Utente 491XXX
caro dottore le spiego la mia situazione.. ad agosto rimango incinta per la prima volta ma purtroppo si tratta di uovo chiaro subisco quindi un raschiamento..dopo i 3 cicli a dicembre rimango nuovamente incinta e arrivo fino alla 15 settimana di gravidanza.. il bimbo cresceva bene e non c'era nessun problema.. per precauzione mi sono riguardare per tutti i mesi rimanendo a letto ma all' improvviso il sacco amniotico fuoriesce integro e inizia l emorragia.. arrivo in ospedale e il mio piccolo era ancora in utero con battito debole privo di liquido..collo dell' utero chiuso..mi e stato detto causa naturale.. giorno dopo raschiamento.. ad oggi dopo quasi 40 gg niente ciclo.. mi chiedo ci sono esami specifici per capire cosa sia successo? come posso affrontare una futura gravidanza per portarla a termine?

[#1] dopo  
Dr.ssa Valentina Pontello

52% attività
12% attualità
20% socialità
FIRENZE (FI)

Rank MI+ 84
Iscritto dal 2007
Gentile Signora,

mi dispiace molto per la perdita del suo piccino.
La maggioranza di aborti tardivi, secondo le modalità che lei descrive, sono legati a fattori infiammatori e infettivi. In ogni caso, ulteriori informazioni si possono avere dall'esame placentare, ed è opportuno fare uno screening approfondito (autoanticorpi, esami coagulazione con genetica, etc.) per capire se ci sono state delle concause (oltre ovviamente ai tamponi, che comunque ora verrebbero quasi sicuramente negativi).
Le segnalo anche l'associazione CIAOLAPO, con cui collaboro, che si occupa di sostegno nel lutto perinatale.

Mi tenga aggiornata se vuole.
Dr.ssa Valentina Pontello
www.medicinamaternofetale.it
Sostiene CiaoLapo e Associazione Progetto Endometriosi

[#2] dopo  
Utente 491XXX

grazie mille per il suo consulto.. secondo lei può influire su una futura gravidanza? comunque la terrò aggiornata.. grazie ancora

[#3] dopo  
Dr.ssa Valentina Pontello

52% attività
12% attualità
20% socialità
FIRENZE (FI)

Rank MI+ 84
Iscritto dal 2007
In tutta probabilità, una futura gravidanza andrà bene, ma è importante avere qualche accortezza in più, visto il caso precedente.
Le faccio i miei migliori auguri per il suo futuro.
Dr.ssa Valentina Pontello
www.medicinamaternofetale.it
Sostiene CiaoLapo e Associazione Progetto Endometriosi