie sempre
[#3]
Dr. Nicola Blasi Ginecologo 40,9k 1,3k 253
Per definire le eventuali complicanze (escludo la neoplasia) è importante datare l'inizio dell'eventuale infezione (i).
Sicuramente è una infezione cervico-vaginale , attendiamo l'esito del Collega.
SALUTI

Contraccezione: quanto sei informato? Scoprilo con il nostro test