Utente 428XXX
Gentilissimi dottori,
Vi chiedo lumi in merito ad un dubbio. Mi sottopongo annualmente a visita ed eco dal mio ginecologo di fiducia, il quale da un paio di anni ha segnalato nei referti una disomogeneità per fibrosi diffusa. L’ultima visita l’ho fatta però da altro specialista, poiché fuori sede per lavoro. Quest’ultimo mi ha segnalato la presenza di piccoli noduli che però non ha misurato poiché molto piccoli, e mi ha refertato come nella norma per età. Non comprendo se le due diagnosi siano sostanzialmente compatibili o meno... potreste aiutarmi a comprendere?
Vi ringrazio per quanto farete

[#1] dopo  
Dr.ssa Vincenza De Falco

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2009
Buongiorno,
Immagino che lei si riferisca ai risultati di un'ecografia pelvica.
La fibromatosi diffusa è un processo che riguarda tutto l'utero, che si può verificare nella maggior parte delle donne con il passare degli anni.
I noduli o fibromi o miomi uterini sono invece delle formazioni singole o multiple che si possono riscontrare nell'utero, a seconda della localizzazione possono essere sottomucosi, intramurali e sottosierosi.
In un utero che si presenta ecograficamente caratterizzato da fibromatosi diffusa è possibile riscontrare anche la presenza di fibromi.
Sono due condizioni benigne.
In caso di fibromi dovrebbe essere specificata la sede e le dimensioni, per poterli monitorare nel tempo, valutare se si modificano e se tendono a crescere.

Mi auguro di essere stata chiara e spero di averla aiutata.

Un caro saluto.
Dott.ssa Vincenza De Falco, Ginecologa, Roma
www.menopausaserena.altervista.org

[#2] dopo  
Utente 428XXX

Per la precisione, dottoressa, ho eseguito eco pelvica ed eco transvaginale, i noduli sono stati evidenziati da quest’ultima. Data l’importanza che deduco sulla precisa descrizione dei reperti, ritiene che io possa aspettare il prossimo controllo annuale date le piccole dimensioni, o mi consiglia altra visita con esplicita richiesta di una accurata refertazione?
Grazie mille per la chiarezza e gentilezza

[#3] dopo  
Dr.ssa Vincenza De Falco

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2009
Il mio consiglio è quello di riferire il tutto al ginecologo che la segue abitualmente, che la conosce da tempo ed è al corrente della sua storia clinica, per decidere se è il caso di ripetere fra qualche mese un'ecografia per ricontrollare e misurare questi piccoli fibromi.

Stia comunque serena.

Buona serata
Dott.ssa Vincenza De Falco, Ginecologa, Roma
www.menopausaserena.altervista.org