Utente 166XXX
Buona sera,

mi chiamo Daniele, ho 26 anni.
Vorrei sapere se il mio bruxismo può essere all'origine dei sintomi che descrivo sotto, che persistono ormai da 3 anni abbondanti. Nel caso avrei bisogno di indicazioni sull'l'iter migliore dalla diagnosi alla cura.

Soffro di bruxismo, confermato dal mio dentista. Più precisamente, la notte tendo a serrare fortissimo la mascella, senza strisciamento delle arcate.
Soffro lievemente anche di "morso profondo", non ho denti cariati o altre patologie ai denti o del cavo orale.

I sintomi che credo siano correlati sono (tutti solo nella parte destra):

- linfoadenopatia latocervicale e sottomandibolare visibile in ecografia e risonanza magnetica ed è persistente praticamente tutto l'anno con linfonodi reattivi di max 16mm.
- leggero senso di orecchio ovattato, leggero mal di orecchio e leggeri acufeni. Questo sintomo va e viene, compare soprattutto in inverno.
- Indolenzimento dei muscoli del collo e del trapezio. Questo sintomo è sempre lievemente presente e si accentua nei periodi in cui "bruxo" di più.
- Sapore cattivo in bocca tipo "dente malato" dietro l'ultimo dente dell'arcata superiore. Il sintomo si accentua nei periodi in cui "bruxo" di più.
- Gonfiore gengivale e dei tessuti molli nella parte posteriore dell'arcata superiore. Il sintomo si accentua nei periodi in cui "bruxo" di più.

Per escludere possibili patologie che interessassero i linfonodi, ho fatto diverse analisi del sangue e una biopsia al linfonodo più gonfio, che era di 16mm. Tutte le analisi erano negative.
Guardando le immagini della RM si nota palesemente che il massetere destro è molto più grande del sinistro, circa il 50% in più.

Spero di averVi fornito un quadro chiaro che Vi aiuti ad aiutarmi...

Sentiti ringraziamenti,

Daniele.

[#1] dopo  
Dr. Sergio Formentelli

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
16% attualità
20% socialità
MONDOVI' (CN)
GENOVA (GE)
LIVORNO FERRARIS (VC)

Rank MI+ 84
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Linfoadenopatia:
improbabile ma non impossibile, se non come concausa di una catena di eventi che hanno portato ad una malattia del sostegno dei denti (malattia paradontale).

Ovattamento, mal d'orecchio, acufeni:
molto probabile.

Gonfiore gengivale: possibile concausa.

Sapore cattivo in bocca: c'è qualcos'altro, verosimolmente legato al dente.
Il bruxismo peggiora la situazione.

Consulti uno gnatologo.
www.studioformentelli.it
Attività prevalente: Gnatologia e
Implantologia (scuola italiana)

[#2] dopo  
Utente 166XXX

Gentile Dr. Formentelli,

grazie molte per la sollecita risposta.
In effetti il Suo parere riguardo la linfoadenopatia rispecchia il parere già raccolto, dal mio medico di base. Suggerirò la verifica della malattia paradontale da Lei ipotizzata durante la visita dallo specialista.

Vorrei chiederLe un chiarimento:
se ho ben capito, la malattia paradontale ipotizzata, che potrebbe aver dato luogo alla linfoadenopatia, potrebbe essere stata causata dal bruxismo di cui soffro?

Se così fosse, in attesa della visita specialistica, quale tipo di esami potrei svolgere, da portare allo gnatologo nella prima visita, in modo da fornirgli elementi utili?

La ringrazio di nuovo per la risposta e per la cortesia.

Daniele.

[#3] dopo  
Dr. Sergio Formentelli

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
16% attualità
20% socialità
MONDOVI' (CN)
GENOVA (GE)
LIVORNO FERRARIS (VC)

Rank MI+ 84
Iscritto dal 2006
Nessuno.

Lo gnatologo " E' L'ESAME SPECIALISTICO"!
Sarà lui, insieme al dentista generico, a valutare se esiste tartaro o altri fattori che sostengano la malattia paradontale.
www.studioformentelli.it
Attività prevalente: Gnatologia e
Implantologia (scuola italiana)

[#4] dopo  
Dr. Daniele Tonlorenzi

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
16% attualità
20% socialità
CARRARA (MS)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2006
Spero trovi interessante l'articolo https://www.medicitalia.it/minforma/odontoiatria-e-odontostomatologia/699-bruxismo-riconoscerlo-affrontarlo.html. Le correlazioni tra mal di collo e disturbi della mandibola Le trova a http://www.danieletonlorenzi.it/?p=169. La terapia è il bite http://www.danieletonlorenzi.it/?p=115.
Riguardo al sapore di "dente malato" concordo con il collega Formentelli, ci deve essere qualcos'altro, per caso ha fatto Rx della zona in questione?
http://www.medicitalia.it/dtonlorenzi/curriculum

[#5] dopo  
Utente 166XXX

Dr. Formentelli e Dr. Tonlorenzi,

grazie delle sollecite e cortesi risposte.
Dr. Tonlorenzi, per uno strano caso avevo già letto tutti e tre i link da lei indicati.
Sono già in possesso di un bite rigido per l'arcata superiore, fatto dal dentista e devo dire che nell'usarlo trovo un certo giovamento.
Purtroppo non ho Rx della zona ma solo una panoramica completa di qualche anno fa e una RM testa e collo di un anno fa.
Durante la visita specialistica porterò i referti.

Mi sono ricordato anche di aver letto da qualche parte che nella mia situazione potrebbero essere anche coinvolti i dotti salivari che possono infiammarsi, e che ci sono esami (endoscopici?) per verificare tale eventualità.

Grazie per l'interessamento.

Daniele.

[#6] dopo  
Dr. Daniele Tonlorenzi

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
16% attualità
20% socialità
CARRARA (MS)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2006
http://www.danieletonlorenzi.it/?category_name=come-fare-una-protesi-corretta guardi la figura 3 e la 5. Essere gnatologi è sapere montare i modelli in questa posizione.
Faccia una radiografia digitale di tutti i denti o una endorale più piccola.
Saluti
Daniele Tonlorenzi
http://www.medicitalia.it/dtonlorenzi/curriculum

[#7] dopo  
Utente 166XXX

Gentile Dr. Tonlorenzi,

in seguito al suo e agli altri pareri, ho deciso di programmare due visite specialistiche: una gnatologica e una paradontologica.

la visita gnatologica la farò da uno gnatologo diverso da quello che tempo fa mi fece il bite senza misurazioni o rilevazioni strumentali, ma solo a seguito di manipolazioni manuali.

Ringrazio della cortesia lei e il dr. Formentelli.

Saluti,

Daniele.

[#8] dopo  
Dr. Daniele Tonlorenzi

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
16% attualità
20% socialità
CARRARA (MS)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2006
Anche le manipolazioni manuali, se ben fatte, hanno una loro dignità. Ma fare un buon bite non è facile.
http://www.medicitalia.it/dtonlorenzi/curriculum