Utente 190XXX
Buongiorno, mia moglie è alla nona settimana di gestazione e il ginecologo ci ha consigliato di eseguire il bitest (ce lo faranno fare alla settimana 12) e volendo anche un test harmony dicendoci che è la stessa cosa ma con probabilità di risultato maggiori. Abbiamo visto che in realtà esistono anche altri test su dna fetale che però sembrano comprendere più malattie nello screening rispetto all'harmony. E' vero?
Non sarebbe allora meglio direttamente effettuare un test più completo? Il fatto che solo alcuni centri privati in Italia se non addirittura all'estero effettuano questi test rende tutto meno "trasparente" rispetto al convenzionale bitest. Ultima domanda: ma se il test avviene sul dbna fetale, non dovremmo avere una "certezza" del risultato? Quali sono le ragioni per cui si parla di probabilità (seppur al 98/99%)? Grazie per le delucidazioni che vorrete darmi. Un cordiale saluto

[#1] dopo  
Dr. Nicola Blasi

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
BARI (BA)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Differenza sostanziale tra il BITEST è il test sul DNA fetale ( harmony) sta nel fatto che il primo è un test di screening, il secondo è un test diagnostico, per questo motivo non paragonabili.
La differenza tra i vari test sul DNA fetale sta nella quantità di DNA fetale recuperato nel sangue materno, nella specificità e sensibilità dei vari test.
Saluti
dott.Nicola Blasi
specialista in Ginecologia e Ostetricia. Patologia Cervico-vaginale e vulvare.

BARI