Utente 385XXX
Buongiorno,
sono un ragazzo di 25 anni.
Una settimana prima che la mia ragazza avesse il ciclo abbiamo avuto un solo rapporto.
Abbiamo iniziato senza preservativo (poche "spinte", sicuramente meno di una decina) dopo di che ho messo il preservativo e al termine del rapporto sono venuto nel preservativo ma addirittura fuori dalla vagina, proprio perché lei, pur avendo la mia età, era al suo primo vero rapporto completo e non volevo avesse particolari preoccupazioni.
Oggi siamo al primo giorno di ritardo del ciclo (29mo giorno) e non ha ancora non solo il ciclo ma addirittura sintomi.
Vorrei sapere quali rischi abbiamo effettivamente corso considerando che è stato il primo ed unico rapporto. Perché io sto facendo di tutto per tranquillizzarla ma lei ci pensa e, sinceramente, sta mettendo anche me in uno stato di agitazione notevole.
Mi scuso. Credo che se il ritardo si prolungherà compreremo un test ma secondo lei c'è davvero motivo di preoccuparsi? Ringrazio cordialmente e anticipatamente.

[#1] dopo  
Dr. Nicola Blasi

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
BARI (BA)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
L'unica osservazione che faccio in questi casi è quella che a tutti gli effetti avete adottato come metodo il COITO INTERROTTO .
Questo perchè ha iniziato senza preservativo (pericolo liquido pre eiaculazione ) per poi indossarlo in un secondo momento (ERRORE) .
Non penso ad una gravidanza , ma a titolo cautelativo , in caso di notevole ritardo è preferibile eseguire un test di gravidanza.
SALUTONI
dott.Nicola Blasi
specialista in Ginecologia e Ostetricia. Patologia Cervico-vaginale e vulvare.

BARI

[#2] dopo  
Utente 385XXX

La ringrazio. Quello che vorrei specificare è che il preservativo l'ho utilizzato dopo quel solo minuto "scoperto", in cui non sono arrivato minimamente ad avere una sensazione di piacere riconducibile in alcun modo a eiaculazione.
Il rapporto protetto con preservativo è durato circa altri 15-20 minuti, prima di eiaculare con preservativo ma all'esterno della vagina.
Per questo motivo mi chiedo se davvero ci sia un rischio.
Ringrazio anticipatamente se intenderà ancora rispondere a seguito di queste ulteriori precisazioni.

Mi scuso per il disturbo

[#3] dopo  
Dr. Nicola Blasi

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
BARI (BA)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Io parlavo di liquido pre-eiaculatorio, non della vera e propria eiaculazione
dott.Nicola Blasi
specialista in Ginecologia e Ostetricia. Patologia Cervico-vaginale e vulvare.

BARI

[#4] dopo  
Utente 385XXX

Buonasera, alla fine il ciclo è arrivato al 32mo giorno. Volevo però "abusare" della Sua pazienza per un'ultima domanda. Premesso che consulteremo un medico delle nostre zone e di persona, credo che un ulteriore consulto non guasti. A Suo parere, da associare al preservativo, l'anello vaginale può essere effettivamente scomodo (la mia compagna teme questo) e quindi consiglierebbe di ricorrere a una pillola, oppure l'anello per efficacia e praticità è comunque non solo affidabile ma non crea fastidi fisici? Ringrazio anticipatamente

[#5] dopo  
Dr. Nicola Blasi

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
BARI (BA)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
L'anello non crea alcun problema, ma non ho compreso perchè associato al preservativo .
dott.Nicola Blasi
specialista in Ginecologia e Ostetricia. Patologia Cervico-vaginale e vulvare.

BARI