Utente
Salve gentilissimi medici..
Scrivo a voi per un consulto su una sintomatologia con cui convivo da parecchio tempo,ma che negli ultimi due anni si presenta sempre più marcata ed invalidante! Da anni soffro di disturbi gastrici quali dolori e tensioni addominali,gonfiori,acidità, nausea e costipazione.. ho eseguito diverse volte gastroscopia,colonscopia e rmn e nn è mai emerso nulla di patologico se nn gastrite cronica e sindrome del colon irritabile! Negli ultimi due anni il sintomo gas intestinale è diventato anomalo.. troppo eccessivo.. a tal punto da provocarmi problemi di equilibrio (sensazione giri di testa), aritmie ed extrasistole e facili tachicardie anche con minimi movimenti ( i controlli cardiologici sono ok).. forti coliche.. frequenti nausea.. senso di pienezza e pesantezza anche a stomaco vuoto (mi sazio con pochissimo).. eruttazioni continue.. difficoltà digestive.. difficoltà di flatulenza e costipazione e soffro spesso di sudorazioni notturne anche a basse temperature! Oltre questo ho spesso mal di schiena e in special modo la mattina mi sveglio cn un dolore alla zona lombare tale da aver difficoltà anche a rigirarmi nel letto... noto inoltre un rigonfiamento del basso ventre costante! Il tutto si aggrava nel periodo premestruale ed inizia già 10/15 giorno prima del ciclo.. e sto così male al punto da sentirmi quasi depressa a causa soprattutto dell'abnorme presenza di gas intestinale oltre agli altri sintomi tipici di irritabilità, nervosismo,cefalea e gonfiore generale! Per anni ho sempre imputato questi sintomi gastrici ad una patologia dell'intestino.. ma dopo ripetuti esami ho potuto appurare che nn ho nulla di patologico a riguardo! Documentandomi però ho potuto riscontrare delle similitudini della mia sintomatologia con quella del cancro alle ovaie e mi è sorto il dubbio che potrei esserne affetta! Gradirei un vostro parere a riguardo ringraziandovi anticipatamente! Chiedo inoltre se basterebbe una semplice ecografia transaddominale per diagnosticarlo in quanto nn posso eseguire quella transvaginale! Attendo un vostro parere che spero di ricevere il prima possibile.. grazie ancora!

[#1]  
Dr. Nicola Blasi

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
BARI (BA)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
E' importante partire almeno da una tumefazione ovarica, che si evidenzia anche con una ecografia transaddominale , con RMN (che ha già eseguito).
Mi sembra eccessivo ricorrere al dosaggio dell' HE4 e del CA125 , senza un substrato clinico e anamnestico familiare .
(familiarità stretta con tumori dell'ovaio BRCA1 e BRCA2 positivi).
SALUTONI
dott.Nicola Blasi
specialista in Ginecologia e Ostetricia. Patologia Cervico-vaginale e vulvare.

BARI

[#2] dopo  
Utente
la rmn l'ho fatta per esaminare l'intestino tenue.. ma quindi cn la stessa allo stesso tempo vengono esaminate anche le ovaie? C'è da dire anche che dalla prima rmn senza contrasto si evinceva un'alterazione riconducibile a malattia cronica intestinale per cui ho dovuto rifarla dopo 3 mesi cn contrasto ma questa volta cm per magia nn è stata riscontrata più nessuna alterazione... il che mi ha molto sorpresa.. come è possibile che senza il contrasto si veda qualcosa che cn il contrasto poi nn si vede più?

[#3] dopo  
Utente
è possibile cioè che l'alterazione riguardasse le ovaie e dopo nn si sia più vista perché lo studio era mirato al tenue? In effetti l'alterazione era in corrispondenza del basso ventre a sinistra.. dove tra l'altro ad occhio nudo mi sembra anche di notare un rigonfiamento!
Grazie infinite cmq della celere risposta..

[#4]  
Dr. Nicola Blasi

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
BARI (BA)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Se non è convinta deve eseguire una RMN della pelvi
dott.Nicola Blasi
specialista in Ginecologia e Ostetricia. Patologia Cervico-vaginale e vulvare.

BARI

[#5] dopo  
Utente
Quindi l'ecografia transaddominale non sarebbe sufficiente? A suo parere in base ai sintomi che ho descritto si può pensare ad un tumore alle ovaie?
Potrei chiederle anche un parere sui risultati della rmn? Secondo lei è possibile che un'alterazione visibile senza contrasto nn sia più visibile con il contrasto? Cosa potrebbe spiegare questa cosa? Mi scuso per le molteplici domande.. le sarei grata immensamente se potesse darmi un parere su questi tre miei dubbi!