Utente
Buongiorno,
Vi scrivo per chiedervi un consulto sulla mia storia clinica.

Ho avuto il primo risultato alterato al pap test nel 2018 con risultato di ASC-H, da quel momento ha preso avvio tutta la serie di accertamenti che mi hanno poi portata ad effettuare una conizzazione LEEP nel gennaio del 2019 per un CIN2/3.
Dopo la conizzazione inizialmente i risultati sono stati positivi, nonostante la persistenza del virus e in particolare del ceppo 16.
A gennaio 2020 ho ricevuto nuovamente un pap test alterato con esito L-SIL e ho quindi eseguito la colposcopia che ha rilevato solo una condilomatosi piana ma non lesioni.
Per questo motivo mi hanno dato follow up a sei mesi che ho effettuato questo mese.
La ginecologa alla visita ha refertato un quadro colposcopico esattamente invariato rispetto a quello precedente, tuttavia Ieri ho ricevuto il risultato del pap test che riporta un H-SIL.
Ora mi sento piuttosto confusa e preoccupata, non riesco bene ad interpretare questa discrepanza che c’è tra il quadro colposcopico e il pap test.
Mi chiedo se possa essere dovuta alla condilomatosi e quindi che non ci sia nuovamente un CIN 3 o se invece la probabilità che ci sia e’ alta nonostante non abbiano evidenziato lesioni.
Mi hanno dato come indicazione un follow up a 4 mesi, tuttavia considerata anche la preoccupazione non so se sia sensato farlo prima.
Vorrei aggiungere che ho 26 anni e che l’idea di effettuare un altra conizzazione mi preoccupa anche in vista di future gravidanze.
Grazie per l’aiuto

[#1]  
Dr. Nicola Blasi

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
BARI (BA)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Considerazione molto importante da effettuare è quella di una lettura dell'esame istologico sul tessuto asportato con LEEP .
La lesione è tutta contenuta nella parte asportata?
I limiti del tessuto asportato sono ESENTI da lesione ?
I limiti sono istologicamente integri e leggibili ?
Soltanto in questo modo è possibile interpretare l'evoluzione della displasia. (CIN3)
SALUTI
dott.Nicola Blasi
specialista in Ginecologia e Ostetricia. Patologia Cervico-vaginale e vulvare.

BARI

[#2] dopo  
Utente
Buonasera,
Il risultato dell’istologico sul tessuto asportato nel Gennaio 2019 era il seguente: "lesione squamosa intraepiteliale di alto grado ( CIN2/3-HSIL) con alterazioni citopatiche virali. Le alterazioni citopatiche virali sono osservate in corrispondenza del margine chirurgico esocervicale."
Mi avevano assicurato comunque che la lesione era stata asportata per intero.
Grazie

[#3]  
Dr. Nicola Blasi

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
BARI (BA)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Le alterazioni citopatiche virali sono presenti su margine chirurgico esocervicale , questo giustifica la persistenza
dott.Nicola Blasi
specialista in Ginecologia e Ostetricia. Patologia Cervico-vaginale e vulvare.

BARI

[#4] dopo  
Utente
Buongiorno,
Mi scusi questo significa che la lesione non era stata asportata per intero? Quindi come dovrei interpretarlo questo risultato di HSIL che ho adesso senza evidenza di lesioni colposcopiche? Non capisco se devo davvero aspettare o andare subito a rifare la colposcopia con anche una biopsia
Grazie

[#5]  
Dr. Nicola Blasi

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
BARI (BA)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Si rivaluta con un PAPTEST e colposcopia
dott.Nicola Blasi
specialista in Ginecologia e Ostetricia. Patologia Cervico-vaginale e vulvare.

BARI