Utente 415XXX
Salve, ho 61 anni e ho fatto una cura per la candida per due settimane con triasporin (1 pasticca al giorno per 14 giorni) e crema vaginale pevaryl. Durante il corso della cura sono stata benissimo e appena sospesa sono ricominciati i disturbi. Bruciori, doloretti in basso ma soprattutto mal di schiena all'altezza dei reni. Premetto che non ho rapporti sessuali e la candida mi è stata diagnosticata dal mio ginecologo. L'ho contattato telefonicamente perché è in vacanza e tornerà solamente tra un mese e mi ha detto che evidentemente la cura è stata troppo blanda e di continuarla per un mese ma cambiare la crema con gli ovuli Finderm forte. Quindi ovuli e triasporin, 1 pasticca al gg per 30 gg. Nel bugiardino delle pillole c'è scritto che la cura andrebbe fatta solo per 3 giorni, un mese non è troppo? Non vorrei si fosse sbagliato, al telefono è stato molto frettoloso. Non è la prima volta che ho la candida e mi viene in forti periodi di stress, come quello che sto passando ora.
grazie infinite

[#1] dopo  
Dr. Cesare Gentili

28% attività
20% attualità
12% socialità
CARRARA (MS)
VIAREGGIO (LU)
PISA (PI)

Rank MI+ 60
Iscritto dal 2008
La micosi vaginale in menopausa ė poco frequente in quanto le condizioni locali sono poco favorevoli allo sviluppo della candida. Le suggerirei prima di intraprendere altre terapie di effettuare un esame colturale del secreto vaginale per verificare l'effettiva presenza dell' agente infettivo
Dr. Cesare  Gentili
www.cesaregentili.it

[#2] dopo  
Utente 415XXX

Grazie infinite per la sua risposta dott. Gentili. Intende un tampone vaginale quindi? Nei giorni in cui ho fatto la cura e ho preso triasporin, sono stata benissimo, farebbero effetto anche in caso di non candida?

[#3] dopo  
Dr. Cesare Gentili

28% attività
20% attualità
12% socialità
CARRARA (MS)
VIAREGGIO (LU)
PISA (PI)

Rank MI+ 60
Iscritto dal 2008
Può darsi che sia stata candida e che invece il bruciore successivo anzichè a una recidiva sia legato invece ad una vaginite batterica non micotica.
Per questo le suggerisco di verificare di volta in volta con un tampone
Dr. Cesare  Gentili
www.cesaregentili.it

[#4] dopo  
Utente 415XXX

Allora farò subito un tampone, più che bruciori il vero fastidio per me é il dolore ai reni. É normale averlo così forte in caso di infezioni vaginali e candida? Il medico mi ha anche fatto fare l'esame delle urine ma a parte una leggerissima presenza di sangue erano a posto.

[#5] dopo  
Dr. Cesare Gentili

28% attività
20% attualità
12% socialità
CARRARA (MS)
VIAREGGIO (LU)
PISA (PI)

Rank MI+ 60
Iscritto dal 2008
Il dolore ai reni non rientra tra i sintomi generati da candidosi vaginale nè di vaginiti batteriche aspecifiche
Dr. Cesare  Gentili
www.cesaregentili.it

[#6] dopo  
Utente 415XXX

Gent.mo dott. Gentili, ogni episodio di candida mi ha sempre dato dolore forte ai reni, la riconoscevo da quello. Comunque ho ritirato il tampone vaginale ed è candida anche stavolta. Inizio la cura che mi ha prescritto il ginecologo e quindi un mese di triasporin?
Grazie infinite per la disponibilità

[#7] dopo  
Dr. Cesare Gentili

28% attività
20% attualità
12% socialità
CARRARA (MS)
VIAREGGIO (LU)
PISA (PI)

Rank MI+ 60
Iscritto dal 2008
Mi dispiace, probabilmente la cura è stata solo parzialmente efficace. Le indicazioni sono per un nuovo trattamento antimicotico.
Riguardo al tipo di farmaci e ai piani terapeutici da usare (tempi di prescrizione, dosi, vie di somministrazione) è essenziale la conoscenza e l'approccio clinico con il paziente che ovviamente la consulenza on line non può dare.
Le consiglio dunque di rivolgersi al suo ginecologo
Dr. Cesare  Gentili
www.cesaregentili.it