Utente 374XXX
Cari dottori, sono una ragazza di 28 anni e sono alla settima settimana di gravidanza. Tuttavia, alla mia prima ecografia(5 sett.) il ginecologo si è accorto di una forte infiammazione all'utero che avrebbe potuto ostacolare lo sviluppo dell'embrione. Ho avuto,inoltre, fin dall'inizio delle forti e frequenti contrazioni, che però grazie al riposo forzato sono quasi sparite del tutto.Mi ha prescritto così la cura di progesterone da prendere per 4 settimane e le analisi del betahcg per tre volte. Queste da 1563 sono arrivate a 14900, per cui il gin. mi ha tranquillizzato. Tuttavia alla seconda ecografia, fatta a distanza di una settimana dalla prima mi ha detto che ancora il battito non si sentiva e quindi l'ovulazione sarebbe avvenuta più tardi. Mi ha detto così che le settimane precise di gestazione le avrebbe conosciute due settimane dopo. Secondo voi posso stare tranquilla? Volevo poi aggiungere che fin dall'inizio della gravidanza ho avuto decimi di febbre, ma ogni tanto sale anche a 37,5 ( la mia temperatura usuale è di 36,5) specie di pomeriggio-sera. Da cosa può dipendere? Le analisi sono normali.
Grazie per la vostra cortese disponibilità.

[#1] dopo  
Dr. Nicola Blasi

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
BARI (BA)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Segua le indicazioni del Collega.
La temperatura di una donna gravida è un pò più alta.
Magari esegua una URINOCOLTURA per eliminare il dubbio di una CISTITE asintomatica.
dott.Nicola Blasi
specialista in Ginecologia e Ostetricia. Patologia Cervico-vaginale e vulvare.

BARI

[#2] dopo  
Utente 374XXX

Grazie tante, le farò sapere come procede.

[#3] dopo  
Dr. Nicola Blasi

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
BARI (BA)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
GRAZIE
dott.Nicola Blasi
specialista in Ginecologia e Ostetricia. Patologia Cervico-vaginale e vulvare.

BARI

[#4] dopo  
Utente 374XXX

Caro dott. Blasi vorrei chiederle se l'infiammazione all'utero e i due fibromi (uno all'interno di 14 mm, l'altro all'esterno dell'utero)possano interferire con la gravidanza o con il parto ( cesareo o naturale o precoce).
Grazie tante.

[#5] dopo  
Dr. Nicola Blasi

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
BARI (BA)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Se localizzati al di fuori della cavità uterina i fibromi non dovrebbero creare problemi.
dott.Nicola Blasi
specialista in Ginecologia e Ostetricia. Patologia Cervico-vaginale e vulvare.

BARI

[#6] dopo  
Utente 374XXX

Caro dott.Blasi, grazie per la sua pronta risposta e mi scusi se insisto, ma quindi, a quanto ho dedotto dalla sua risposta è il fibroma interno all'utero che potrebbe crearmi dei problemi. Ma all'andamento della gravidanza o al parto? E in che modo?
Grazie

[#7] dopo  
Dr. Nicola Blasi

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
BARI (BA)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Se non ostacolano l'orifizio uterino interno,si può pensare ad un parto vaginale,ma sono valutazioni che si fanno verso il termine di gravidanza.
dott.Nicola Blasi
specialista in Ginecologia e Ostetricia. Patologia Cervico-vaginale e vulvare.

BARI

[#8] dopo  
Utente 374XXX

La ringrazio tanto,a più presto.

[#9] dopo  
Utente 374XXX

Caro dottore ho eseguito l'urinocoltura ed è risultato: sviluppo batterico presente, sviluppo micetico assente, identificazione escherichia coli, conta colonie 500.000.
Ho richiesto l'antibiogramma per l'antibiotico da assumere. Volevo sapere di cosa si tratta e se la gravidanza è a rishio. Volevo aggiungere che continuo ad avere brividi di freddo,debolezza, temperatura tra 37,2- 37,4, sporadici dolori alla pancia tipo spasmi molto forti, specie di notte e feci strane, tipo pastose-mucose a volte diarrea.Secondo lei è tutto connesso? Premetto che non ho alcun disturbo quando urino.Ora sono a metà della settima settimana.
La ringrazio tanto.

[#10] dopo  
Dr. Nicola Blasi

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
BARI (BA)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
L'urinocoltura è negativa.
Dovremmo pensare ad una infezione intestinale.
dott.Nicola Blasi
specialista in Ginecologia e Ostetricia. Patologia Cervico-vaginale e vulvare.

BARI

[#11] dopo  
Utente 374XXX

Caro dottore dall'antibiogramma risultano antibiotici troppo forti che mi hanno detto di non poter prendere. Secondo lei come posso fare? e che conseguenze possono esserci?Grazie.

[#12] dopo  
Dr. Nicola Blasi

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
BARI (BA)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Ci sono antibiotici che si possono assumere in gravidanza,vedi AMPICILLINA,AMOXICILLINA,Varie CEFALOSPORINE.
dott.Nicola Blasi
specialista in Ginecologia e Ostetricia. Patologia Cervico-vaginale e vulvare.

BARI

[#13] dopo  
Utente 374XXX

Carissimi Dottori, sono arrivata alla 14+4 settimana di gravidanza, ma ci sono dei problemucci. A causa di un mioma intramurale di 2 cm., già individuato all'inizio della gravidanza delle stesse dimensioni, ho avuto delle contrazioni per cui il mio gin.,che già all'ultima visita mi ha detto di avere l'utero troppo contratto, mi ha raccomandato di stare a letto e di eseguire questa cura: spasmex supposte 2 volte al dì, ovuli progesterone, vasosuprina retard,il tutto per 4 settimane. Preciso che questi farmaci mi stanno gonfiando tanto oltre che mi procurano pressione bassa e nausea tremenda. Secondo voi basterà questa cura a farmi riprendere una vita "normale" o mi tocca stare a letto per gli altri 5 mesi? è già passata una settimana e appena passa l'effetto dell'antispastico mi tornano i dolori. Se condo voi a cura finita mi sgonfierò? Dal tampone vaginale è anche risultata una candida albicans, per cui ho fatto una cura di cui ancora devo verificare l'effetto, potrebbe l'infezione provocare dei danni al bambino?Un'ultima domanda:secondo voi ci sono alte probabilità a causa di queto mioma di partorire col cesareo?(ho un altro mioma all'esterno dell'utero sempre di piccole dimensioni). Grazie della vostra cortese attenzione.

[#14] dopo  
Dr. Nicola Blasi

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
BARI (BA)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
La vaginite micotica non procura danni al feto e al neonato.
Per quanto riguarda il TC dipende dalla localizzaziome del fibromioma.
dott.Nicola Blasi
specialista in Ginecologia e Ostetricia. Patologia Cervico-vaginale e vulvare.

BARI