Utente 259XXX
Buonasera. Scrivo perché sono molto preoccupata a causa di un ritardo molto consistente del ciclo mestruale: oggi sono a quello che dovrebbe essere il mio 65esimo giorno di ciclo, dato che da più di due mesi a questa parte non ho più le mestruazioni. Nel sospetto di ovaio policistico, ho fatto una ecografia pelvica due o tre settimane fa, che si è rivelata inutile perché, stando a quanto mi hanno detto, non era possibile capire se i follicoli osservati fossero per l'appunto follicoli dati da una specifica fase del ciclo oppure cisti ovariche. Dopo di che, pur avendo sempre usato il preservativo, ho fatto un test di gravidanza che si è rivelato negativo (poco più di una settimana fa). Allora sono andata a fare una ecografia transvaginale (proprio qualche giorno fa), In seguito alla quale mi è stato detto che ho le "ovaie multifollicolari", e che è normale osservare questi ritardi nel ciclo nel mio caso. Effettivamente qualche mese fa avevo avuto una situazione analoga, con ritardo di molti giorni (ma comunque inferiore a un mese) e flusso scarso, ma non si erano mai raggiunti questi livelli. Ad ogni modo, il medico che mi ha fatto l'ecografia transvaginale e mi ha diagnosticato questo "disturbo", se così può chiamarsi, mi ha consigliato di prendere la pillola per regolarizzare le mestruazioni, sostenendo che questa possa essere assunta anche da subito (senza dover aspettare l'inizio o la fine del ciclo) e, cosa che mi ha lasciato ancor più basita, senza dovermi sottoporre ad alcun tipo di esame del sangue prima. Per questa motivazione non mi fido molto del ginecologo in questione, e chiedo a voi un parere: cosa potrei fare a questo punto? Fissare un appuntamento da un altro ginecologo? Iniziare a considerare la dieta che faccio come possibile concausa del forte ritardo (assumo circa 1200 kcal al giorno, ma non è la prima volta che lo faccio per un periodo e non avevo mai avuto questi ritardi). Infine, considerando l'ecografia pelvica, il test negativo (fatto già con due mesi di ritardo, quindi dovrebbe essere piuttosto affidabile) e l'ecografia transvaginale, posso considerarmi sicura di non avere una gravidanza in corso, o mi conviene fare anche l'esame delle beta hcg? Non ho sintomi convenzionali da donna incinta, ho sempre usato il preservativo, e, come già detto, il test è risultato negativo. Credo che i medici che mi hanno fatto le due ecografie sarebbero stati in grado di notare la presenza di qualcosa a questo punto, o mi sbaglio? Ringrazio per l'attenzione.

[#1] dopo  
Dr. Valentina Mauro

20% attività
4% attualità
0% socialità
GRAN BRETAGNA (UK)

Rank MI+ 24
Iscritto dal 2016
Gentile utente,
Grazie per aver mandato i dettagli delle Sue ecografie. Purtroppoprima di completare il consulto devo farLe ulteriori domande.
Ha mai fatto degli esami ormonali?
Il Suo BMI va benissimo. Perche' assume cosi poche calorie?
Pratica anche dello Sport o esercitaun'attivita' fisica cospicua? Questo infatti insieme ad una dieta ipocalorica puo' causare delle anomalie ormonali, responsabili di un potenziale ritardo.
Rimango a Sua disposizione,
Cordiali Saluti
Dr. Valentina Mauro