Utente 389XXX
Buongiorno Dottori,
vi spiego subito il mio problema. Premetto che:
-Assumo da 2 anni circa la pillola anticoncezionale Loette, prescrittami dalla ginecologa poichè avevo forti dolori durante il ciclo (anche con febbre) che ora sono spariti.
-A novembre 2014 mi è stata diagnosticata per la prima volta la Candida (non avevo mai avuto rapporti sessuali completi) e l'ho curata con Gyno-Canesten ed è scomparsa.
-Due mesi fa sono stata dalla ginecologa e mi è stata diagnosticata la leucorrea che ho curato con la crema Macmiror Complex (messa 3 sere di fila e poi basta) e anche la leucorrea è scomparsa.
-La scorsa settimana avevo un forte prurito intimo con perdite bianche/ trasparenti inodori. Ho messo di nuovo gyno-canesten (6 sere di fila), ma ieri sera avevo di nuovo un forte prurito e, controllando, ho notato due piccole palline sottopelle sulle grandi labbra, una a destra e una a sinistra. Questa mattina ne è comparsa un'altra sulle piccole labbra, a destra per la precisione.
Vado in piscina una volta a settimana e l'ultimo rapporto con il mio ragazzo è stato circa un paio di settimane fa (abbiamo usato il preservativo, tranne all'inizio che c'è stata una penetrazione senza per un paio di minuti. Altre volte l'abbiamo fatto senza preservativo, senza eiaculazione interna e non ho mai avuto problemi).
Ho chiamato la mia ginecologa per un'ulteriore visita e per un pap-test, ma dovrò aspettare due settimane poichè la prossima settimana avrò il ciclo e quella dopo ancora non c'era posto. Insomma andrò a fare il pap-test il 22 settembre.
Nel frattempo come mi devo comportare? Non so più che pensare e sono molto preoccupata.
Grazie mille in anticipo per la risposta.

[#1] dopo  
Dr. Nicola Blasi

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
BARI (BA)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Il prurito non è sempre un segno legato ad una infezione , ma potrebbe trattarsi di una vulvite allergica acuta, di una vulvite irritativa acuta.
Nella detersione intima è importante utilizzare acqua a temperatura ambiente, utilizzare detergenti a basso potere schiumogeno, con assenza di profumi, asciugare molto bene l'area genitale (l'umidità residua favorisce la proliferazione batterica o fungina,)
Saluti
dott.Nicola Blasi
specialista in Ginecologia e Ostetricia. Patologia Cervico-vaginale e vulvare.

BARI

[#2] dopo  
Utente 389XXX

Grazie mille Dottore per la risposta.
Aspetterò la visita dalla ginecologa e nel frattempo starò molto attenta all'igiene, anche se ho sempre utilizzato acqua tiepida e detergenti senza profumi.
Mentre attendo la visita posso utilizzare Vagisil? Almeno da placare un po' il prurito che alle volte è proprio insopportabile.
Saluti