Utente 390XXX
Buongiorno Dottori, volevo chiedervi un parere. Il mese scorso, dopo tutte le analisi e visite necessarie, ho iniziato ad usare nuvaring ma subito dai primi giorni ho iniziato ad avvertire un prurito esterno,rossore, gonfiore e dolore durante i rapporti. Il ginecologo, pensando fosse l'inizio di qualche infezione, mi ha dato allora due pillole di elazor e micostop ma non è cambiato nulla. Si era anche pensato fosse dovuto alle protezioni igieniche dato che ho avuto spotting per tutto il mese ma la situazione non è cambiata una volta tolte. Il fastidio è continuato portandomi anche secchezza e taglietti e, tornando dal dottore, mi ha dato il saginel gel. La situazione è rimasta invariata e il prurito durante la settimana da sospensione è aumentato e si è leggermente attenuato solo tra ieri e oggi. Domani dovrei inserire il nuovo anello ma non so che fare. Il prurito potrebbe dipendere dall'anello stesso o da qualche infezione (oltre all'elazor prescritto dal medico, di mia iniziativa ho applicato per tre giorni il gyno canesten)? Lei che mi consiglia? Il passaggio ad una pillola porterebbe lo stesso effetto? Domani devo reinserire il nuovo anello o meglio evitare?

[#1] dopo  
Dr. Nicola Blasi

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
BARI (BA)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Va sicuramente accertata la causa del prurito vulvare , non condivido l'assunzione di farmaci senza aver effettuato una DIAGNOSI , cioè un esame a fresco del fluor vaginale, una coltura di tampone vaginale.
Potrebbe trattarsi di una Vulvite irritativa da contatto legata all'uso di detergenti drastici e molto profumati, indumenti intimi sintetici e colorati, udo di assorbenti non di cotone (anallergici) .
L'anello vaginale in tutto questo non c'entra in quanto l'anello è costituito di materiale atossico e anallergico.
SALUTI
dott.Nicola Blasi
specialista in Ginecologia e Ostetricia. Patologia Cervico-vaginale e vulvare.

BARI