Utente 406XXX
Buongiorno,
in data 19/02 ho ritirato degli esami delle urine nei quali si evidenziava una carica batterica di 1496 e altri valori che hanno indotto l'uso di antibiotico per 7 giorni.
Terminato antibiotico ho aspettato ed ho fatto eseguire antibiogramma risultato negativo.
Nel frattempo mi sono tornati i dolori al basso ventre e perdite vaginali.
Mi sono spesso lamentata con il mio ginecologo di questi dolori, ma facendo ecografie interne, non è mai risultato nulla di anomalo.
Cosa posso fare? Sono nei "premi" ogni due per tre e dai dolorini e fastidi vari mi sembra sempre di essere in preparazione per il mestruo.
È avvilente e sta cominciando a crearmi problemi anche alla normale attività sessuale😗.... mi dareste qualche suggerimento? Grazie

[#1] dopo  
Dr. Nicola Blasi

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
BARI (BA)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Escluderei una endometriosi con dosaggio del Ca125,,a volte i dolori pelvici sono causati da questa patologia.
Altra possibilità potrebbe una MALATTIA INFIAMMATORIA PELVICA (PID) e in questi casi bisogna escludere una infezione da Clamidia,gonococco o micoplasmi. Con esecuzione di coltura di tampone cervicale
Saluti
dott.Nicola Blasi
specialista in Ginecologia e Ostetricia. Patologia Cervico-vaginale e vulvare.

BARI

[#2] dopo  
Utente 406XXX

Buonasera, grazie per il consulto.
Devo precisare che già in novembre ho dovuto fare il tampone cervicale perché ed è venuta fuori la gardenella, curata con pastiglie prese sia da me che da mio marito.
Avrei forse dovuto richiedere un tampone di verifica dopo qualche settimana?
Può essere che avendo ricominciato a frequentare la piscina sia infastidita dal cloro o qualche altro "agente esterno"?
Cmq in settimana cercherò di rivedere ginecologo.
Grazie