Utente 365XXX
Gentili dottori buonasera.
Gentilmente vi chiedo un parere sulla cura per ureaplasma. Da premettere che l'anno scorso, sei mesi prima di rimanere incinta(aborto interno alla 9 sett), feci un tampone vaginale e cervicale con risultato tutto negativo. 10 giorni fa, invece, dal tampone è emerso che ho ureaplasma con carica batterica =>10000
Non ho più rapporti con mio marito dal giorno del concepimento, perchè tra raschiamento e dolore psicologico sono stata malissimo. Da quello che ho capito questa infezione avviene per un alterazione del ph della vagina per un abbassam delle difese immunitarie..io non credo di aver preso l ureaplasma in gravidanza, ma anche quando la mia ginecologa mi ha detto che non è stata assolutam causa di aborto, perchè l infezione potrebbe portare a rottura delle membrane, ma ciò avviene intorno alla 19 20 sett...e che quindi non è il mio caso. Siete d'accordo?
Per la cura mi è stato dato azitromicina 2 capsule in unica somministrazione, più 5 lavande vaginali ab300 seguite da ovuli acidif cv..inoltre io ho aggiunto fermenti lattici via orale più vitamine c. Devo dire che già dallo stesso giorno in cui ho preso l antibiotico stavo meglio a livello di bruciore vaginale..oggi a distanza di 5 non più bruciore..ce l'avrò fatta a debellarlo? Io adesso mi sento bene..
La ginecologa mi ha fatto capire che sia quasi più"normale" avere un infezione da ureaplasma che da candida; questo perchè la candida non dovrebbe esserci perchè parte dall intestino, mentre l'ureaplasma è dovuta ad un alterazione del ph vaginale che ha causato una profilerazione del batterio dei micoplasmi che normalmente vive in vagina ma in quantità minori e non patogeni.la pensate anche voi cosi?
Concludo dicendo che la cura non è stata data anche a mio marito proprio per motivi sopra indicati, ovvero nessun rapporto e tamponi precedentemente negativi.
Vi ringrazio per la vostra attenzione, saluti.

[#1] dopo  
Dr. Nicola Blasi

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
BARI (BA)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
A proposito di UREAPLASMA (famiglia dei MICOPLASMI) , oltre alla trasmissione per via sessuale sembra associarsi anche a fattori che alterano l'ecoambiente vaginale : infatti i Micoplasmi da commensali possono assumere un ruolo patogeno quando la loro concentrazione supera i 1000 ui per ml. Nell'uomo la colonizzazione da Micoplasmi è asintomatica nella maggior parte dei casi.L'esame colturale è il gold-standard per la diagnosi ma ci potrebbero essere fattori da inquinamento.
Attualmente si adotta la PCR (reazione polimerasica a catena) con specificità e sensibilità superiori.
L ' AZITROMICINA va bene , alternativa in caso di fallimento la MOXIFLOXACINA.
sALUTI
dott.Nicola Blasi
specialista in Ginecologia e Ostetricia. Patologia Cervico-vaginale e vulvare.

BARI

[#2] dopo  
Utente 365XXX

Gentilissimo dottor De Blasi grazie per la sua risposta.
Neanche a dirlo, ma da due orette circa avverto un lieve bruciore..evidentemente non ce l'ho fatta debellarlo. A questo punto ha senso ripetere il tampone fra una sett secondo lei? Lasciando stare i soldi che sto spendendo, tra esami, ecografie, tamponi ecc, io non ce la faccio piu mi creda. Ho sofferto troppo per l'aborto e adesso con il via della ginecologa ero pronta a ricominciare. Lei dopo l antibiotico, il giorno dopo, disse che potevamo ricominciare a provarci...ma sinceramente io ho preferito aspettare l esito del tampone e che a questo punto sarà sicuramente positivo. Lei cosa mi consiglia? Io sto uscendo di testa. Cordialmente

[#3] dopo  
Utente 365XXX

Gentile dottore Blasi,
Oggiil bruciore è davvero molto lieve, lo sento a tratti..
Secondo lei la prox sett posso andare a ripetere il tampone oppure in presenza di questo lievissimo bruciore non costante mi conviene ritornare dalla ginecologa per fare un altra cura? Nell'abg l antibiotico da lei mensionato non c'è..ce ne sono altri, fra cui tutti sensibili eccetto uno intermedio.
Non può essere che nei prox giorni anche questo lieve bruciore vada via? Lei ha scritto che sopra i 1000 è patogeno..io ho 10000!! È assai secondo lei? In ospedale mi hanno detto no, e anche li dopo l antibiotico mi hanno detto che potevo avere rapporti liberi con mio marito..ma secondo lei è possibile? Io non so che devo fare! La ringrazio dottore.

[#4] dopo  
Dr. Nicola Blasi

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
BARI (BA)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Certo che esistono questi antibiotici
dott.Nicola Blasi
specialista in Ginecologia e Ostetricia. Patologia Cervico-vaginale e vulvare.

BARI

[#5] dopo  
Utente 365XXX

Gentilissimo dottore grazie per la sua risposta!
No, non mettevo in dubbio l'esistenza dell'antibiotico da lei citato, ci mancherebbe, dicevo solo che non è presente nel mio abg e di conseguenza non so se la mia dottoressa me lo potrà prescrivere. Cmq il bruciore è lieve e non costante, lo avverto pochis secondi durante la giornata..inoltre nel corso della notte non ho completamente nulla. Vorrei cortesemente avere un consiglio da lei..sulla base di ciò mi conviene ripetere il tampone lunedi prox e vedere se l ho debellato,oppure non ha senso perchè da questi lievi sintomi si capisce che non sono guarita del tutto e che quindi dovrei ripetere una nuova cura? La ringrazio tantissimo.

[#6] dopo  
Dr. Nicola Blasi

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
BARI (BA)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
meglio essere certi , e ripetiamo il tam,pone
dott.Nicola Blasi
specialista in Ginecologia e Ostetricia. Patologia Cervico-vaginale e vulvare.

BARI

[#7] dopo  
Utente 365XXX

Ok dottore allora lunedi eseguirò il tampone.
Se lo vorrà le farò sapere l'esito. Speriamo bene..oggi cmq non ho avuto nessun bruciore e l antibiotico l ho terminato giovedi scorso. Purtroppo, invece, continuo ad avere fastidi zona anale..in passato ho sofferto di emorroidi, ma dopo il raschiamento noto che è aumentato. Mi auguro non sia collegato con l'ureaplasma perchè a livello vulvare sento di essere guarita..lo spero!! Grazie di tutto gentilissimo dottore Blasi.

[#8] dopo  
Utente 365XXX

Gentilissimo dottore Blasi, ieri non sono andata a fare il tampone perchè venerdi mattina andando in bagno ho visto del muco filante, e cosi pensando di ovulare domenica ho avuto rapporti con mio marito.
Penso di aver debellato l ureaplasma perchè dopo la cura sono tornata a stare bene, non ho più bruciori, fastidi...nulla di nulla!! Pomeriggio però andando in bagno ho trovato delle perdite (pochissime) color caffelatte..ora mi chiedo..cosa possono essere?? Dottore secondo lei è l ureapladma? Ma io sto benissimo, sono ritornata a stare bene come i mesi passati..in ogni caso é mia intenzione ripetere il tampone fine sett. Dopo il raschiamento non è facile capire i segnali che ci manda il nostro corpo. Dottore per favore mi dica cosa possa essere secondo lei. Cordialmente.

[#9] dopo  
Dr. Nicola Blasi

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
BARI (BA)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Potrebbero essere legate ad alterazioni del pH vaginale, quindi dopo la terapia è bene assumere prodotti a base di bacilli di Doderlein
dott.Nicola Blasi
specialista in Ginecologia e Ostetricia. Patologia Cervico-vaginale e vulvare.

BARI

[#10] dopo  
Utente 365XXX

Gentile dottor Blasi, grazie infinite per la sua risposta.
Sto continuando ad assumere fermenti lattici per via orale, secondo lei devo assumerli per via vaginale? Lei dice che potrebbero essere alterazioni del ph vaginale, ma quindi ritiene che ci sia la possibilità di non guarigione dall'ureaplasma? O queste alterazioni possono esserci anche in assenza di infezioni? Io adesso sto bene, non ho più assolutamente bruciore, mai avuto prima se non in presenza dell ureaplasma, infatti per me non è stato asintomatico. Le dico anche che la scorsa sett ho eseguito l emocromo e i globuli bianchi erano normalissimi. Se avessi avuto un infezione in atto non li avrei avuti alti? Grazie di cuore dottore.

[#11] dopo  
Utente 365XXX

Dottore mi scusi, ho appena cercato su internet cosa siano i bacilli di doderlin...ok ho capito! Ma li posso prendere anche fino alla sera prima del tampone? O li devo sospendere tre giorni prima? Comunque sul referto del mio tampone vaginale c'è scritto presenza di lattobacilli..buono, no? Le alterazioni del ph possono esserci anche in assenza dell ureaplasma? Grazie mille dottor Blasi

[#12] dopo  
Dr. Nicola Blasi

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
BARI (BA)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
conviene sospendere tre giorni prima
dott.Nicola Blasi
specialista in Ginecologia e Ostetricia. Patologia Cervico-vaginale e vulvare.

BARI

[#13] dopo  
Utente 365XXX

Gentile dottore buon pomeriggio. Mi faccio risentire a distanza di tempo per dirle che alla fine, circa 20 giorni fa, ho eseguito il tampone endocervicale e per fortuna è tutto negativo. Dopo il raschiamento, tuttavia, i miei cicli sono sballati, con cicli abbastanza lunghi, 50 55 gg. Inoltre da ben tre ecografie transvaginali si è constatato che il mio endometrio è sempre spesso, circa 12 mm. Il mio ginecologo mi ha così prescritto lutenyl per 10 giorni e di attendere il prox ciclo fra una sett cosi da fare dei dosaggi ormanili in gg prestabiliti( alcuni li ho già fatti, ma non ero in un giorno particolare, ed erano apposto, forse gli estrogeni leggermente più alti e progester basso, ma non sapendo a che giorno fossi non lo so cosa pensare).il mio dottore ha detto che non ho nessun polipo, ma che dopo un aborto possono capitare degli scompensi ormonali. In questo momento, nonostante stia prendendo luteney, ho delle perdite color caffelatte, e durante la giornata mi capita di avvertire un leggero bruciore vulvare, oltre che un po di calore. Le chiedo, quindi: sono normali queste perdete? E questi fastidi? Le ricordo che il tampone è tutto negativo e ho pure i lattobacilli..il tutto può essere collegato sempre a questi scompensi ormonali? La prego dottore mi risponda...il mio ginecologo è in ferie e io sono troppo preoccupata. Cordialmente

[#14] dopo  
Dr. Nicola Blasi

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
BARI (BA)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Mi sembrano i sintomi di una vulvovaginite, ma è impossibile stabilire il tipo: candida, gardnerella, trichomonas, ect.....
dott.Nicola Blasi
specialista in Ginecologia e Ostetricia. Patologia Cervico-vaginale e vulvare.

BARI

[#15] dopo  
Utente 365XXX

Grazie mille dottor Blasi. Ma quindi secondo lei il tampone mi ha dato dei falsi negativi? Queste perdite non sono collegate a spotting o calo di progesteron e quindi scompensi ormonali? Le avevo anche prima del tampon cosi come a volte anche bruciore. Grazie di cuore dottore.

[#16] dopo  
Dr. Nicola Blasi

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
BARI (BA)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Questo non lo posso stabilire
dott.Nicola Blasi
specialista in Ginecologia e Ostetricia. Patologia Cervico-vaginale e vulvare.

BARI

[#17] dopo  
Utente 365XXX

Gentilissimo dottore, mi scusi se la disturbo ma sono molto preoccupata. Il mio ginecologo è ancora in ferie e non so se quello che mi sia accaduto sia normale. Dopo l'assunzione di lutenyl per 10 giorni (5mg) il ciclo mi è arrivato dopo 4 giorni..il punto è che il ciclo è abbondantissimo, e ieri mentre mi facevo la doccia improvvisamente mi è colato tantissimo sangue, tipo urina..mi sono spaventata tantissimo. È normale dottore? Le ricordo che a marzo ho avuto un raschiamento per aborto interno. Il primo ciclo mi è arrivato dopo 50 gg, il secondo dopo 55 e poi constatando che dalle ecografie transv il mio endometrio era sempre di 12 mm il mio ginecologo al 45° giorno mi ha prescritto lutenyl per 10 giorni.
Dottore è normale tutto questo sangue? È una cosa negativa o positiva? La ringrazio tantissimo, lei é sempre molto cordiale.

[#18] dopo  
Dr. Nicola Blasi

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
BARI (BA)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Perchè il LUTENYL? al massimo avrei prescritto una pillola dopo un raschiamento per un ritorno dell'endometrio alla fisiologica crescita.
SALUTI
dott.Nicola Blasi
specialista in Ginecologia e Ostetricia. Patologia Cervico-vaginale e vulvare.

BARI

[#19] dopo  
Utente 365XXX

Gentilissimo dottore Blasi grazie mille per la sua risposta e mi scusi se le scrivo adesso.
Le dico la veritá, prima sono stata seguita da un altro ginecoloco e purtroppo non mi sono trovata bene perchè si deve immaginare che dopo il raschiamento per lui andava bene solo una visita di controllo senza eco, per lui era tutto ok, quindi fuguriamoci per la pillola, mai e poi mai. Adesso ritengo di essere in buone mani, lo spero dottore, perchè mi creda sto passando un periodo molto difficile. Oggi ho ritirato le analisi fatte al 7 giorno, quelle del terzo non le ho potute fare perchè i laboratori erano in ferie. Dottore, potrebbe, gentilmente, darmi un parere su questi dosaggi dosaggi ormonali eseguiti al 7 giorno del ciclo?! La ringrazio di cuore.
Fsh. 4,40
fase follicolare 3.0-8.0

Prolattina 19,03
femmine 2.8-29.2 gravidanza 9.7-208.5 post menopausa 1.8-20.3

Lh 10,19
Fase follicolare 1.8-12.0

17-Beta estradiolo 53
Fase follicolare(-12) 11-69
Fase follicolare(-4) 63-165
Ho voluto fare anchw il dosaggio omocisteina 7,83 umol/l valori di rif 4.0-14.0
Dottore come sono i miei dosaggi? E l'omocisteina? Grazie infinite