Utente 392XXX
Buongiorno, sono alla mia seconda gravidanza. La prima interrotta presumibilmente durante la 7 settimana per mancanza battito cardiaco dell'embrione e per beta hgc che crescevano poco.
Ultima mestruazione 9/8/2015, sono pertanto alla 7+6. Domenica scorsa mi sono recata in ospedale dopo aver avuto dei dolori forti durante la notte (assenza perdite ematiche) per fare la prima ecografia in PS. La dottoressa di turno mi ricovera per sospetta gravidanza extrauterina o uovo chiaro in quanto sostiene non ci sia embrione in utero e le beta sono aumentate poco (al 21.09 erano 7620 - al 27.09 erano circa 12 mila). Lunedì ho fatto la seconda ecografia e l'embrione risulta presente e con battito, le beta hgc mi dice il medico che sono aumentate poco (non ho i dati precisi) ma in due giorni sono aumentati di poco più di 1200 e sono arrivati a circa 13.700. Mi rimandano a casa per sospetto aborto in corso e dopo 3 gg ripeto l'ecografia: embrione 1,25 cm datato a 7+0 con battito regolare. Mi prescrivono cardioaspirina e punture di progesterone.
Alcuni dati delle mie analisi effettuate in gravidanza: MTHFR C667T mutazione in omozigori, MTHFR A1298C mutazione in eterozigosi. Omocisteina nella norma 8.5 (malgrado soffra abitualmente di iperomocisteina ma prendo prefolic 15 mg),Tempo di Protombina (INR)1,02; Antitrombina III 98, Fibrinogeno 429.TSH, FT3,FT4 nella norma. Vitamina B12 nella norma.
Sembrerebbe tutto a posto, ma a cosa può essere dovuto un aumento lento delle beta? Ci sono altre analisi che potrei richiedere al mio ginecologo per capire la ragione di tale incremento lento delle beta e per trovare una soluzione? Inutile dirvi quanto io e mio marito siamo in ansia in questi giorni. Vi ringrazio per la consulenza, saluti.

[#1] dopo  
Prof. Ivanoe Santoro

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
4% attualità
16% socialità
SOLOFRA (AV)
MERCATO SAN SEVERINO (SA)
FIRENZE (FI)

Rank MI+ 68
Iscritto dal 2007
Il tipico rapporto che vede il raddoppio delle beta ogni 3 giorni, si perde per valori di beta a partire da 5000 a 7000.
Per questo, quindi: nessun problema.
Importante, ora, è il monitoraggio ecografico e clinico.
Le terapie vanno bene impostate avendo Lei una mutazione che incide (a quanto sembra di capire) sui livelli di omocisteina, se non adeguatamente trattata.

Saluti.
Prof.Dr.Ivanoe Santoro
Spec.Ostetrico/Ginecologo
Resp. UOS di P.S.OST/GIN e Med.Perinatale Ospedale di Solofra(AV) Prof. Anatomia Umana Univ. Napoli