Utente
Ho 22 anni, seguo un'alimentazione abbastanza equilibrata e ho una buona igiene personale.

Da qualche tempo, inizio a soffrire di un prurito fortissimo, un prurito misto a bruciore... e noto che alla vulva c'è rossore e come una sostanza biancastra attorno.
Il medico mi ha detto che si tratta di candida e mi sono sempre curata col diflucan, ma non riesco a capire perché questa infezione continua a ripresentarsi, tra l'altro questa volta sembra non andar via nemmeno con il medicinale che ho sempre usato, perché dopo due giorni ho ancora tutti i sintomi (e la cura è di due compresse)... non ce la faccio più

[#1]  
Dr.ssa Daniela Pelotti

24% attività
8% attualità
12% socialità
ABBADIA CERRETO (MI)

Rank MI+ 44
Iscritto dal 2016
Prenota una visita specialistica
Carissima tutti i problemi uroginecologici dipendono dall’intestino:l’intestino occupa tutto l’addome e quindi, in condizione patologiche, può influenzare la salute degli apparati urologico e riproduttivo, la massa batterica intestinale, non perfettamente isolata dagli ambienti circostanti a causa dell’infiammazione della parete dell’alvo, può aggredire la vescica e la vagina; inutile rimediare con una terapia se non si elimina la causa! La candida fa parte del bioma intestinale, ovvero è presente all’interno dell’intestino tenue suo habitat ideale fin dalla nascita. Come le specie di altri batteri o microrganismi che compongono la nostra flora intestinale, la presenza della Candida albicans aiuta a prevenire i possibili danni che eventuali patogeni, virus, miceti o altri batteri, potrebbero arrecare al nostro organismo. Un MICROBIOMA batterico sano e una giusta peristalsi intestinale garantiscono un ottimale funzionamento del nostro intestino. Nel momento in cui vi è una compromissione della flora batterica, la barriera intestinale non funziona più come dovrebbe, diventa permeabile e i miceti (funghi) presenti normalmente iniziano a proliferare, e possono invadere altri distretti dell’organismo, come appunto la vagina. Certamente, quando la candidosi è conclamata, è necessario ricorrere a farmaci antifungini, ma per migliorare lo stato di salute complessivo ed evitare le recidive si può seguire una dieta d’urto anti-Candida:
eliminare zuccheri raffinati, glutine, mieli, dolcificanti industriali, ma anche carboidrati lievitati come pane, pizza, brioche,
Dr.ssa Daniela  Pelotti