Utente 227XXX
Buongiorno, mia moglie, da poco in menopausa, 51 anni, 2 parti naturali, in buona salute, salvo qualche problema di circolo venoso agli arti inferiori, presenta, all'ultima visita ginecologica, un prolasso uterino. Le viene proposto il pessario che indossa ma non tollera in modo soddisfacente. Vorrei gentilmente chiedere quali altre opzioni terapeutiche, poichè le è stata prospettata l'isterectomia, che risolverebbe il problema, ma forse non escluderebbe conseguenze tipo cedimento della parete pelvica e successivo prolasso della vescica e del retto. Ci sono interventi di sostegno o ricostruzione o altri presìdi che possano prevenire od ovviare a quaesti inconvenienti?
Grazie e cordiali saluti

[#1] dopo  
Dr. Nicola Blasi

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
BARI (BA)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Alternativa potrebbe essere un intervento per via LAPAROSCOPICA , che ha lo scopo di riportare il corpo uterino nelle sue pregresse posizioni anatomiche , difficile da spiegare tecnicamente, ma sicuramente non comporta la ISTERECTOMIA, ma soltanto un riposizionamento della vescica e corpo uterino.
SALUTI
dott.Nicola Blasi
specialista in Ginecologia e Ostetricia. Patologia Cervico-vaginale e vulvare.

BARI

[#2] dopo  
Utente 227XXX

Grazie. E' dato sapere la percentuale di successo e ci sono centri specializzati in questo tipo di intervento?