Utente 413XXX
Buongiorno,
sono una donna di 24 anni a cui, negli ultimi tre mesi, si verifica dello spotting anche abbondante circa 10 giorni prima della comparsa delle mestruazioni vere e proprie.
Premetto che ho assunto la pillola anticoncezionale dai 18 ai 21 anni, successivamente ho fatto una pausa di due anni e infine l'avevo ripresa (sempre la stessa pillola, Estinette) a novembre 2015. Qualche mese dopo, tuttavia, a febbraio 2016, l'ho sospesa poiché mi procurava tensione al seno.
Da marzo 2016 mi è appunto comparso lo spotting premestruale, che diventa davvero abbondante durante e dopo i rapporti sessuali. Non sento alcun tipo di dolore e le mestruazioni mi arrivano regolarmente, però io ed il mio fidanzato ci siamo spaventati.
Ho eseguito il PAP-test, negativo, e ho fatto una visita ginecologica accurata con ecografia: la dottoressa mi ha detto che sono "perfettamente sincronizzata con il ciclo mestruale" (sue testuali parole) e che sono in salute, solamente con genitali esterni e vagina lievemente iperemici. Mi ha consigliato quindi di aspettare qualche mese per vedere se lo spotting passa da solo, altrimenti bisognerebbe valutare di assumere di nuovo una pillola anticoncezionale. Tuttavia non ha saputo darmi una spiegazione della comparsa di questo fenomeno... Secondo lei cosa potrebbe essere?
La ringrazio in anticipo

[#1] dopo  
Dr. Floriano Petrone

24% attività
20% attualità
12% socialità
MILANO (MI)

Rank MI+ 56
Iscritto dal 2016
Prenota una visita specialistica
Le cause di spotting possono essere tante . Con la visita ed in particolare, con l'introduzione dello speculum si deve escludere la presenza di un ectropion cioè la classica piaghetta sul collo dell utero oppure la presenza di un polipo del canale cervicale. L'esame ecografo ci permette di valutare l'anatomia funzionale delle ovaie e valutare l'endometrio, individuare eventuali miomi uterini. Il pap test esclude un sanguinamento di interesse oncologico. Ma ciò non basta , ai fini di una diagnosi di spotting , occorre fare anche degli esami ormonali con cadenza settimanale e a giudizio del curante, anche una isteroscopia, questo esame evidenzierà la presenza di polipi interni al canale cervicale non visibili allo speculum e
La presenza di polipi o miomi intra cavitari uterini.
Dr. Floriano Petrone Chirurgo Ginecologo, Centro Medico Iknos, Milano 347 8330868